the-klezmer-project-2023-adentro-mio-estoy-bailando-koch-schachmann-recensione-review-kritik

THE KLEZMER PROJECT

      Commenti disabilitati su THE KLEZMER PROJECT

This post is also available in: Deutsch (Tedesco) English (Inglese)

di Leandro Koch e Paloma Schachmann

voto: 8

The Klezmer Project non è soltanto un documentario sui più importanti musicisti klezmer dei giorni nostri. Questo interessante lavoro di Leandro Koch e Paloma Schachmann non è nemmeno semplicemente una storia d’amore tra due ragazzi che scoprono pian piano di avere molti più interessi in comune di quanto inizialmente possa sembrare. Ciò davanti a cui ci troviamo è un prodotto ibrido, sfaccettato ed estremamente vivo e variopinto. Alla Berlinale 2023.

Alla scoperta di tradizioni passate

“Per un uomo la morte è un evento naturale, per la cultura no. La cultura va tramandata di generazione in generazione. Quando un uomo muore, si conclude naturalmente il suo percorso; quando la cultura muore, è solo perché è stata assassinata”. Su questo importante principio, spesso fortemente sottovalutato, si basa, dunque, il lungometraggio The Klezmer Project (titolo originale: Adentro mio estoy bailando), diretto dai giovani registi Leandro Koch e Paloma Schachmann e presentato in anteprima mondiale in occasione della Berlinale 2023, all’interno della sezione Encounters.

The Klezmer Project, dunque, è un lungometraggio assai particolare. Un lungometraggio che combina sapientemente realtà e finzione, che si sviluppa su più livelli spazio-temporali e che, attraverso la forma del road movie, ci accompagna per mano in un mondo che in pochi, al giorno d’oggi, conoscono davvero. Per l’occasione, dunque, i due registi assumono anche i ruoli dei protagonisti. Leandro (Koch), dunque, è un giovane regista di origini ebree solito realizzare filmati durante i matrimoni. Egli non è affatto interessato alla religione e alla propria cultura, ma inizia ad avvicinarsi al mondo della musica klezmer dopo aver incontrato la musicista Paloma (Schachmann) proprio durante un matrimonio. Al fine di poter trascorrere del tempo con lei, il ragazzo le dirà che sta girando un documentario proprio sulla musica klezmer. Avrà così inizio un lungo viaggio dall’Argentina all’Austria (dove Leandro troverà chi può produrre il suo film), fino all’Ucraina, alla Romania e alla Moldavia, alla scoperta di tante nuove e inaspettate realtà.

The Klezmer Project, dunque, non è soltanto un documentario sui più importanti musicisti klezmer dei giorni nostri. Questo interessante lavoro di Leandro Koch e Paloma Schachmann non è nemmeno semplicemente una storia d’amore tra due ragazzi che scoprono pian piano di avere molti più interessi in comune di quanto inizialmente possa sembrare. Ciò davanti a cui ci troviamo è un prodotto ibrido, sfaccettato ed estremamente vivo e variopinto. Un lungometraggio in cui l’arte e la cultura vengono costantemente valorizzate e che a sua volta si arricchisce grazie alle tante testimonianze, ai concerti e alle scene di matrimoni e festività di volta in volta mostrati.

Cinema, metacinema e musica si incontrano continuamente, in The Klezmer Project, e, insieme, costituiscono una bellissima armonia. Vecchie fotografie in bianco e nero, i racconti di una nonna, ma anche la voce narrante di Satana (in realtà, la voce di una donna che legge un racconto di tradizione ebraica che va di pari passo con le vicende dei due protagonisti) rendono questo lungometraggio di Koch e Schachmann ancora più ricco e stratificato. La musica, lentamente, ha la meglio sulla storia all’interno di una struttura narrativa complessivamente ben bilanciata. Pian piano, non sembra esserci posto per null’altro. E mentre assistiamo a brevi concerti all’interno di piccoli locali, immediatamente ci sentiamo parte di un allegro e colorato matrimonio in Moldavia, quando vediamo, accompagnati dalla musica, gli sposi e tutti gli invitati camminare danzando per le strade del paese. The Klezmer Project ci regala tutto questo, ci coinvolge fin dai primi minuti e si rivela a tutti gli effetti “il film che non ci si aspetta”. Un ottimo esordio per i due giovani registi argentini.

Titolo originale: Adentro mio estoy bailando
Regia: Leandro Koch, Paloma Schachmann
Paese/anno: Austria, Argentina / 2023
Durata: 110’
Genere: drammaticosentimentale, musicale
Cast: Leandro Koch, Paloma Schachmann, Perla Sneh, Rebeca Yanover, César Lerner
Sceneggiatura: Leandro Koch, Paloma Schachmann
Fotografia: Leandro Koch, Roman Kasseroller
Produzione: Nabis Filmgroup, Nevada Cine

Info: la scheda di The Klezmer Project sul sito della Berlinale; la scheda di The Klezmer Project su iMDb; la scheda di The Klezmer Project sul sito della Austrian Film Commission