man-kann-nicht-alles-haben-2021-kreihsl-recensione

MAN KANN NICHT ALLES HABEN

      Nessun commento su MAN KANN NICHT ALLES HABEN

This post is also available in: Deutsch (Tedesco)

di Michael Kreihsl

voto: 6.5

Man kann nicht alles haben è una divertente, ma spesso troppo prevedibile commedia degli equivoci. Michael Kreihsl, dal canto suo, proprio come previsto dalla serie della ORF, ha reso la bellissima città di Graz un’ulteriore protagonista, spettatrice di tanti intrighi, ma anche di tenere storie d’amore.

Un matrimonio inaspettato

Non sempre ciò che i genitori desiderano per i figli si avvera. Capita. Eppure, a volte, le situazioni sono talmente paradossali che difficilmente possono essere accettate. Soprattutto quando un figlio sta per cambiare per sempre la propria vita facendo scelte palesemente sbagliate. Questo, dunque, è il caso di Brigitte (impersonata da Aglaia Szyszkowitz), protagonista della commedia per la televisione Man kann nicht alles haben, diretta da Michael Kreihsl nel 2021 e che fa parte della serie della ORF Stadtkomödie.

Brigitte, dunque, è il miglior avvocato divorzista di Graz. La donna ha sempre sognato che un giorno anche sua figlia Anna (Marie-Luise Stockinger) potesse lavorare nel suo stesso studio, tornando a vivere a Graz dopo un periodo di studi a Londra. La ragazza, tuttavia, ha altri progetti: vorrebbe trasferirsi definitivamente in Inghilterra, dal momento che da pochi mesi ha una relazione con un uomo. Anche l’uomo in questione è originario di Graz: si tratta del musicista Richie Moosleitner (Fritz Karl), che è molto più anziano di Anna e che, da giovane, ha addirittura avuto una relazione con Brigitte. La donna, disperata, cerca in tutti i modi di far finire la relazione, chiedendo addirittura al figlio di Richie (Michael, impersonato da Aaron Friesz) di provare a sedurre Anna, facendole credere di essere l’uomo della sua vita.

Man kann nicht alles haben, dunque, è una divertente, ma spesso troppo prevedibile commedia degli equivoci. Michael Kreihsl, dal canto suo, proprio come previsto dalla serie della ORF, ha reso la bellissima città di Graz un’ulteriore protagonista, spettatrice di tanti intrighi, ma anche di tenere storie d’amore. Sotto la Uhrturm i giovani si danno appuntamento e insieme osservano dall’alto il panorama. La Uhrturm – le cui lancette si muovono spesso alla velocità della luce – sembra di sapere meglio di ognuno di loro quali siano le scelte giuste da fare. E, di fatto, tutto sembra ruotare intorno a lei. Compreso il copione, scritto appositamente con gli intenti di omaggiare la capitale della Stiria tramite una commedia complessivamente gradevole, ma che per certi versi ricorda incredibilmente l’ormai cult Il Laureato (Mike Nichols, 1967) e che finisce inevitabilmente per somigliare come una goccia d’acqua alle innumerevoli commedie del genere che ogni anno vengono realizzate.

In Man kann nicht alles haben gli eventi prendono spesso una piega inaspettata. Tutto, però, promette fin da subito un lieto fine per ognuno dei protagonisti. Protagonisti confusi, spesso sicuri di ciò che vogliono dalla vita, ma che, prima di tutto, devono imparare a conoscere sé stessi. Protagonisti magistralmente rappresentati da un ottimo cast, all’interno del quale si distinguono – oltre agli ottimi Aglaia Szyszkowitz e Fritz Karl – soprattutto i giovani Marie-Luise Stockinger e Aaron Friesz.

Questa piccola e divertente commedia di Michael Kreihsl, in linea di massima, non ha molte pretese. Il suo obiettivo principale è semplicemente divertire il pubblico, fargli trascorrere una piacevole ora e mezza e – perché no? – farlo sognare con una storia in cui – malgrado il titolo – forse si può avere davvero tutto.

Titolo originale: Man kann nicht alles haben
Regia: Michael Kreihsl
Paese/anno: Austria / 2021
Durata: 90’
Genere: commedia, sentimentale
Cast: Aaron Friesz, Marie-Luise Stockinger, Aglaia Szyszkowitz, Fritz Karl, Daniela Golpashin, Sabine Herget, Gerhard Liebmann, Thomas Mraz, Martina Poel, Johannes Silberschneider, Kerim Waller, Martina Zinner
Sceneggiatura: Peter Hengl, Michael Kreihsl, Marc Schlegel
Fotografia: Reinhold Vorschneider
Produzione: ARTE, Epo-Film, ORF

Info: la scheda di Man kann nicht alles haben su iMDb; la scheda di man kann nicht alles haben sul sito della Epo-Film