the-man-with-modern-nerves-1988-der-mensch-mit-den-modernen-nerven-bady-minck-stefan-stratil-recensione-review-kritik

THE MAN WITH MODERN NERVES

      Commenti disabilitati su THE MAN WITH MODERN NERVES

This post is also available in: Deutsch (Tedesco) English (Inglese)

di Bady Minck e Stefan Stratil

voto: 8

In The Man with modern Nerves Bady Minck e Stefan Stratil si sono divertiti a giocare con forme e dettagli dando vita a un vero e proprio inno alla bellezza e all’arte in ogni sua forma. Tempo e spazio si fanno attori essenziali. Con il passare del tempo il progetto di Adolf Loos ha finalmente visto la luce in una forma del tutto innovativa. Nello spazio – inteso sia come spazio fisico che come spazio filmico – la sua creazione trova il suo massimo compimento.

Ciò che non è stato

Il celebre architetto austriaco Adolf Loos (1870 – 1933) aveva progettato, nel 1923, un edificio atto a diventare la sede di un municipio in Messico. Tale edificio avrebbe dovuto avere la forma di una piramide a gradoni e, di fatto, non fu mai realizzato. Eppure, ancora oggi, vi sono degli studi dello stesso Loos che testimoniano l’esistenza di tale progetto. Poteva, dunque, il Cinema restare indifferente a ciò, data anche – e soprattutto – la grande innovazione dal punto di vista formale che un lavoro del genere rappresentava? Assolutamente no. Ed ecco che, nel 1988, il progetto di Adolf Loos ha finalmente preso vita, seppur non nella medesima forma in cui inizialmente era stato concepito. Tale progetto, infatti, è diventato un innovativo cortometraggio di animazione realizzato da Bady Minck e Stefan Stratil, grazie anche alla collaborazione dei progettisti Sonja Back, Willi Kühas e Harald Lutz, che hanno contribuito a sviluppare gli studi di Loos. Stiamo parlando di The Man with modern Nerves, che, in soli otto minuti, rende appieno l’essenza di tale progetto mai realizzato.

Un tutore per gamba fa inizialmente da protagonista sul grande schermo e viene animato in modo meccanico tramite una rudimentale stop motion. A chi apparterrà mai questo tutore? Un uomo (di cui, di fatto, vediamo soltanto le gambe) lo indossa e cammina con l’aiuto di un paio di stampelle per il suo studio. Sul pavimento, numerosi fogli di carta appallottolati ci fanno subito capire che egli sta lavorando a un progetto piuttosto importante. Ed ecco che, pian piano, proprio dai fogli posti sulla sua scrivania, tale progetto prende forma: si tratta di una piccola piramide a gradoni interamente bianca, anch’essa animata in stop motion, la quale compare e scompare come se stessimo assistendo a uno spettacolo di magia.

The Man with modern Nerves è, dunque, particolarmente interessante sotto molti punti di vista. L’architettura, una delle arti primarie, fa naturalmente da grande protagonista. La piramide di Loos compare quasi dal nulla e assume, di volta in volta, le forme più fantasiose, muovendosi in modo fluido sullo schermo ed enfatizzando ulteriormente il concetto di spazio su cui il celebre architetto ha lavorato per molti e molti anni.

Dissolvenze. Sovrimpressioni. Dettagli che sembrano quasi comporre un quadro astratto. Una città immaginaria che si fa location perfetta per l’ubicazione di tale edificio. La musica fortemente minimalista di Andre Mergenthaler. In The Man with modern Nerves Bady Minck e Stefan Stratil si sono divertiti a giocare con forme e dettagli dando vita a un vero e proprio inno alla bellezza e all’arte in ogni sua forma. Tempo e spazio si fanno attori essenziali nel dar vita a tutto ciò. Con il passare del tempo il progetto di Adolf Loos ha finalmente visto la luce in una forma del tutto innovativa. Nello spazio – inteso sia come spazio fisico che come spazio filmico – la sua creazione trova il suo massimo compimento. The Man with modern Nerves è una vera e propria esperienza visiva. Un cortometraggio estremamente raffinato e meravigliosamente ipnotico, ulteriore testimonianza di quanto il cinema d’avanguardia e d’animazione austriaco sia in grado di realizzare.

Titolo originale: Der Mensch mit den modernen Nerven
Regia: Bady Minck, Stefan Stratil
Paese/anno: Austria, Lussemburgo / 1988
Durata: 8’
Genere: animazione, sperimentale
Sceneggiatura: Bady Minck, Stefan Stratil
Fotografia: Bady Minck, Stefan Stratil
Produzione: Bady Minck, Stefan Stratil

Info: la scheda di The Man with modern Nerves su iMDb; la scheda di The Man with modern Nerves sul sito della sixpackfilm; la scheda di The Man with modern nerves sul sito di Bady Minck