Genere: sperimentale

i-wretched-man-2019-ich-armer-mensch-wilpling-recensione

I WRETCHED MAN

Non solo I Wretched Man, si rivela un’opera fortemente sperimentale e pregna di significato nel rappresentare i tormenti dell’uomo e il suo costante e lacerante senso di colpa. Questo interessante lavoro di Bastian Wilpling colpisce soprattutto per la sua raffinatissima cifra stilistica, perfettamente in grado di creare una riuscita commistione tra cinema, musica, pittura e, non per ultimo, teatro.

falls-ich-es-schaffe-oder-pardon-my-donkey-thumbs-2016-szostak-recensione

FALLS ICH ES SCHAFFE ODER PARDON MY DONKEY THUMBS

Non mancano, all’interno di Falls ich es schaffe oder Pardon my donkey thumbs citazioni alla storia del cinema stesso. E Pawel Szostak, dal canto suo, non tenta assolutamente di celare questa sua fascinazione nei confronti della settima arte, ma, al contrario, sembra implicitamente sostenere che la stessa – probabilmente – sia l’unica risposta e l’unica soluzione agli interrogativi precedentemente sollevati.

t-t-t-touch-me-2017-reichl-recensione

T T T TOUCH ME

Non è un caso che Raphael Reichl, in questo suo TTT Touch me, abbia optato per l’uso della pellicola, piuttosto che del digitale. Questa sua scelta vuole essere quasi un modo di ribellarsi alla tecnologia imperante, la quale riguarda non solo la vita della gente, ma anche il cinema stesso. Ed ecco che l’eterna disputa tra analogico e digitale viene messa qui in primo piano.

night-fly-2019-blitz-recensione

NIGHT FLY

Chi siamo? Quanto sono destinate a durare nel tempo le tracce che lasciamo su questo mondo? Night Fly di Betty Blitz vede un modo totalmente nuovo di osservare la realtà che ci circonda, per una maniera del tutto soggettiva di considerare non soltanto una singola città, ma – più in generale – il mondo intero, con la sua costante urbanizzazione e la incalzante nascita di nuovi, singolari universi, interrogandosi sul senso delle cose, ma senza voler dare a tutti i costi precise risposte in merito.

daemonische-leinwaende-2019-martinz-kozek-hoerl-recensione

DÄMONISCHE LEINWÄNDE

Dämonische Leinwände non vuole assolutamente prendersi sul serio, non vuole aggiungere nulla a quanto realizzato in passato, ma si presenta – se si può dire – come una vera e propria dichiarazione d’amore dedicata a uno dei generi cinematografici più amati di tutti i tempi. Il tutto anche con una gradita dose di umorismo.