Tag: cinema

al-technisches-museum-di-vienna-una-mostra-interattiva-dedicata-alla-settima-arte

AL TECHNISCHES MUSEUM DI VIENNA UNA MOSTRA INTERATTIVA DEDICATA AGLI EFFETTI SPECIALI NEL CINEMA

La mostra “Special Effects – Die Interaktive Ausstellung für Filmfans” (tradotto letteralmente: “Effetti speciali – La mostra interattiva per appassionati di cinema”) – a Vienna dal 18 ottobre 2019 al 5 luglio 2020 – non mira soltanto a far vedere da vicino e sperimentare le varie tecniche cinematografiche, ma punta soprattutto a rendere i visitatori di tutte le età spettatori critici e attivi.

cinema-e-progresso-la-parola-agli-scrittori-cinema-austriaco.jpg

CINEMA E PROGRESSO – LA PAROLA AGLI SCRITTORI

Se il cinematografo, da un lato, veniva considerato un mezzo meraviglioso per rappresentare e plasmare a proprio piacimento la realtà, dall’altro sembrava potesse avere ben poca rilevanza per quanto riguarda un reale progresso scientifico e tecnico. Numerosi dibattiti riguardanti cinema e progresso ebbero luogo soprattutto dalla fine dell’Ottocento fino ai primi anni Dieci. E furono soprattutto gli scrittori a sollevare, inizialmente, tali interrogativi.

IL CINEMA D’ANIMAZIONE AUSTRIACO – L’ARTE INVISIBILE

Se pensiamo al cinema d’animazione austriaco, particolarmente significativa è la dichiarazione dell’artista Stefan Stratil “ L’Austria è una nazione di film d’animazione senza film d’animazione”. In poche parole: tra tutti i possibili generi cinematografici, quello d’animazione risulta, al giorno d’oggi, in Austria, il meno trattato. Almeno all’apparenza.

heinz-hanus-le-origini-di-una-cinematografia-per-un-grande-mistero

HEINZ HANUS – LE ORIGINI DI UNA CINEMATOGRAFIA PER UN GRANDE MISTERO

Con una durata di circa trentacinque minuti, Von Stufe zu Stufe, primo film austriaco della storia del cinema, per la regia di Heinz Hanus, è stato proiettato per la prima volta nel 1908. Eppure, il tutto resta ancora oggi avvolto nel mistero. Che, infatti, tale film sia andato purtroppo perduto, è una cosa che si può facilmente immaginare. Eppure, malgrado quanto raccontato dallo stesso Heinz Hanus e da altri personaggi, non vi sono, al giorno d’oggi, alcune testimonianze sulle riviste dell’epoca riguardanti le suddette proiezioni.