berlinale-2024-presentazione-prasentation-presentation-cinema-austriaco

BERLINALE 2024

      Commenti disabilitati su BERLINALE 2024

This post is also available in: Deutsch (Tedesco) English (Inglese)

Tante belle novità a Berlino

Febbraio è da molti e molti anni un mese particolarmente speciale per tutti gli amanti della settima arte. In febbraio, infatti, ha luogo la Berlinale, uno degli eventi cinematografici più prestigiosi al mondo, nonché un festival da sempre particolarmente attento non soltanto a ciò che alcuni tra i più grandi nomi del cinema contemporaneo hanno realizzato nell’ultimo anno, ma anche a cineasti indipendenti che, con il loro singolare approccio registico e la loro voglia di sperimentare, si sono immediatamente rivelati particolarmente promettenti. Secondo questi criteri, dunque, anche questa Berlinale 2024 sembra piuttosto interessante e ricca di spunti. E a una prima, sommaria lettura del programma, possiamo ben sperare in un’edizione più che soddisfacente.

La Berlinale 2024, dunque, avrà luogo dal 15 al 25 febbraio 2024, anche quest’anno sotto la direzione artistica di Carlo Chatrian. Chi è che quest’anno si aggiudicherà l’ambito Orso d’Oro? Tra i lungometraggi e documentari del concorso, giusto per fare qualche esempio, troveremo Small Things like these di Tim Mielants (film d’apertura del festival), Hors du Temps di Olivier Assayas, ma anche A Traveler’s Needs di Hong Sangsoo, Another End di Piero Messina, Architecton di Victor Kossakovsky e, naturalmente, The Devil’s Bath, l’ultimo lavoro dell’acclamato duo di cineasti austriaci Veronika Franz e Severin Fiala, prodotto dalla Ulrich Seidl Filmproduktion.

Come di consueto, inoltre, anche a questa Berlinale 2024 saranno presenti numerose sezioni collaterali atte a fornirci una panoramica il più esaustiva possibile sul cinema contemporaneo da tutto il mondo. Dedicate a cineasti indipendenti o anche ad autori che da sempre sono alla ricerca di nuovi modi di intendere la messa in scena e di nuovi linguaggi cinematografici sono, ad esempio, le sezioni Forum, Forum Expanded ed Encounters, mentre la sezione Panorama offrirà una selezione di lungometraggi dal carattere maggiormente mainstream e la sezione Berlinale Special quest’anno vanta nomi del calibro di Nicolas Philibert (con Averroès & Rosa Parks), vincitore dell’orso d’Oro alla Berlinale 2023, Edgar Reitz e Jörg Adolph (con Filmstunde_23), Atom Egoyan (con Seven Veils), Abel Ferrara (con Turn in the Wound) e Tsai Ming-liang (con Abiding Nowhere), giusto per fare qualche esempio. Se a tutto ciò aggiungiamo le numerose retrospettive, i cortometraggi e la sezione Generation, dedicata al mondo dei giovani, ci rendiamo conto di quanto questa preziosa Berlinale 2024 abbia da offrirci.

Ma ora vediamo un po’ quali novità ci saranno per quanto riguarda il cinema austriaco. Oltre al già menzionato The Devil’s Bath di Veronika Franz e Severin Fiala in corsa per l’Orso d’Oro, all’interno della sezione Encounters troviamo nuovamente la grande Ruth Beckermann (già vincitrice della medesima sezione alla Berlinale 2022 con Mutzenbacher), la quale a questa Berlinale 2024 presenterà il suo documentario Favoriten.

E mentre Andrea gets a Divorce, secondo lungometraggio da regista dell’attore e cabarettista Josef Hader (qui anche interprete a fianco di Birgit Minichmayr), nonché uno dei film maggiormente attesi in Austria, verrà presentato in anteprima mondiale all’interno della sezione Panorama, ecco che nella medesima sezione avremo modo di visionare in anteprima anche il documentario I’m not Everything I want to be di Klára Tasovská, frutto di una cooperazione tra repubblica Ceca, Slovacchia e Austria.

Particolarmente degna di interesse, in questa Berlinale 2024, è, inoltre, anche la sezione Forum. Qui, infatti, oltre al documentario Henry Fonda for President di Alexander Horwath, verrà proiettato in anteprima anche Sleeping with a Tiger, l’ultimo lavoro della regista Anja Salomonowitz ispirato alla vita della pittrice carinziana Maria Lassnig (1919 – 2014), per l’occasione impersonata da Birgit Minichmayr. E a proposito di Maria Lassnig, per l’occasione, sempre nella medesima sezione, verranno proiettati alcuni suoi cortometraggi, in occasione dei dieci anni dalla sua morte.

In poche parole, si preannuncia una Berlinale 2024 ricca di sorprese. Anche per quanto riguarda il cinema austriaco. Come da ormai diversi anni a questa parte, dunque, Cinema Austriaco seguirà da vicino il festival e sarà pronto a scoprire quante belle cose ha realizzato l’Austria in questi ultimi mesi. La splendida Berlino aspetta solo di darci il benvenuto.

Di seguito, tutti i film austriaci presenti alla Berlinale 2024.

Info: il sito ufficiale della Berlinale 2024