Genere: commedia

charleys-aunt-1963-charleys-tante-von-cziffra-recensione-review-kritik

CHARLEY’S AUNT

Charley’s Aunt, basata sull’omonima opera teatrale di Brandon Thomas e con un grande Peter Alexander, è la classica commedia degli equivoci canterina e frivola, ma tuttavia genuina e in grado di strappare un sorriso, pur non rivelandosi esilarante.

pulled-pork-2023-schmied-recensione-review-kritik

PULLED PORK

Pulled Pork è sostanzialmente un grande prodotto di marketing e nulla più, che si affida eccessivamente ai due protagonisti (comunque a proprio agio nei loro ruoli) e che si rivela parecchio scontato e dispersivo, tra camei inutili e sottotrame mai sviluppate del tutto.

rickerl-2023-goiginger-recensione-review-kritik

RICKERL

Rickerl è la storia non di una, ma di tante persone che ogni giorno lottano per i propri sogni e per far sì che le persone che amano possano essere felici. La storia di chi ha commesso e continua a commettere tanti errori, ma che soltanto con l’aiuto di chi ama può superare ogni difficoltà. Una storia tutta austriaca in cui il dialetto viennese e la musica austropop rendono il tutto ancora più colorato. Alla Viennale 2023.

sea-journey-into-the-sea-1985-die-nachtmeerfahrt-kitty-kino-recensione-review-kritik

SEA JOURNEY INTO THE NIGHT

Realizzato nel 1985, Sea Journey into the Night è un lungometraggio estremamente attuale e coraggioso, che osserva da vicino il ruolo della donna all’interno della società in cui viviamo, dando vita a una profonda e mai banale riflessione non solo sul patriarcato, ma anche – e soprattutto – sull’importanza di amare sé stessi. Alla Viennale 2023, all’interno della retrospettiva Keine Angst del Filmarchiv Austria.

laroy-2023-atkinson-recensione-review-kritik

LAROY

LaRoy è una città immaginaria del Texas, che, pur non essendo immune alla contemporanea crisi finanziaria, ci sembra quasi un luogo senza tempo, in cui alle moderne tecnologie viene dedicato il minor spazio possibile e in cui bizzarri cappelli da cow boy sembrano ancora riuscire a conferire a esilaranti personaggi una certa credibilità. O, almeno, questo è ciò che crede chi li indossa. Alla Viennale 2023.