Author Archives: Marina Pavido

la-esperanza-1980-heinrich-held-heinrich-recensione

LA ESPERANZA

La Esperanza, girato in Super8, è un documentario che non lascia nulla all’immaginazione, che testimonia fedelmente ciò che accade dall’altra parte del mondo, che ci mostra immagini dolorose e che, attraverso i racconti di chi è coinvolto in prima persona in questo “percorso di rinascita”, dà vita a un affresco sincero ed esaustivo della vita di un popolo che ancora paga le conseguenze di anni di dittatura.

fever-2014-fieber-mikesch-recensione

FEVER

Realtà e immaginazione. Passato e presente. Guerra e pace. Dolore e serenità. In Fever tutti questi elementi fanno da protagonisti assoluti, spesso si confondono, ci confondono, ma, tutti insieme, puntano il dito direttamente contro ogni guerra, responsabile di aver rovinato la vita di milioni di persone.

franz-antel-il-re-dellintrattenimento-biografia-cinema-austriaco

FRANZ ANTEL – IL RE DELL’INTRATTENIMENTO

Malgrado nel corso della sua carriera abbia girato più di cento film, per molto tempo Franz Antel fu considerato un semplice regista d’intrattenimento. Eppure, ben presto, ci si accorse che la vera peculiarità di Antel era proprio la sua grande capacità di rapportarsi a ogni possibile genere cinematografico, realizzando ogni volta lungometraggi sì leggeri, ma anche ben studiati, in cui nulla veniva lasciato al caso.

breitenseer-lichtspiele-il-cinema-piu-antico-di-vienna-cinema-austriaco

BREITENSEER LICHTSPIELE – IL CINEMA PIÙ ANTICO DI VIENNA

Il Breitenseer Lichtspiele è il cinema più antico di Vienna ancora attivi, nonché uno dei cinema più antichi del mondo, che ancora oggi continuano a proiettare film per spettatori di tutte le età. Fondato nel 1905 – a dieci anni dall’invenzione del cinematografo da parte dei fratelli Lumière – questo piccolo cinema ha spesso rischiato di chiudere, ma, ancora oggi, continua la sua attività.

mister-karl-2008-mayer-recensione

MISTER KARL

In Mister Karl il regista Kurt Mayer ha optato per un approccio classico, che, in questo caso, si rivela un’ottima soluzione. Un approccio classico e una struttura ellittica che punta innanzitutto a commuovere il pubblico e a omaggiare il grande Karlheinz Böhm, la sua carriera, la sua straordinaria generosità.