Categoria: 1985

manufracture-1985-manufraktur-peter-tscherkassky-recensione-review-kritik

MANUFRACTURE

Il titolo è piuttosto eloquente. Manufracture. Manufattura. Frattura. La pellicola cinematografica è osservata e maneggiata da Peter Tscherkassky in tutti i modi possibili. Un eterno movimento dà vita a sua volta al movimento delle immagini, le quali, susseguendosi l’una dopo l’altra, rendono lo spettacolo cinematografico possibile.

ball-head-1985-kugelkopf-mara-mattuschka-recensione-review-kritik

BALL-HEAD

Ball-Head di Mara Mattuschka ci mostra il corpo umano divenuto una sorta di “strumento”, vittima di una società in cui il lavoro, la tecnologia e il capitalismo sembrano aver dimenticato per sempre il valore dell’essere umano stesso.

children-film-1985-kindefilm-peter-schreiner-recensione-review-kritik

CHILDREN FILM

In Children Film, Peter Schreiner sa bene cosa vuole trasmettere al pubblico e lo fa in modo semplice e diretto, lasciando che le immagini parlino semplicemente da sé, facendoci sentire immediatamente parte di quel mondo in cui il tempo sembra essersi fermato.

sea-journey-into-the-sea-1985-die-nachtmeerfahrt-kitty-kino-recensione-review-kritik

SEA JOURNEY INTO THE NIGHT

Realizzato nel 1985, Sea Journey into the Night è un lungometraggio estremamente attuale e coraggioso, che osserva da vicino il ruolo della donna all’interno della società in cui viviamo, dando vita a una profonda e mai banale riflessione non solo sul patriarcato, ma anche – e soprattutto – sull’importanza di amare sé stessi. Alla Viennale 2023, all’interno della retrospettiva Keine Angst del Filmarchiv Austria.

super-8-girl-games-1985-purrer-scheirl-recensione

SUPER-8-GIRL GAMES

Vivace, ironico, variopinto e incredibilmente vivo, Super-8-Girl Games rappresenta perfettamente tutta la freschezza di due sguardi limpidi e desiderosi di trovare e sperimentare nuovi linguaggi cinematografici. Seppur amatoriali, i filmati girati in super 8 hanno sempre esercitato un grande, grandissimo fascino sia su spettatori che su cineasti. Ursula Pürrer e Hans Scheirl lo hanno dimostrato ancora una volta.