Fotografia: Rainer Frimmel

la-pivellina-non-e-ancora-domani-2009-the-little-one-covi-frimmel-recensione-review-kritik

LA PIVELLINA

La Pivellina è una favola contemporanea che potrebbe accadere oggi, così come potrebbe essere accaduta ieri. Una favola senza tempo ambientata in un mondo in cui il tempo stesso sembra essere, purtroppo, del tutto limitato.

babooska-2005-covi-frimmel-recensione

BABOOSKA

Alla Mostra del Cinema di Venezia 2022 con il loro documentario Vera, Tizza Covi e Rainer Frimmel ci hanno regalato nel corso degli anni dei veri e propri gioielli. Uno di questi è Babooska, in cui la realtà ci viene mostrata così com’è, senza filtro alcuno, rivelandosi nella sua normale semplicità più poetica ed evocativa che mai.

vera-2022-covi-frimmel-recensione

VERA

Vera non è semplicemente un film con Vera Gemma. Vera è innanzitutto un film su Vera Gemma e per Vera Gemma. La protagonista – con i suoi abiti vistosi e i suoi lunghi capelli biondi – è a dir poco magnetica e cattura immediatamente l’attenzione dello spettatore fin dai primi fotogrammi, prima di mostrarsi al pubblico con tutte le sue debolezze e la sua incredibile umanità.

notes-from-the-basement-2000-aufzeichnungen-aus-dem-tiefparterre-frimmel-recensione

NOTES FROM THE BASEMENT

In Notes from the Basement Rainer Frimmel ha selezionato e montato una serie di filmati girati dal barelliere Peter Haindl tra il 1993 e il 1999. Filmati in cui il protagonista ci mostra dapprima la casa in cui vive, poi, finalmente, compare davanti alla telecamera, si racconta e ci racconta la sua quotidianità e la sua attitudine nei confronti della vita e del mondo che lo circonda. Proprio come a suo tempo ha fatto il protagonista del celebre monologo Der Herr Karl, scritto da Helmut Qualtinger e Carl Merz nel 1961.

that-s-all-2001-das-ist-alles-covi-frimmel-recensione

THAT’S ALL

That’s All è un viaggio emozionante e commovente tra passato e presente, in cui frammenti di quotidianità ci vengono mostrati quasi a mo’ di vecchie fotografie. Tizza Covi e Rainer Frimmel, ancora una volta, hanno reso viva sullo schermo una realtà che sembra quasi far parte di un mondo a sé. Ancora una volta, come di consueto nelle loro opere, ciò che ci viene raccontato assume quasi le sembianze di una favola.

der-fotograf-von-der-kamera-2014-covi-frimmel-recensione

DER FOTOGRAF VON DER KAMERA

Fotografia e cinema del reale nella sua accezione più pura diventano, dunque, le colonne portanti del presente Der Fotograf von der Kamera. E ancora una volta, l’inconfondibile approccio registico di Tizza Covi e Rainer Frimmel, fatto di momenti di osservazione e discreto pedinamento, è riuscito a farci sentire parte di un mondo che fino a poco tempo prima conoscevamo solo sommariamente.

notes-from-the-underworld-2020-aufzeichnungen-aus-der-unterwelt-covi-frimmel-recensione

NOTES FROM THE UNDERWORLD

Sono volti di chi ha visto diversi periodi storici susseguirsi uno dopo l’altro, mani intente a maneggiare vecchi mazzi di carte, piccoli e accoglienti locali di un’osteria e gaudenti cori di vecchi amici che si divertono a intonare – con l’accompagnamento di una fisarmonica – antiche canzoni tradizionali viennesi la vera anima di Notes from the Underworld, ultima fatica dei documentaristi Tizza Covi e Rainer Frimmel.