zur-person-tizza-covi-e-rainer-frimmel-diagonale22

DEDICATA A TIZZA COVI E RAINER FRIMMEL LA SEZIONE “ZUR PERSON” DELLA DIAGONALE’22

This post is also available in: Deutsch (Tedesco)

La sezione Zur Person riflette sulla cultura cinematografica austriaca attraverso le biografie di registi particolarmente degni di nota. Nel 2022, il programma dal 6 al 10 aprile è dedicato al duo pluripremiato a livello internazionale Tizza Covi e Rainer Frimmel, che hanno recentemente ricevuto il Premio Diagonale per il Miglior Documentario e quindi per la quarta volta in una categoria principale del festival.

Cinema e fotografia

Per Peter Schernhuber e Sebastian Höglinger, direttori della Diagonale, la realizzazione del festival è una questione di cuore, per la quale un partner ideale potrebbe essere trovato in Camera Austria: Parallelamente e in collaborazione con la Diagonale’22, quest’ultima presenterà un’ampia mostra fotografica su Tizza Covi e Rainer Frimmel dal 18 marzo al 22 maggio. Il programma congiunto rappresenta la prima mostra completa di un’opera che abbraccia la fotografia artistica e il cinema d’autore composto da film di finzione e documentari.

Reinhard Braun, direttore artistico di Camera Austria, riconosce in entrambi una qualità cooperativa: “Nonostante la loro attenta precisione e l’accuratezza del montaggio – o proprio per questo – potrebbe trattarsi di analizzare le immagini – sia cinematografiche che fotografiche – e renderle ‘terreno’ di un interesse comune, un progetto comune, una resistenza comune e una stranezza vissuta insieme, cioè una narrazione cooperativa che non sempre è basata su una chiara autorialità e che in questo modo distribuisce diversamente il potere che emana dalla rappresentazione”.

Il programma sarà proiettato dal 6 al 10 aprile 2022 nell’ambito della 25° Diagonale di Graz e arricchito da incontri di approfondimento (Diagonale im Dialog) con il giornalista cinematografico Bert Rebhandl.

Film della sezione Zur Person: Tizza Covi e Rainer Frimmel

Aufzeichnungen aus dem Tiefparterre (R: Rainer Frimmel, AT 1993–2000)

Das ist alles (R: Tizza Covi, Rainer Frimmel, AT 2001)

Babooska (R: Tizza Covi, Rainer Frimmel, AT/IT 2005)

La Pivellina (R: Tizza Covi, Rainer Frimmel, AT/IT 2009)

Der Glanz des Tages (R: Tizza Covi, Rainer Frimmel, AT 2012)

Mister Universo (R: Tizza Covi, Rainer Frimmel, AT/IT 2016)

Notes from the Underworld (R: Tizza Covi, Rainer Frimmel, AT 2020)

Lo straordinario nell’ordinario

Le opere dei registi viennesi Tizza Covi e Rainer Frimmel, che hanno vinto numerosi premi e sono state presentate in festival internazionali, sono tra le più interessanti e accattivanti della recente storia del cinema austriaco. Socialmente realistici e poetici allo stesso tempo, affascinano anche e soprattutto per il loro affetto sincero nei confronti dei loro protagonisti.

La sezione Zur Person si apre con l’esordio nel documentario di Rainer Frimmel Aufzeichnungen aus dem Tiefparterre, realizzato tra il 1993 e il 2000 – il montaggio di un’auto-documentazione del camionista viennese Peter Haindl in immagini video, un monologo pieno di abissi e un pandemonio dell’anima austriaca.

Il primo film realizzato da entrambi i registi Das ist alles (AT 2001) documenta la vita quotidiana di tedeschi, russi e armeni in un villaggio vicino a Kaliningrad, dove la politica di reinsediamento dopo la seconda guerra mondiale ha creato un villaggio multinazionale. Il film ha celebrato la sua prima al Festival di Nyon, dove ha ricevuto il premio Regards Neufs per i giovani registi.

Nel 2002, Tizza Covi e Rainer Frimmel hanno fondato la casa di produzione cinematografica Vento Film per produrre i loro film in modo indipendente. Hanno poi realizzato insieme il loro secondo film documentario, Babooska (AT/IT 2005). I registi hanno trascorso un anno in viaggio per l’Italia con l’omonima artista e il suo circo itinerante. Il risultato è un road movie malinconico e umoristico sul nomadismo moderno. Durante le ricerche su Babooska, Covi e Frimmel hanno incontrato il loro successivo protagonista Tairo, al quale hanno dedicato il film Mister Universo (AT/IT 2016). Babooska è stato presentato in anteprima alla Berlinale 2006 nel Forum Internazionale del Cinema Giovane e ha ricevuto il premio per la migliore opera prima. Alla Diagonale 2006, Babooska ha ricevuto il Gran Premio Diagonale come miglior film documentario austriaco per la sua “osservazione sottile” e il “preciso disegno atmosferico delle immagini” (motivazione della giuria).

Il successivo film del duo di registi era già stato presentato in concorso alla Diagonale nel 2010: La Pivellina (AT/IT 2009), il loro primo lungometraggio di finzione. Ancora una volta ambientato nell’ambiente circense e girato in location originali con gli abitanti del luogo, l’approccio documentario del film crea una “vicinanza immediata ai suoi personaggi” (dichiarazione della giuria) ed è stato premiato con il Gran Premio Diagonale al Miglior Lungometraggio. Il film, che ha debuttato alla Quinzaine di Cannes nel 2009, è stato anche premiato con il Label Europa Cinemas ed è stato presentato dall’Austria agli Oscar 2011.

Nel seguente lungometraggio, il duo di registi ha anche creato un film dalla vita vissuta dei loro attori e attrici. Nel lungometraggio Der Glanz des Tages (AT 2012), presentato in anteprima al Festival di Locarno e vincitore del premio Max Ophüls, l’attore austriaco Philipp Hochmair incontra lo showman Walter Saabel – il resto è improvvisazione. Il film “si muove senza manipolare, ti accompagna in un viaggio dall’esito incerto e ispira l’azione politica con arguzia”, come ha dichiarato la giuria, che ha assegnato ai registi – per la terza volta (!) – il Gran Premio Diagonale, questa volta per il Miglior Lungometraggio Austriaco.

Con il loro successivo lungometraggio Mister Universo (AT/IT 2016), Covi e Frimmel si rituffano nell’ambiente circense e seguono la storia del domatore Tairo alla ricerca della felicità perduta. Il film è stato presentato in anteprima nel concorso internazionale di Locarno nel 2016 e lì ha ricevuto diversi premi. Alla Diagonale’17, Covi e Frimmel hanno ricevuto il premio speciale della giuria Thomas Pluch per la sceneggiatura per i loro “fragili protagonisti” che sono “toccanti nella loro opprimente goffaggine” (dichiarazione della giuria).

Più recentemente, il duo di registi ha esplorato il milieu strizziano nella Vienna degli anni ’60 con il documentario Notes from the Underworld (AT 2020), presentato in anteprima alla Berlinale 2020 – una “dichiarazione d’amore”, un “capolavoro”, come ha dichiarato Falter. Un film “che permette di sperimentare vite che forse non si sono svolte in questo modo”, come ha osservato la giuria della Diagonale’20 durante la cerimonia di consegna del Gran Premio Diagonale per il Miglior Documentario. Il premio, già il quarto in una categoria principale della Diagonale, segna un altro punto alto nella carriera di Tizza Covi e Rainer Frimmel.

Meno conosciuta è l’opera fotografica di Covi e Frimmel, che non deve essere vista solo come uno studio preliminare ai loro film, ma segue modi indipendenti di guardare le cose e concetti artistici. Il programma congiunto della Diagonale e Camera Austria segna la prima mostra completa del lavoro di Tizza Covi e Rainer Frimmel. La mostra fotografica si apre il 18 marzo alle 18 e può essere vista presso la Camera Austria fino al 22 maggio 2022. Il programma dei film sarà proiettato alla Diagonale’22 dal 6 al 10 aprile e arricchito da dibattiti di approfondimento.

Rainer Frimmel (Vienna) e Tizza Covi (Bolzano) sono nati nel 1971. Dal 1992 al 1994 hanno frequentato la scuola di fotografia alla Graphische Lehranstalt di Vienna. Mentre Frimmel ha frequentato un ulteriore corso di assistenza fotografica nel 1995, Covi ha lavorato come fotografa freelance a Roma fino al 1998. Dal 1996 lavorano insieme a progetti nel campo della fotografia, del teatro e del cinema.

La Diagonale avrà luogo dal 5 al 10 aprile 2022 e per la 25° volta a Graz. Il programma completo del festival sarà disponibile online dal 25 marzo alle 13:00. La vendita dei biglietti inizia il 30 marzo.

Info: il sito ufficiale della Diagonale