und-taglich-frisch-verliebt-2024-houchang-allahyari-recensione-review-kritik

UND TÄGLICH FRISCH VERLIEBT

      Commenti disabilitati su UND TÄGLICH FRISCH VERLIEBT

This post is also available in: Deutsch (Tedesco) English (Inglese)

di Houchang Allahyari

voto: 7

Tenero, delicato, romantico ma mai retorico, Und täglich frisch verliebt è riuscito appieno nei suoi intenti nel regalarci un’indimenticabile storia d’amore e rivelandosi, al contempo, un vero e proprio inno alla vita.

Insieme da più di sessant’anni

L’imprenditore Ferry Ebert di Vienna è stato per anni considerato “il re dei distributori automatici”. Il suo nome poteva infatti essere letto su migliaia di questi distributori in giro per tutta l’Austria. Una volta ritiratosi dalla sua attività, Ebert ha deciso di aprire una sorta di museo a Penzig, quattordicesimo distretto di Vienna, in cui sono esposti numerosi oggetti che si potevano acquistare proprio dai suoi distributori. Incuriosito da tale singolare realtà, dunque, il regista e psichiatra di origini iraniane Houchang Allahyari ha deciso di realizzare un documentario su di lui. Eppure, dopo aver conosciuto sua moglie Amalia, i suoi progetti sono cambiati: ora sarebbe stata proprio la magnetica Amalia la protagonista del suo film. Così, dunque, ha preso vita il documentario Und täglich frisch verliebt, incentrato quasi esclusivamente sulla speciale storia d’amore tra i due protagonisti. Una storia d’amore iniziata più di sessant’anni fa.

In Und täglich frisch verliebt, dunque, vengono dedicati al museo di Ferry soltanto i primi minuti. Subito dopo, ecco che la vivace Amalia cattura quasi completamente l’attenzione della macchina da presa di Houchang Allahyari. La donna ricorda insieme a suo marito alcuni momenti del loro passato e della loro gioventù, talvolta canta vecchie canzoni, ha un’allegria travolgente. Purtroppo, però, la vita dei coniugi Ebert non è sempre così idilliaca. Amalia, infatti, è malata di demenza senile, anche se soltanto allo stadio iniziale.

Houchang Allayahri, dunque, osserva affettuoso e riverente la quotidianità dei suoi protagonisti. La malattia di Amalia mostra ogni giorno segni sempre più evidenti. Eppure, i due, nonostante le numerose difficoltà, riescono comunque a trovare un loro equilibrio e una loro serenità. Proprio come testimonia chi li conosce da diversi anni e, in particolare, la loro affezionata nipote. Und täglich frisch verliebt, dunque, non vuole analizzare nello specifico gli effetti della malattia. Non vuole mostrarci una realtà in cui è la malattia stessa a fare spesso da protagonista. Ciò che Houchang Allahyari ha voluto raccontarci, al contrario, è una tenera storia d’amore in grado di far fronte a ogni possibile difficoltà.

D’estate è bello sedersi in giardino a chiacchierare o a cantare. L’allegria è la migliore medicina, come ritiene anche la stessa Amalia. Quando arriva l’inverno, c’è sempre tempo per uscire di casa per bere un Glühwein presso i numerosi mercatini natalizi. E pian piano, ecco che si avvicina anche il momento di festeggiare un nuovo anniversario di matrimonio. Tenero, delicato, romantico ma mai retorico, Und täglich frisch verliebt è, dunque, un documentario apparentemente semplice e privo di ogni inutile virtuosismo. Un film realizzato con un budget piuttosto basso che, tuttavia, è riuscito appieno nei suoi intenti, regalandoci una tenera storia d’amore e rivelandosi, al contempo, un vero e proprio inno alla vita.

Titolo originale: Und täglich frisch verliebt
Regia: Houchang Allahyari
Paese/anno: Austria / 2024
Durata: 77’
Genere: documentario
Sceneggiatura: Houchang Allahyari
Fotografia: Ramoun Ghashehpour
Produzione: Houchang Allahyari

Info: la scheda di Und täglich frisch verliebt sul sito del Filmarchiv Austria