Genere: documentario

favoriten-2024-ruth-beckermann-recensione-review-kritik

FAVORITEN

Allegro, toccante, variopinto, straordinariamente vivo e pulsante. Favoriten è tutto ciò e molto di più. E in tre anni di lavorazione Ruth Beckermann è riuscita a catturare ogni singolo aspetto della vita dei bambini, regalandoci momenti di pura bellezza. Alla Berlinale 2024, all’interno della sezione Encounters.

living-in-a-box-2000-jorg-kalt-recensione-review-kritik

LIVING IN A BOX

Il regista Jörg Kalt ascolta attentamente i protagonisti senza mai giudicare, ma diventando immediatamente loro prezioso confidente. Il suo Living in a Box ci racconta di ognuno di loro, di tanti equilibri all’interno di ambienti minuscoli che, a loro volta, possono spesso rivelarsi piccoli angoli di felicità.

the-last-real-men-1994-die-letzten-manner-ulrich-seidl-recensione-review-kritik

THE LAST REAL MEN

In The last real Men la macchina da presa di Ulrich Seidl resta costantemente fissa nel mostrarci i protagonisti mentre raccontano di volta in volta le proprie esperienze. Per quasi tutta la durata del documentario, come sovente accade, appunto, nelle sue opere, la realtà ci viene mostrata così com’è. E nel mostrarsi così com’è viene fuori con tutta la sua assurdità e la sua ridicolaggine, finendo per rivelarsi molto più pericolosa di quanto possa inizialmente sembrare.

children-film-1985-kindefilm-peter-schreiner-recensione-review-kritik

CHILDREN FILM

In Children Film, Peter Schreiner sa bene cosa vuole trasmettere al pubblico e lo fa in modo semplice e diretto, lasciando che le immagini parlino semplicemente da sé, facendoci sentire immediatamente parte di quel mondo in cui il tempo sembra essersi fermato.

reimo-wukounig-der-schmerzraum-des-zoglings-33-2023-peter-putz-recensione-review-kritik

REIMO WUKOUNIG – DER SCHMERZRAUM DES ZÖGLINGS 33

Il documentario Reimo Wukounig – Der Schmerzraum des Zöglings 33 di Peter Putz si distingue per aver messo il protagonista nelle condizioni giuste per potersi esprimere senza lesinare dettagli o parole forti, in quella che è a tutti gli effetti una celebrazione della sua carriera. Al K3 Film Festival 2023.

rettl-sich-wer-kann-2023-rauter-cazzee-recensione-review-kritik

RETTL SICH WER KANN

Rettl sich wer kann si distingue per il suo ritmo frizzante e per la sua spiccata, piacevole ironia e autoironia. Una costante musica ci accompagna durante questo bizzarro e originale viaggio e, insieme a vecchie fotografie, a interviste con i proprietari dell’azienda e a filmati di repertorio rende questa particolare esperienza particolarmente vivace e allegra. Al K3 Film Festival 2023.