the-emperor-waltz-1953-kaiserwalzer-antel-recensione-review-kritik

THE EMPEROR WALTZ

      Commenti disabilitati su THE EMPEROR WALTZ

This post is also available in: Deutsch (Tedesco) English (Inglese)

di Franz Antel

voto: 6.5

The Emperor Waltz, realizzato nel 1953, è una brillante commedia degli equivoci con una forte componente musicale, che rientra appieno nei canoni dei Wiener Film e che ancora oggi risulta complessivamente gradevole.

Amori impossibili

Un lungometraggio con una genesi molto particolare, The Emperor Waltz. Già, perché, di fatto, ciò a cui il regista Franz Antel aveva inizialmente pensato era una trasposizione cinematografica dell’operetta Sissy di Fritz Kreisler, ma la titolare della casa di distribuzione Gloria, Ilse Kubaschewski, era convinta che la storia d’amore tra la principessa Elisabetta di Baviera e l’imperatore Francesco Giuseppe fosse poco interessante per il pubblico. Fu così che Antel decise di abbandonare il progetto e di raccontare una storia d’amore del tutto immaginaria: la storia d’amore tra l’Arciduca Ludwig (qui impersonato da Rudolf Prack) e una ragazza comune, la giovane insegnante Luise (Winnie Markus).

The Emperor Waltz, realizzato nel 1953, è, dunque, una brillante commedia degli equivoci con una forte componente musicale, come già si può intuire dal titolo. Tutto prende il via, dunque, nel momento in cui la famiglia imperiale si reca in vacanza a Bad Ischl, accompagnata anche dall’Arciduca Ludwig e dal tenente Zauner (Gunther Philipp, anche co-autore della sceneggiatura). Un giorno Ludwig incontra per caso Luise, la quale sta insegnando ai suoi allievi a cantare il celebre Valzer dell’Imperatore di Johann Strauss figlio, le cui parole sono state scritte quasi per diletto dal suo collega insegnante Resinger (Hans Holt). Per non farsi riconoscere, Ludwig si spaccia per il tenente Zauner. La cosa, come ben possiamo immaginare, darà adito a una serie di equivoci sempre più complessi.

The Emperor Waltz rientra appieno nei canoni dei Wiener Film, ambientati prevalentemente nel passato (e, spesso, proprio ai tempi dell’Impero). Anche in questo caso, infatti, ci troviamo di fronte a una commedia sentimentale, in cui, tuttavia, amori impossibili giocano un ruolo a dir poco centrale. La vita nella tranquilla Bad Ischl ben si contrappone allo sfarzo del palazzo di Schönbrunn a Vienna e rende bene l’idea di due mondi che sembrerebbero destinati a non incontrarsi mai. Eppure, la musica è in grado di connettere tutti. Il Valzer dell’Imperatore è ormai conosciuto in tutta la nazione e quando per la prima volta sono dei bambini a cantarlo, persino l’Imperatrice Elisabetta (un’algida ed elegante Maria Holst) ne resta colpita. Al punto da chiedere agli stessi bambini e alla loro insegnante di esibirsi davanti all’imperatore (Willy Danek), in occasione del suo compleanno.

Proprio l’immortale musica di Strauss, dunque, rappresenta la vera peculiarità del presente The Emperor Waltz. Franz Antel, dal canto suo, ben sa inserire tale melodia in un contesto apparentemente lontano dagli ambienti imperiali, lasciando che immense distese di verde facciano sovente da attrici principali, testimoni silenti di amori segreti. E insieme a un buon andamento narrativo, a un cast meritevole e a sottotrame atte a conferire leggerezza e comicità al tutto, dobbiamo riconoscere che nel complesso questo lungometraggio di Antel risulti ancora oggi un’opera piuttosto gradevole.

Siamo d’accordo: The Emperor Waltz non si distingue certamente per originalità, né dal punto di vista delle tematiche trattate, né per quanto riguarda l’approccio registico in sé, rientrando appieno nei canoni di buona parte della produzione cinematografica austriaca dell’epoca. Allo stesso modo, anche i critici non sempre si trovarono d’accordo tra loro nel momento in cui il film uscì in sala. Eppure, tutto sommato, il pubblico sembrò apprezzare questa tormentata storia d’amore tra un nobile e una ragazza comune. Appena due anni dopo la sua realizzazione, tuttavia, il regista e produttore Ernst Marischka decise di riprendere il progetto iniziale di Antel. Nel 1955 venne realizzato, così, La Principessa Sissi. Ma questa, naturalmente, è un’altra storia.

Titolo originale: Kaiserwalzer
Regia: Franz Antel
Paese/anno: Austria / 1953
Durata: 95’
Genere: commediadrammatico, sentimentale, musicale
Cast: Maria Holst, Rudolf Prack, Winnie Markus, Gunther Philipp, Hans Holt, Oskar Sima, Ilse Peternell, Paul Westermeier, Angelika Hauff, Erik Frey, Pepi Glöckner-Kramer, Harry Hardt, Willy Danek, Erich Dörner, Ellen Lauff
Sceneggiatura: Franz Antel, Jutta Bornemann, Gunther Philipp
Fotografia: Hans Heinz Theyer
Produzione: Neusser-Film GmbH

Info: la scheda di The Emperor Waltz su iMDb