Author Archives: Marina Pavido

harbour-pearls-2008-hafenperlen-katrina-daschner-recensione-review-kritik

HARBOUR PEARLS

Coraggioso, dissacrante, divertente, Harbour Pearls è in tutto e per tutto “la performance che non ci aspettiamo”. Un cortometraggio visivamente raffinato e accattivante ci esorta a osservare il mondo da una diversa prospettiva.

la-pivellina-non-e-ancora-domani-2009-the-little-one-covi-frimmel-recensione-review-kritik

LA PIVELLINA

La Pivellina è una favola contemporanea che potrebbe accadere oggi, così come potrebbe essere accaduta ieri. Una favola senza tempo ambientata in un mondo in cui il tempo stesso sembra essere, purtroppo, del tutto limitato.

osterreichischer-filmpreis-2024-vincitori-preistrager-winners-cinema-austriaco

ÖSTERREICHISCHER FILMPREIS 2024 – TUTTI I VINCITORI

Sono stati assegnati presso il Wiener Rathaus gli Österreichischer Filmpreis 2024. Grandi soddisfazioni per i lungometraggi The Devil’s Bath di Veronika Franz e Severin Fiala (che si è aggiudicato ben otto premi, tra cui Miglior Film, Miglior Attrice Protagonista e Miglior Attrice Non Protagonista) e Rickerl di Adrian Goiginger, premiato in quattro categorie, tra cui Miglior Regia, Miglior Sceneggiatura e Miglior Attore Protagonista (Voodoo Jürgens).

tilla-durieux-biografia-biografie-biography-cinema-austriaco

TILLA DURIEUX – NON SOLO CINEMA E TEATRO

Attrice, regista, attivista politica. Mentre una delle immagini più celebri che la raffigurano è il dipinto di Franz von Stuck che la vede nel ruolo di Circe, proprio a lei è dedicato il dipinto di Pierre-Auguste Renoir Tilla Durieux (1914). Il suo volto algido non si dimentica. Il suo coraggio nel combattere per la libertà ha contribuito a suo modo a rendere il mondo in cui viviamo un posto migliore.

der-glucksschneider-1916-hans-otto-lowenstein-recensione-review-kritik

DER GLÜCKSSCHNEIDER

Der Glücksschneider è un vero e proprio gioiello all’interno della cinematografia austriaca. Un cortometraggio che, pur facendo tesoro di quanto realizzato nel frattempo nel resto del mondo (e, nello specifico, delle slapstick comedies statunitensi), cerca comunque una propria strada.