Categoria: Storia

mr.-pim-s-trip-to-europe-das-notizbuch-des-mr.-pim-vienna-rossa-rotes-wien-red-vienna-cinema-austriaco

VIENNA ROSSA E IL MONDO DI MR. PIM

A partire dagli anni Venti, in Russia si sperimentavano nuovi modi di messa in scena attraverso un uso innovativo del montaggio. Da tale fermento artistico fu influenzato anche il regista Franz Rossak nel realizzare Mr. Pim’s Trip to Europe. Il film era stato concepito come film di propaganda per il partito socialdemocratico della Vienna Rossa. Realtà e finzione, ma anche vecchio e nuovo si incontrano, qui, per dar vita a qualcosa di totalmente innovativo per l’epoca e con ben precise finalità.

niente-di-nuovo-sul-fronte-occidentale-im-westen-nichts-neues-all-quiet-on-the-western-front-cinema-austriaco

NIENTE DI NUOVO SUL FRONTE OCCIDENTALE – VERSO UNA NUOVA CONSAPEVOLEZZA

Nel 1928 la Vossische Zeitung pubblicò per la prima volta, a puntate, Niente di nuovo sul Fronte occidentale. Erich Maria Remarque era ancora un autore praticamente sconosciuto. Finalmente, si aveva un’immagine della guerra osservata da chi l’aveva vissuta in prima persona combattendo sul fronte. La guerra veniva qui considerata come un evento finalizzato soltanto ad arricchire i potenti.

cinema-proletario-austriaco-rivolta-di-luglio-cinema-austriaco

IL CINEMA PROLETARIO AUSTRIACO – LA RIVOLTA DI LUGLIO

I film Die Schreckentage von Wien di Rudi Mayer e Ottobre di Sergei Eisenstein trattano due argomenti simili, ma ci appaiono, al contempo, del tutto antitetici per quanto riguarda l’approccio registico scelto. Mentre nel film di Mayer, infatti, la Rivolta di luglio ci mostra sostanzialmente come una protesta abbia causato ingenti danni alla città, il film di Eisenstein mette in primo piano i bisogni dei cittadini.

cinema-proletario-austriaco-documentari-e-cinegiornali-cinema-austriaco

IL CINEMA PROLETARIO AUSTRIACO – DOCUMENTARI E CINEGIORNALI

Per quanto riguarda la nascita del cinema proletario austriaco, i documentari che ci mostrano non soltanto scioperi e proteste, ma anche eventi del calibro di cerimonie funebri si sono rivelati degli ottimi documenti storici atti a mostrarci la partecipazione del popolo a determinate manifestazioni, ma anche la considerazione che veniva dedicata alle diverse classi sociali.

prima-e-dopo-la-prima-guerra-mondiale-cinema-austriaco

PRIMA E DOPO LA PRIMA GUERRA MONDIALE

Negli anni a ridosso della Prima Guerra Mondiale si sentiva più forte che mai la necessità di difendersi dalle brutture di un presente drammatico e di aggrapparsi a ogni minima speranza per il futuro. La settima arte non è rimasta indifferente e in questi anni ha preso una direzione totalmente nuova, facendosi portavoce di ogni essere umano, delle sue debolezze, delle sue paure, del suo disperato desiderio di felicità.

i-mille-volti-della-guerra-cinema-austriaco

I MILLE VOLTI DELLA GUERRA

I film di propaganda realizzati durante la Prima Guerra Mondiale erano pensati soprattutto per trasmettere alla nazione e a tutto il mondo l’immagine di un’Austria forte, vincente, che avrebbe fatto di tutto per il bene dei suoi cittadini. Eppure vi sono determinati documentari che, quasi inavvertitamente, trasmettevano al pubblico un messaggio ben diverso.