Categoria: Anni 2010

reign-of-silence-2013-marxt-recensione

REIGN OF SILENCE

In Reign of Silence la parola viene lasciata esclusivamente alle immagini. Non v’è bisogno di nient’altro, nemmeno di ridondanti didascalie o di musiche. Cinema allo stato puro. Un approccio registico sicuramente estremo, ma anche incredibilmente maturo e consapevole. Un approccio registico che Lukas Marxt ha mantenuto nel corso degli anni.

in-her-boots-2019-steinbacher-recensione

IN HER BOOTS

In her Boots è un tenero e variopinto viaggio nella mente di una signora affetta da demenza senile. Una signora che vive insieme a sua nipote e che, magicamente, riesce a trovarsi ora a scalare le montagne, ora a fluttuare libera nell’aria, ora a danzare nuda in salotto. Le sue scarpe sono ormai vecchie. Eppure non hanno perso i loro poteri magici. La donna non riesce assolutamente a separarsene.

looking-for-oum-kulthum-2017-auf-der-suche-nach-oum-kulthum-neshat-recensione

LOOKING FOR OUM KULTHUM

In Looking for Oum Kulthum Shirin Neshat si perde nelle sue riflessioni, mette i tormenti interiori della protagonista al centro dell’attenzione e fa sì che proprio il personaggio di Oum Kulthum passi inevitabilmente in secondo piano. Alla 74° Mostra del Cinema di Venezia – sezione Giornate degli Autori.

apfelmus-2019-gratzer-recensione

APFELMUS

Apfelmus pone numerose e complesse questioni, eppure, al contempo, si distingue per la sua leggerezza, per la sua spensieratezza, per la sua semplicità. Diviso in quattro parti – con altrettante inquadrature – questo piccolo e delicato cortometraggio di Alexander Gratzer si distingue per un’estetica minimalista con disegni bidimensionali dai colori pastello che tanto stanno a ricordarci il cinema d’animazione francese.

whores-glory-2011-glawogger-recensione

WHORES’ GLORY

Una grande malinconia e un profondo senso di solitudine pervadono Whores’ Glory. Un documentario corale, variopinto, ma anche incredibilmente toccante e desolante. Non una, ma tante storie che soltanto lo sguardo attento e sensibile di Michael Glawogger avrebbe potuto raccontare così bene.

but-beautiful-2019-wagenhofer-recensione

BUT BEAUTIFUL

In But Beautiful si parte da un discorso più attuale che mai: il rispetto dell’ambiente, la condizione delle donne e l’urgente bisogno di ritrovare sé stessi in un mondo in cui i contatti interpersonali sembrano voler diventare sempre più superficiali, dal momento che tendiamo tutti a diventare sempre più individualisti. Vincitore del Premio del Pubblico agli Österreichischer Filmpreis 2021.

biest-2014-muller-recensione

BIEST

Biest è stato realizzato con un budget molto basso. Eppure, nonostante ciò, Stefan Müller è riuscito a mettere in scena un piccolo lungometraggio complessivamente dignitoso, seppur con qualche ingenuità di fondo.