the-last-real-men-1994-die-letzten-manner-ulrich-seidl-recensione-review-kritik

THE LAST REAL MEN

      Commenti disabilitati su THE LAST REAL MEN

This post is also available in: Deutsch (Tedesco) English (Inglese)

di Ulrich Seidl

voto: 7.5

In The last real Men la macchina da presa di Ulrich Seidl resta costantemente fissa nel mostrarci i protagonisti mentre raccontano di volta in volta le proprie esperienze. Per quasi tutta la durata del documentario, come sovente accade, appunto, nelle sue opere, la realtà ci viene mostrata così com’è. E nel mostrarsi così com’è viene fuori con tutta la sua assurdità e la sua ridicolaggine, finendo per rivelarsi molto più pericolosa di quanto possa inizialmente sembrare.

La felicità che viene da lontano

Ha sempre analizzato ogni minimo aspetto (e, di conseguenza, ogni difetto) della società in cui viviamo, Ulrich Seidl. Famoso in tutto il mondo per i suoi documentari e lungometraggi atti a raccontare per immagini ogni sfaccettatura dell’animo umano e le pericolose dinamiche del presente e del passato che stanno alla base di ciò che c’è di sbagliato nel  nostro mondo, il regista di Vienna si è subito distinto per il suo sguardo arguto, per la sua intelligente ironia e per il suo particolare approccio registico che, tramite una messa in scena minimalista ma estremamente raffinata e personale, ci ha regalato ritratti spietati e veritieri di personaggi che non dimenticheremo facilmente. Questo è stato evidente fin dai suoi primi documentari realizzati agli inizi degli anni Ottanta, così come nel presente The last real Men, realizzato nel 1994.

Perfettamente in linea con i canoni del suo cinema, dunque, il documentario The last real Men (dal titolo già si per sé piuttosto ironico) segue da vicino le vicende dell’insegnante Karl, divorziato e appassionato di arti marziali, il quale, seguendo una specie di “trend” particolarmente in voga, decide di scegliere la sua futura moglie su una sorta di catalogo. Un catalogo che presenta numerose donne provenienti principalmente dalla Thailandia e dalle Filippine. Donne che, secondo l’opinione di molti uomini, sono molto più pacate e servizievoli e hanno molte meno ambizioni rispetto alle donne occidentali.

Riuscirà il nostro Karl a trovare finalmente l’amore della sua vita? Potranno mai le numerose testimonianze dei molti uomini che hanno già sposato una donna con le stesse modalità essergli in qualche modo d’aiuto? In The last real Men la macchina da presa di Ulrich Seidl resta costantemente fissa nel mostrarci i protagonisti mentre raccontano di volta in volta le proprie esperienze. Soltanto quando il regista decide di mostrarci le stanze vuote di un appartamento perfettamente pulito e in ordine notiamo qualche essenziale movimento di macchina. Per quasi tutta la durata del documentario, come sovente accade, appunto, nelle sue opere, la realtà ci viene mostrata così com’è. E nel mostrarsi così com’è viene fuori con tutta la sua assurdità e la sua ridicolaggine, finendo per rivelarsi molto più pericolosa di quanto possa inizialmente sembrare.

Si ride molto, durante la visione di The last real Men. Si ride quando vediamo questi personaggi gretti e grotteschi raccontare le loro esperienze e le loro idee davanti alla macchina da presa. Si ride quando vediamo il protagonista dedicarsi alle arti marziali nel salotto di casa sua, quasi a voler mostrare al pubblico la sua virilità. Si ride anche quando vediamo quest’ultimo amareggiato nel momento in cui le cose non vanno come inizialmente sperato. Eppure, al contempo, si riflette anche su come determinati modi di pensare e determinate dinamiche siano ancora, purtroppo, tristemente attuali. Ulrich Seidl sa bene cosa comunicare allo spettatore. E fin dai suoi esordi lo ha fatto in modo del tutto diretto, coraggioso e personale, rivelandosi immediatamente uno dei nomi più interessanti e controversi del panorama cinematografico contemporaneo.

Titolo originale: Die letzten Männer
Regia: Ulrich Seidl
Paese/anno: Austria / 1994
Durata: 60’
Genere: documentario
Sceneggiatura: Ulrich Seidl
Fotografia: Peter Zeitlinger
Produzione: Lotus Film

Info: la scheda di The last real Men su iMDb; la scheda di The last real Men sul sito della Ulrich Seidl Filmproduktion; la scheda di The last real Men sul suto della Lotus Film; la scheda di The last real Men sul sito della Austrian Film Commission