Produzione: Satel Fernseh-und Filmproduktionsgesellschaft

pebbles-1982-kieselsteine-stepanik-recensione-review-kritik

PEBBLES

In Pebbles, Lukas Stepanik si mostra particolarmente lucido nel mettere in scena un passato che, in realtà, non è mai morto, effettuando, al contempo, un’attenta e mai banale analisi sulla società e sul mondo in cui viviamo. Nell’ambito della retrospettiva Keine Angst del Filmarchiv Austria.

ich-oder-du-1984-dieter-berner-recensione-review-kritik

ICH ODER DU

Realismo, minimalismo, musica e anche, di quando un quando, una gradita ironia rendono Ich oder Du un lungometraggio accattivante sia dal punto di vista della storia in sé che dal punto di vista della sua stessa messa in scena. Una perfetta immagine della Vienna degli anni Ottanta prende magicamente vita sul grande schermo. Alla Viennale 2023, all’interno della retrospettiva Keine Angst del Filmarchiv Austria.

radetzkymarsch-1994-corti-roll-recensione

RADETZKYMARSCH

Nel Radetzkymarsch di Axel Corti (terminato da Gernot Roll dopo la morte improvvisa del regista), parallelamente alla parabola sull’impero v’è un particolare focus sul rapporto padre/figlio e su quanto i due protagonisti non siano mai riusciti a dirsi. Il tutto messo in scena grazie anche alle ottime performance di un ricercato cast, all’interno del quale si distingue soprattutto il grande Max von Sydow.

human-females-1979-menschenfrauen-valie-export-recensione

HUMAN FEMALES

VALIE EXPORT, al secolo Waltraud Lehner, in Human Females attinge a piene mani da quanto realizzato in passato dando vita, allo stesso tempo, a un linguaggio tutto suo, senza avere paura di sperimentare e di sperimentarsi. Al centro di tutto: la figura della donna in ogni sua possibile declinazione.