flosserei-auf-der-salza-1927-kofinger-recensione-review-kritik

FLÖSSEREI AUF DER SALZA

      Commenti disabilitati su FLÖSSEREI AUF DER SALZA

This post is also available in: Deutsch (Tedesco) English (Inglese)

di Karl Köfinger

voto: 7.5

Il regista Karl Köfinger si è sempre dimostrato piuttosto coraggioso quando si trattava di sperimentare nuovi linguaggi e nuovi modi di intendere il cinema, pur adattandosi, in parte, ai canoni dell’epoca. Questo suo Flösserei auf der Salza, dunque, può essere considerato, oggi come oggi, uno dei suoi lavori più insoliti e coraggiosi, prezioso documento del passato e della storia del cinema austriaco.

Sulle rapide del fiume Salza

Famoso principalmente per una lunga serie di brevi documentari turistici realizzati per conto delle poste austriache, il regista Karl Köfinger – nonché fondatore della casa di produzione Ing. Köfinger-Film – ha realizzato, nel corso della sua lunga e prolifica carriera, anche numerosi altri film documentari atti a mostrarci determinate realtà nell’Austria degli anni Venti e Trenta. A tal proposito, il documentario Flösserei auf der Salza – realizzato nel 1927 e recentemente riproposto al pubblico dal Filmarchiv Austria, in occasione della rassegna Kino auf Sommerfrische – sta a documentare il trasporto della legna dalla regione di Mariazell fino al villaggio di Großreifling, attraverso, appunto, il fiume Salza.

Un documentario, il presente, piuttosto atipico per l’epoca, se si pensa ai numerosi altri lavori realizzati in contemporanea, di impostazione decisamente classica. Al fine, infatti, di mostrare il lavoro degli operai e il pericoloso tragitto per trasportare la legna, viene innanzitutto presentata la chiusa di Presceny, realizzata inizialmente nel 1848 (la cui costruzione è documentata, qui, attraverso inserti di fotografie d’epoca) e che ha subito ulteriori lavori di ammodernamento anche nel 1928. Eppure, nonostante tutto, restava ancora assai pericoloso il tragitto per il trasporto del legname.

Sarà, dunque, per questo che il presente Flösserei auf der Salza ha quasi i toni di un vero e proprio film d’avventura. In questa particolare occasione, infatti, il regista ha posto la sua macchina da presa su di una zattera dove erano soliti salire i trasportatori durante il percorso e, seguendo in particolare due di loro, ha documentato fedelmente l’intero tragitto, con tanto di rapide e forti correnti.

Ci troviamo, in questo caso, di fronte a un esempio di cinema del reale allo stato puro, dove poche ma essenziali didascalie iniziali – atte a introdurci la situazione che stiamo per vivere – lasciano presto il posto esclusivamente alle immagini, per un’esperienza carica di adrenalina come raramente capitava all’epoca nel momento in cui si trattava di visionare un documentario. E se pensiamo che, a quel tempo, i documentari realizzati duravano tutti solitamente pochissimi minuti, ecco che tale approccio registico ci sembra, oggi, ancora più insolito. E, se vogliamo, ancora più affascinante.

E Karl Köfinger, dal canto suo, si è sempre rivelato un cineasta piuttosto coraggioso quando si trattava di sperimentare nuovi linguaggi e nuovi modi di intendere il cinema, pur adattandosi, in parte, ai canoni richiesti dall’epoca. Questo suo Flösserei auf der Salza, dunque, può essere considerato, oggi come oggi, uno dei suoi lavori più insoliti e coraggiosi, prezioso documento del passato e della storia del cinema austriaco.

Titolo originale: Flösserei auf der Salza
Regia: Karl Köfinger
Paese/anno: Austria / 1927
Durata: 5’
Genere: documentario
Sceneggiatura: Karl Köfinger
Fotografia: Karl Köfinger
Produzione: Ing. Köfinger-Film

Info: il sito ufficiale del Filmarchiv Austria