ich-oder-du-1984-dieter-berner-recensione-review-kritik

ICH ODER DU

      Commenti disabilitati su ICH ODER DU

This post is also available in: Deutsch (Tedesco) English (Inglese)

di Dieter Berner

voto: 7.5

Realismo, minimalismo, musica e anche, di quando un quando, una gradita ironia rendono Ich oder Du un lungometraggio accattivante sia dal punto di vista della storia in sé che dal punto di vista della sua stessa messa in scena. Una perfetta immagine della Vienna degli anni Ottanta prende magicamente vita sul grande schermo. Alla Viennale 2023, all’interno della retrospettiva Keine Angst del Filmarchiv Austria.

Vienna underground

Uno dei film più importanti e significativi del Nuovo Cinema Austriaco è stato riproposto al pubblico in occasione della Viennale 2023, all’interno della retrospettiva Keine Angst del Filmarchiv Austria. Stiamo parlando di Ich oder Du, diretto da Dieter Berner nel 1984, nonché vero e proprio gioiello che ci mostra una Vienna cruda e spesso impietosa, ben differente da come siamo soliti immaginarla.

La storia messa in scena, dunque, è quella del giovane Franz (impersonato da Karl Kröpfl), che sta per ereditare la fattoria di suo padre e che si trasferisce a Vienna, al fine di trovare finalmente un proprio posto nel mondo. Nella grande città, il giovane conoscerà il musicista Robert (impersonato dal celebre cantante e attore Hansi Lang) e la sua ragazza Christine (Beate Finckh). Ben presto nascerà un triangolo amoroso che cambierà per sempre le loro vite, soprattutto nel momento in cui Christine scoprirà di essere incinta e Robert, sempre più dipendente dalle droghe, si procurerà addirittura una pistola. Quale sarà il loro destino?

In Ich oder Du, insieme alla storia dei tre giovani protagonisti, ciò che maggiormente colpisce la nostra attenzione è, come già menzionato, proprio l’immagine di Vienna di quegli anni. Sul grande schermo, dunque, vediamo una Vienna grigia, spesso buia, che ci trasmette quasi una sensazione di disagio, ulteriormente accentuata dagli squallidi interni delle case. Allo stesso tempo, tuttavia, si tratta di un’indubbiamente affascinante Vienna underground, in cui all’interno di locali notturni giovani cantanti intrattengono stanchi clienti, che contribuisce a conferire a questo interessante lungometraggio di Dieter Berner un fascino ancora maggiore.

Ed è proprio un’importante componente musicale a svolgere in Ich oder Du un ruolo altrettanto importante (basti pensare che la retrospettiva all’interno della quale il film è stato presentato si intitola Keine Angst, proprio come una canzone cantata dallo stesso Lang in questa particolare occasione). Dieter Berner, dal canto suo, ha optato per una messa in scena estremamente realista e minimalista, completamente differente sia da quanto veniva realizzato in passato in Austria che dai suoi stessi film realizzati in anni più recenti.

Realismo, minimalismo, musica e anche, di quando un quando, una gradita ironia rendono il presente Ich oder Du un lungometraggio accattivante sia dal punto di vista della storia in sé che dal punto di vista della sua stessa messa in scena. Una perfetta immagine della Vienna degli anni Ottanta prende magicamente vita sul grande schermo. La storia di Franz, Robert e Christine è anche la storia di numerosi altri giovani che in quel periodo storico cercavano la loro strada all’interno di una grande capitale europea e ha spesso risvolti inaspettati che possono fare molto, molto male.

Titolo originale: Ich oder Du
Regia: Dieter Berner
Paese/anno: Austria / 1984
Durata: 92’
Genere: drammatico
Cast: Hansi Lang, Beate Finckh, Karl Kröpfl, Wolfgang Ambros, Hilde Berger, Rainer Egger, Bobby Prem, Franz Pusch, Helmut Vinaccia, Johannes Weidinger
Sceneggiatura: Dieter Berner, Peter Mazzuchelli
Fotografia: Walter Kindler
Produzione: Satel Film, ORF

Info: la scheda di Ich oder Du su iMDb; la scheda di Ich oder Du sul sito della Viennale; la scheda di Ich oder Du sul sito della Austrian Film Commission