Categoria: Recensioni

der-heideboden-1933-aavv-recensione

DER HEIDEBODEN

Un andamento principalmente contemplativo fa da leit motiv in Der Heideboden. Un documentario di indubbia importanza storica che, malgrado una regia piuttosto elementare, fa da perfetto testimone di un’epoca passata, in cui il cinema poteva assumere soltanto determinate connotazioni. Un’epoca le cui conseguenze si sono fatte sentire per molti e molti anni. Ma anche, al contempo, un’epoca in cui, nonostante tutto, il cinema non si è fermato.

neuguinea-1906-poch-copyright-osterreichische-mediathek-recensione

NEUGUINEA

Realizzato dall’etnografo Rudolf Pöch nel 1906, Neuguinea fa parte di una serie di documentari realizzati nei primi anni del Novecento al fine di studiare le diverse etnie in tutto il mondo. Si tratta di uno dei primi film prodotti in Austria dopo l’invenzione del cinematografo.

life-eternal-2015-das-ewige-leben-murnberger-recensione

LIFE ETERNAL

Nessuno è realmente innocente in Life eternal. E così come vengono a galla antiche colpe risalenti al passato, pian piano si scopre anche che chi inizialmente avevamo considerato come un personaggio del tutto negativo, in fondo in fondo ha anche un lato tenero e affettuoso.

menaggio-am-comersee-1913-aavv-recensione

MENAGGIO AM COMER SEE

Già dai primi anni dalla diffusione del cinematografo numerosi erano i documentari turistici atti a testimoniare le bellezze non solo dell’Austria, ma anche delle terre del suo impero. E così, dunque, nel 1913 ha visto la luce anche il presente Menaggio am Comer See (tradotto letteralmente: “Menaggio sul Lago di Como”), prodotto dalla Sascha-Film.

donauballade-1956-aavv-recensione

DONAUBALLADE

Sono poetiche immagini di turisti intenti a chiacchierare e a prendere il sole a bordo di un’imbarcazione, enormi distese di verde, abitanti di villaggi impegnati nelle loro attività quotidiane e – non per ultima – una curata fotografia dai colori pastello il vero marchio di fabbrica dell’intero Donauballade, così come della maggior parte dei documentari del genere prodotti in questi anni.

la-rapina-2000-der-uberfall-flicker-recensione

LA RAPINA

Nessuno è realmente innocente o del tutto colpevole, in La Rapina. O, meglio ancora, ognuno dei tre personaggi è vittima e carnefice allo stesso tempo. E questo lungometraggio di Florian Flicker si distingue innanzitutto per un buon lavoro di scrittura, grazie al quale momenti di tensione si alternano sapientemente a scene ben più leggere.

durch-die-wachau-1930-koefinger-recensione

DURCH DIE WACHAU

Ripensando ai primi film di Karl Köfinger ricordiamo come – di fianco a un copioso uso di inquadrature fisse – si era optato principalmente per dei totali atti a mostrare le realtà rappresentate nel loro insieme. Eppure nel presente Durch die Wachau viene messo in primo piano l’essere umano stesso.