Genere: documentario

sekundenarbeiten-2021-perschon-recensione

SEKUNDENARBEITEN

Sekundenarbeiten è interamente girato in pellicola. Il ritorno alla vera essenza del cinema. Allo stesso modo, il foglio bianco di Liselott Berschorner ci appare quasi come una sorta di diamante grezzo. Un diamante grezzo che sta per essere scolpito davanti ai nostri occhi e che, proprio grazie a questo suo particolare processo di lavorazione, ci sembra ancora più prezioso. Alla Viennale 2021.

krai-2021-lapin-recensione

KRAI

Krai è un film intimo e personale, che ci fa immediatamente sentire parte di un mondo a noi inizialmente sconosciuto. Il regista ha optato per un approccio il più essenziale possibile. La realtà da lui raccontata non ha bisogno di ulteriori orpelli ed è meravigliosa così com’è. Metacinema e documentario si fondono per dar vita a qualcosa di tenero, ironico, ma anche incredibilmente commovente.

reign-of-silence-2013-marxt-recensione

REIGN OF SILENCE

In Reign of Silence la parola viene lasciata esclusivamente alle immagini. Non v’è bisogno di nient’altro, nemmeno di ridondanti didascalie o di musiche. Cinema allo stato puro. Un approccio registico sicuramente estremo, ma anche incredibilmente maturo e consapevole. Un approccio registico che Lukas Marxt ha mantenuto nel corso degli anni.

kundgebung-fur-kaiser-franz-joseph-vor-dem-brigittenauer-kino-anlasslich-seines-geburtstages-1910-aavv-recensione

KUNDGEBUNG FÜR KAISER FRANZ JOSEPH VOR DEM BRIGITTENAUER KINO ANLÄSSLICH SEINES GEBUTRSTAGES

La fascinazione nei confronti della settima arte viene trasmessa in tutta la sua potenza, in Kundgebung für Kaiser Franz Joseph vor dem Brigittenauer Kino anlässlich seines Geburtstages. E benché il cinematografo fosse stato inventato già da diversi anni ormai, la cosa stava a rappresentare ancora, in Austria, un evento del tutto straordinario.

der-ball-1982-seidl-recensione

DER BALL

Grande assente alla 78° Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia, Ulrich Seidl è un regista da cui ci si aspetta molto. Persino quando si tratta di vedere uno dei suoi primi film. E infatti, anche nel caso di Der Ball – realizzato nel 1982 – il grottesco e il ridicolo che si evincono dalle immagini che ci vengono mostrate divengono immediatamente i protagonisti assoluti.

whores-glory-2011-glawogger-recensione

WHORES’ GLORY

Una grande malinconia e un profondo senso di solitudine pervadono Whores’ Glory. Un documentario corale, variopinto, ma anche incredibilmente toccante e desolante. Non una, ma tante storie che soltanto lo sguardo attento e sensibile di Michael Glawogger avrebbe potuto raccontare così bene.

but-beautiful-2019-wagenhofer-recensione

BUT BEAUTIFUL

In But Beautiful si parte da un discorso più attuale che mai: il rispetto dell’ambiente, la condizione delle donne e l’urgente bisogno di ritrovare sé stessi in un mondo in cui i contatti interpersonali sembrano voler diventare sempre più superficiali, dal momento che tendiamo tutti a diventare sempre più individualisti. Vincitore del Premio del Pubblico agli Österreichischer Filmpreis 2021.