Categoria: 2017

the-best-of-all-worlds-2017-die-beste-aller-welten-goiginger-recensione

THE BEST OF ALL WORLDS

Non è un caso che un lungometraggio come The best of all Worlds abbia riscosso un grande successo di pubblico. Merito di un sapiente lavoro di regia, ma merito soprattutto anche di due protagonisti che funzionano alla perfezione, ora totalmente disorientati nella fredda periferia di Salisburgo, ora semplicemente felici di essere l’uno in compagnia dell’altro. Il tutto per un nostalgico sguardo al mondo dell’infanzia, quando si era ancora troppo giovani per comprendere le brutture del mondo dei “grandi”.

bojo-beach-2017-groen-recensione

BOJO BEACH

Ciò che in Bojo Beach immediatamente colpisce è la straordinaria calma con cui i pescatori svolgono i loro compiti. I loro gesti, scanditi dai canti degli stessi, stanno a ricordare – soprattutto nel momento in cui sono intenti a tirare le reti sulla spiaggia – quasi una coreografia. E il rumore dell’acqua, dal canto suo, sta ancora di più a trasmetterci un senso di straordinaria calma, di un costante ripetersi degli eventi.

t-t-t-touch-me-2017-reichl-recensione

T T T TOUCH ME

Non è un caso che Raphael Reichl, in questo suo TTT Touch me, abbia optato per l’uso della pellicola, piuttosto che del digitale. Questa sua scelta vuole essere quasi un modo di ribellarsi alla tecnologia imperante, la quale riguarda non solo la vita della gente, ma anche il cinema stesso. Ed ecco che l’eterna disputa tra analogico e digitale viene messa qui in primo piano.

the-sinful-women-of-hollfall-2017-die-trud-franz-fiala-recensione

THE SINFUL WOMEN OF HÖLLFALL

Perfettamente in linea con la poetica di Veronika Franz e Severin Fiala, The Sinful Women of Höllfall gioca prevalentemente con sensazioni, timori e suggestioni vissute dai personaggi stessi. A essere messa in scena è, di fatto, la paura stessa del Trud e il profondo senso di colpa che una simile leggenda è riuscita a creare in passato.

untitled-viaggio-senza-fine-2017-glawogger-willi-recensione

UNTITLED – VIAGGIO SENZA FINE

Michael Glawogger, nel realizzare Untitled – Viaggio senza Fine, suo lavoro postumo, è partito, insieme al suo storico gruppo di collaboratori, per un viaggio in tutto il mondo – e, apparentemente, senza meta definitiva alcuna – al fine di registrare la realtà così com’è, senza filtro alcuno, documentando la distruzione e la rinascita, il degrado di determinate situazioni in tutto il mondo e, al contempo, la grande forza insita negli esseri umani di risollevarsi, di risorgere dalle ceneri, di trovare un nuovo scopo di vita, una nuova linfa vitale.

happy-end-2017-haneke-recensione

HAPPY END

Ciò a cui assistiamo in Happy end è un vero e proprio crescendo di emozioni in pieno stile hanekiano. Non vi sono né buoni, né cattivi, ognuno è vittima e carnefice allo stesso tempo. Compresi i più giovani.