Categoria: 2011

low-definition-control-malfunctions-2011-palm-recensione

LOW DEFINITION CONTROL

Diviso in sette capitoli, Low Definition Control si concentra principalmente sul lavoro che le grandi istituzioni – vedi, ad esempio, la polizia o anche la medicina stessa – compiono affinché ogni qualsivoglia aspetto della nostra quotidianità venga costantemente monitorato. Ed ecco che, pian piano, è l’atto del vedere in sé che viene messo sotto i riflettori. L’atto del vedere osservato perfettamente in parallelo con il cinema stesso e con le connotazioni che lo stesso ha assunto in epoca postmoderna, dove ormai non c’è più nulla che viene celato all’occhio dello spettatore e dove è lo spettatore stesso a voler vedere di più. Sempre di più.

chalet-girl-2011-traill-recensione

CHALET GIRL

A poco serve l’indubbio carisma di Felicity Jones. A poco servono riusciti siparietti comici messi in scena da Bernhardt, custode dello chalet impersonato dall’austriaco Gregor Bloéb: Chalet Girl di Phil Traill – frutto di una coproduzione tra Gran Bretagna, Germania e Austria – è, purtroppo, una commediola piatta e priva di mordente, che vede al proprio interno risvolti alquanto prevedibili e talvolta anche forzati.

michael-2011-schleinzer-recensione

MICHAEL

Con un approccio registico il più possibile essenziale – e con evidenti influenze da parte del cinema di Michael Haneke – Markus Schleinzer – insieme a Kathrin Resetarits – ha effettuato in Michael un sapiente lavoro di sottrazione nel mettere in scena le vicende dei due protagonisti. Un lavoro di sottrazione fatto di inquadrature essenziali, camera fissa e dialoghi ridotti all’osso. In concorso al Festival di Cannes 2011.

breathing-2011-atmen-markovics-recensione

BREATHING

Come lo stesso titolo sta a suggerire, in Breathing, opera prima di Karl Markovics, l’aria è, dopo l’acqua, il secondo elemento centrale all’interno del presente lavoro. Costretto in un mondo poco consono alla sua età e che non sembra affatto appartenergli, Roman si sente soffocare e, pur non avendo le branchie, paradossalmente è proprio sott’acqua che riesce a respirare davvero, trovando una propria, insolita dimensione.