will-have-been-2022-gewesei-sein-wird-pirker-recensione

WILL HAVE BEEN

      Nessun commento su WILL HAVE BEEN

This post is also available in: Deutsch (Tedesco)

di Sasha Pirker

voto: 8

In Will have been gli ambienti vengono osservati con estremo rispetto, vengono valorizzati in ogni loro aspetto da poche, semplici carrellate e dettagli. Nostalgia, ma anche una gradita ironia fanno da protagonisti, mentre Lilli Breuer-Guttmann ci racconta di suo padre, l’artista viennese Heinz Frank. Alla Viennale 2022.

A casa di Heinz

L’appartamento dell’artista viennese Heinz Frank (1939 – 2020) è grande soltanto 30mq. Eppure, al suo interno, si può comprendere appieno l’essenza delle sue opere e della sua stessa personalità. E, infatti, il cortometraggio Will have been, diretto da Sasha Pirker e presentato in anteprima in Austria in occasione della Viennale 2022 si presenta non soltanto come un sentito omaggio a Frank, ma anche come suo singolare ritratto. Un ritratto intimo e personale raccontato proprio da sua figlia, Lilli Breuer-Guttmann.

Le pareti bianche e rosse dell’appartamento di Heinz Frank ci sembrano, inizialmente, quasi immagini astratte. La macchina da presa si muove lentamente e in modo estremamente riverente. Una voce inizia a raccontarci di quel singolare ambiente: la voce della figlia di Frank, la quale ben presto si palesa davanti all’obiettivo della telecamera e, insieme a noi, inizia una sorta di “viaggio” nel mondo di suo padre, raccontandoci le sue abitudini, piccoli aneddoti riguardanti il loro rapporto e mostrandoci anche un enorme quaderno contenente alcuni suoi disegni.

Will have been, dunque, è un fedele e affezionato ritratto di qualcuno che, pur essendo assente, si fa sentire sul grande schermo con tutta la sua importante presenza. Una lettera indirizzata a una persona che non c’è più e che si presenta quasi come un naturale compimento delle opere che l’artista ha realizzato nel corso della sua vita. Il suo appartamento è piccolo, ma estremamente accogliente, funzionale e personale. In ogni angolo possiamo vedere come l’artista aveva studiato tutto fin nel più piccolo dettaglio, in modo da creare anche un ambiente ottimale per lavorare.

Interessante notare come Sasha Pirker si trovi particolarmente a proprio agio quando si tratta di filmare locali o edifici. Cinema e architettura trovano nei suoi film sempre un’ottima combinazione e nella rappresentazione degli ambienti a mo’ di figure astratte vediamo come ogni elemento acquisti immediatamente tridimensionalità. Basti pensare, ad esempio, al documentario The Future will not be capitalist (2010), in cui veniva osservata da vicino la sede del Partito Comunista a Parigi, progettata da Oscar Niemeyer.

In Will have been gli ambienti vengono osservati con altrettanto rispetto, vengono valorizzati in ogni loro aspetto da poche, semplici carrellate e dettagli. Nostalgia, ma anche una gradita ironia fanno da protagonisti, mentre Lilli Breuer-Guttmann ci racconta di suo padre, mentre sfoglia il suo quaderno, mentre misura la sua altezza sulle pareti, sapientemente rivestite di legno fino a dove, appunto, Heinz Frank era alto. E alla fine del film ci sentiamo immediatamente vicini alla figura del protagonista, pur non avendolo mai visto.

Un’operazione, la presente, indubbiamente coraggiosa, dal momento che non è facile rendere così viva sullo schermo una persona che non vediamo mai. Un approccio simile era stato adottato, con successo, da Gastón Solnicki nel suo documentario Introduzione all’Oscuro (2018), dedicato allo storico direttore della Viennale Hans Hurch, recentemente scomparso, e in cui oggetti, cartoline e fotografie rappresentavano alla perfezione ciò che Hurch era stato in vita. In Will have been il protagonista vive attraverso la sua casa. E alla fine del film abbiamo quasi l’impressione di averlo incontrato almeno una volta nella vita.

Titolo originale: Gewesen sein wird
Regia: Sasha Pirker
Paese/anno: Austria / 2022
Durata: 17’
Genere: documentario, sperimentale
Cast: Lilli Breuer-Guttmann
Sceneggiatura: Sasha Pirker
Fotografia: Ortrun Bauer
Produzione: Sasha Pirker

Info: la scheda di Will have been sul sito della Viennale; la scheda di Will have been sul sito di Sasha Pirker; la scheda di Will have been sul sito della sixpackfilm