Sceneggiatore: VALIE EXPORT

syntagma-1984-valie-export-recensione-review-kritik

SYNTAGMA

In Syntagma di VALIE EXPORT, il grande protagonista è proprio il corpo della donna e il suo rapporto con la realtà che lo circonda. Il corpo che, di volta in volta, si adatta ai diversi contesti, alle diverse forme. Il corpo che soltanto grazie al cinema ha la possibilità di “liberarsi”, di trovare tante, nuove e inaspettate declinazioni, di scoprire un nuovo sé.

a-perfect-pair-1987-ein-perfektes-paar-valie-export-recensione-review-kritik

A PERFECT PAIR

A perfect Pair si distingue innanzitutto per la sottile ironia e autoironia che da sempre ha caratterizzato le opere di VALIE EXPORT. I protagonisti sembrano quasi delle caricature, ma, di fatto, ben si collocano all’interno di un contesto in cui la pubblicità e l’esortazione a comprare, svolgono un ruolo centrale.

invisible-adversaries-1976-unsichtbare-gegner-valie-export-recensione

INVISIBLE ADVERSARIES

Se VALIE EXPORT (al secolo Waltraud Lehner) con le sue fotografie, le sue installazioni e le sue videoinstallazioni è diventata, dagli anni Settanta, famosa nel mondo intero, non doveva passare molto tempo prima del suo debutto nell’ambito della settima arte. Invisible Adversaries, realizzato nel 1976, è, dunque, il suo primo lungometraggio, in cui appaiono, evidenti, numerose contaminazioni con altre forme d’arte.

human-females-1979-menschenfrauen-valie-export-recensione

HUMAN FEMALES

VALIE EXPORT, al secolo Waltraud Lehner, in Human Females attinge a piene mani da quanto realizzato in passato dando vita, allo stesso tempo, a un linguaggio tutto suo, senza avere paura di sperimentare e di sperimentarsi. Al centro di tutto: la figura della donna in ogni sua possibile declinazione.