Categoria: 2021

hinterland-2021-ruzowitzky-recensione

HINTERLAND

Hinterland è in tutto e per tutto un film espressionista. Un film in cui scenografie spigolose, strade anguste, palazzi inclinati, ombre minacciose e inquadrature sghembe hanno il compito di farci vivere in prima persona uno dei momenti più drammatici della storia e di trasmetterci una buona dose di inquietudine.

i-am-the-tigress-2021-fussenegger-osmamovic-recensione

I AM THE TIGRESS

In I am the Tigress i due cineasti hanno optato per un approccio registico il più possibile neutrale e hanno lasciato che le immagini parlassero da sé. Non c’è bisogno, in questo loro documentario, di ridondanti didascalie o di classiche interviste. La macchina da presa segue la protagonista nella sua quotidianità e lo spettatore diviene immediatamente parte del suo mondo, ride con lei, soffre con lei e condivide con lei i suoi momenti più intimi. Alla Diagonale 2021.

highfalutin-2021-broich-leitner-recensione

HIGHFALUTIN

In Highfalutin i racconti dei protagonisti ci sembrano quasi un nostalgico flusso di coscienza. Un flusso di coscienza che cattura la nostra attenzione fin dai primi minuti e che ci fa sentire subito parte della storia. E così, il grande Volker Spengler diventa subito per noi una figura famigliare. Una sorta di amico di vecchia data a cui ci affezioniamo immediatamente. Alla Diagonale’21.

me-and-the-others-2020-ich-und-die-anderen-schalko-copyright-superfilm-recensione

ME AND THE OTHERS

Le bizzarre situazioni messe in scena da David Schalko nella serie Me and the Others si presentano inizialmente come un puro divertissement: non sappiamo il motivo per cui il protagonista abbia la possibilità di esprimere questi desideri né tantomeno siamo a conoscenza di chi è in grado di rendere i suoi sogni reali. Poi, lentamente, la musica cambia. Alla Berlinale 2021.