Genere: animazione

bio-graphics-1992-nana-swiczinsky-recensione-review-kritik

BIO-GRAPHICS

Bio-Graphics di Nana Swiczinsky è un’originale autobiografia che ci coinvolge immediatamente con le sue forme a volte insolite e i suoi colori. Una dichiarazione d’amore all’arte quale fedele compagna di vita.

the-man-with-modern-nerves-1988-der-mensch-mit-den-modernen-nerven-bady-minck-stefan-stratil-recensione-review-kritik

THE MAN WITH MODERN NERVES

In The Man with modern Nerves Bady Minck e Stefan Stratil si sono divertiti a giocare con forme e dettagli dando vita a un vero e proprio inno alla bellezza e all’arte in ogni sua forma. Tempo e spazio si fanno attori essenziali. Con il passare del tempo il progetto di Adolf Loos ha finalmente visto la luce in una forma del tutto innovativa. Nello spazio – inteso sia come spazio fisico che come spazio filmico – la sua creazione trova il suo massimo compimento.

im-a-star-2002-stefan-stratil-recensione-review-kritik

I’M A STAR!

Da sempre desideroso di sperimentare nuovi linguaggi attraverso tecniche già più e più volte utilizzate, Stefan Stratil non ha mai avuto paura di osare, di tentare nuove strade e nuovi percorsi. E in I’m a Star! il regista ha saputo rendere appieno l’essenza dei tormenti amorosi ed esistenziali del grande Frank Sinatra.

how-to-disappear-2020-total-refusal-recensione-review-kritik

HOW TO DISAPPEAR

Sparatorie, ma anche momenti di attesa fanno, in How to disappear, da protagonisti assoluti. Una totale assenza di musiche ci mostra le situazioni rappresentate in tutta la loro brutalità e insieme a inquadrature spesso ribaltate ci fa capire come la guerra stessa (a prescindere dai contesti in cui la si consideri) sia qualcosa di totalmente innaturale. Il collettivo Total Refusal, dunque, ancora una volta ha colpito nel segno.

women-nico-2021-fisslthaler-recensione-review-kritik

*WOMEN (NICO)

*Women (Nico), proprio partendo dalla figura della leggendaria cantante, apre un discorso ben più complesso e attuale di quanto inizialmente possa sembrare, assumendo immediatamente connotazioni universali e rendendo omaggio, al contempo, a un’artista che ha fatto la storia della musica (e della cultura pop) del secolo scorso. Alla rassegna Sotto le Stelle dell’Austria 2023.

the-body-is-so-resilient-2021-vonstadl-recensione-review-kritik

THE BODY IS SO RESILIENT

In The Body is so resilient, Moana Vonstadl ha loptato per una messa in scena tanto minimalista quanto incredibilmente efficace. La figura di Eva ha denti aguzzi e occhi che bramano qualcosa di non ben definito. Ha bisogno di nutrirsi, di nutrire il proprio io, di liberarsi da quel mondo grigio in cui è rimasta imprigionata per molto, troppo tempo. Alla rassegna Sotto le Stelle dell’Austria 2023.