losing-faith-2023-die-angstliche-verkehrsteilnehmerin-mechow-recensione-review-kritik

LOSING FAITH

      Commenti disabilitati su LOSING FAITH

This post is also available in: Deutsch (Tedesco) English (Inglese)

di Martha Mechow

voto: 8.5

Losing Faith, straordinario lungometraggio d’esordio della regista e artista performativa tedesca Martha Mechow, è un vero e proprio inno alla vita, alla libertà, all’amore, all’essere meravigliosamente donne. Alla Viennale 2023.

Meravigliosamente libere

Una piacevole sorpresa è stata presentata in anteprima in Austria in occasione della Viennale 2023. Stiamo parlando di Losing Faith, straordinario lungometraggio d’esordio della regista e artista performativa tedesca Martha Mechow, nonché un vero e proprio inno alla vita, alla libertà, all’amore, all’essere meravigliosamente donne. La realizzazione di Losing Faith, dunque, è iniziata diversi anni fa, quando la regista aveva ancora ventidue anni e stava per diplomarsi alla Filmakademie Wien. Nel corso degli anni, così, il tutto ha assunto una sua forma definitiva.

La storia messa in scena, dunque, è quella della giovane Flippa (impersonata da Selma Juana Schulte-Frohlinde), la quale abita in Germania e non vede sua sorella maggiore Furia (Ann Göbel) da molti anni. Al fine di incontrarla, dunque, la donna parte alla volta della Sardegna, dove Furia vive in una comune di sole donne in mezzo alla natura. Qui ognuna di loro ha organizzato perfettamente la propria vita, crescendo figli, organizzando feste in paese e commettendo anche piccoli furti. Tutto ciò senza l’aiuto degli uomini. Riuscirà Flippa a liberarsi finalmente dai vincoli dell’eterosessualità e a trovare un proprio posto nel mondo?

Losing Faith, dunque, ci colpisce immediatamente per il tocco fortemente surreale e del tutto fuori dagli schemi adottato da Martha Mechow. La mamma di Flippa e Furia viene misteriosamente risucchiata dal divano di casa sua sparendo per sempre pur di non dedicarsi ai suoi doveri di madre. E già questa prima scena ci fa immediatamente capire che ciò che stiamo per vedere è un film “che non ci si aspetta”. Un film in cui può accadere davvero di tutto e che, man mano che si va avanti con la narrazione, ci regala momenti di assoluta, pura bellezza. Proprio come quando vediamo, sempre in apertura del lungometraggio, tutte le donne che fanno parte del gruppo di Furia, mentre improvvisano una danza in aperta campagna e mentre vengono filmate, al contempo, da una piccola troupe cinematografica.

La natura, l’estate, la libertà ci fanno fare un viaggio, durante la visione di Losing Faith, nei nostri stessi ricordi grazie anche a immagini girate in pellicola dai colori particolarmente caldi e a danze sfrenate durante una festa di paese che sulle note di Non sono una Signora di Loredana Berté conferiscono al tutto un fascino senza tempo. Eppure, al contempo, temi particolarmente dolorosi e delicati fanno da leit motiv durante l’intero lungometraggio. Temi come il difficile rapporto con le proprie madri e, più in generale, con la figura materna intesa sia in senso reale che metaforico trovano, così, una propria sublimazione nel momento in cui vediamo una delle protagoniste che con una motosega taglia via la statua del Bambin Gesù dalle braccia di sua madre.

Martha Mechow, dal canto suo, ha dimostrato grande talento e grande intelligenza nel realizzare questo suo prezioso Losing Faith. Evitando sapientemente ogni retorica senza avere paura di tentare nuove strade e nuovi modi di intendere la messa in scena stessa, la giovane regista è indubbiamente uno dei nomi più promettenti del cinema austriaco (e mondiale) contemporaneo. E chissà quali altre belle sorprese ci regalerà in futuro.

Titolo originale: Die ängstliche Verkehrsteilnehmerin
Regia: Martha Mechow
Paese/anno: Austria, Germania / 2023
Durata: 100’
Genere: drammatico, sperimentale
Cast: Selma Juana Schulte-Frohlinde, Ann Göbel, Joseph Löcker, Inga Busch, Max Grosse Majench, Susanne Bredehöft, Yasmin El Yassini, Leonie Jenning, Nastasya Tikhnovetskaya, Alexandra Gottschlich, Sibylle Paetow-Spinosa, Laura Carmen Storz, Jan Koslowski, Luis August Krawen, Casper Kubeng, Martin Lindner, Maila Stahl, Pál Tóth, Margarita Broich, Marco Fontana, Sebastiano Nicolai
Sceneggiatura: Martha Mechow
Fotografia: Nils Jakob Timm, Luis August Krawen
Produzione: Hans Broich, Superzoom Film

Info: la scheda di Losing Faith su iMDb; la scheda di Losing Faith sul sito della Viennale; la scheda di Losing Faith sul sito della sixpackfilm