matter-out-of-place-2022-geyrhalter-recensione

MATTER OUT OF PLACE

      Nessun commento su MATTER OUT OF PLACE

This post is also available in: Deutsch (Tedesco)

di Nikolaus Geyrhalter

voto: 9

Con Matter out of Place, come sovente accade con le opere di Nikolaus Geyrhalter, ci troviamo di fronte a qualcosa di imponente, di magneticamente meraviglioso. Di fronte a qualcosa che, tuttavia, con le sue immagini studiate fin nel minimo dettaglio ci fa conoscere da vicino un problema più che mai urgente. Alla Viennale 2022.

Salviamo il pianeta!

Non si può immaginare di vedere un documentario di Nikolaus Geyrhalter in qualsiasi supporto che non sia lo schermo cinematografico. Già, perché, di fatto, se c’è un aggettivo che accomuna ogni sua opera – dagli esordi fino ai giorni nostri – esso è – senza paura di esagerazione alcuna – “maestoso”. Sono maestosi, infatti, documentari come Washed Ashore (1994), Homo Sapiens (2016) o Earth (2019), giusto per fare qualche esempio. Ed è altrettanto maestoso Matter out of Place, il suo ultimo lavoro, presentato in anteprima mondiale al Festival di Locarno 2022 e per la prima volta in Austria in occasione della Viennale 2022.

Con Matter out of Place, dunque, come sovente accade con le opere del regista viennese, ci troviamo di fronte a qualcosa di imponente, di magneticamente meraviglioso. Di fronte a qualcosa che, tuttavia, con le sue immagini studiate fin nel minimo dettaglio ci fa conoscere da vicino un problema più che mai urgente. Un problema che riguarda l’intera umanità e che proprio a causa dell’umanità esiste: il problema dei rifiuti che, in quantità sempre maggiore, minacciano il nostro pianeta e la nostra stessa salute.

Un fiume corre tra due montagne in Svizzera. La superficie dell’acqua è pressoché perfetta nella sua compattezza. Eppure, ben presto, scopriamo che c’è qualcosa che non va. E ciò accade nel momento in cui ci viene mostrata la successiva inquadratura, in cui le suddette montagne ci vengono mostrate da un’altra prospettiva. Su di una piccola riva ai loro piedi, infatti, vediamo un’enorme distesa di rifiuti. Una cosa del tutto innaturale, se si pensa alle bellezze che la natura ci ha offerto e che la macchina da presa di Geyrhalter ha inizialmente filmato. Ma non è tutto. Attraverso un lungo viaggio che parte, appunto, dalla Svizzera, fino ad arrivare in Albania, in Nepal, alle Maldive, in Austria e negli Stati Uniti, il regista ci mostra tutti i tentativi (molti dei quali, purtroppo, vani) di smaltire i suddetti rifiuti, sia da parte di volontari, che di veri e propri inceneritori (come accade, ad esempio, in Austria).

In Matter out of Place, tuttavia, notiamo subito uno sguardo estremamente realista e disilluso, come se ogni tentativo per poter salvare il nostro pianeta fosse del tutto inutile e come se la spazzatura, in realtà, fosse destinata a non sparire mai. I silenzi hanno la meglio sui dialoghi, in Matter out of Place. Lunghe inquadrature quasi ci ipnotizzano, mentre ci mostrano i rifiuti che sembrano volersi “ribellare” nel momento in cui vengono triturati. Allo stesso modo, paesaggi mozzafiato, veri e propri paradisi naturali, vengono immediatamente “contaminati” da inquadrature che, impietose, ci mostrano come la spazzatura sia diventata ormai parte di essi. Il tutto, talvolta, assume quasi delle connotazioni astratte. Delle connotazioni quasi oniriche, come accade prima di un concerto nel bel mezzo del deserto in Nevada, quando un gruppo di musicisti ci fa venire subito in mente il cinema di Federico Fellini.

Con un approccio fortemente contemplativo – tipico del suo cinema – Nikolaus Geyrhalter ci ha regalato un altro importante capitolo di storia contemporanea riguardante lo stretto rapporto tra l’uomo e l’ambiente. E, ancora una volta, possiamo constatare come il primo non abbia mai imparato a rispettare il mondo in cui vive. Un mondo che soffre sempre di più, che chiede disperatamente aiuto. E in Matter out of Place questo grido d’aiuto, con i suoi lunghi e numerosi silenzi, si fa ancora più assordante.

Titolo originale: Matter out of Place
Regia: Nikolaus Geyrhalter
Paese/anno: Austria / 2022
Durata: 105’
Genere: documentario
Sceneggiatura: Nikolaus Geyrhalter
Fotografia: Nikolaus Geyrhalter
Produzione: Nikolaus Geyrhalter Filmproduktion

Info: la scheda di Matter out of Place sul sito della Viennale; la scheda di Matter out of Place su iMDb; la scheda di Matter out of Place sul sito della Nikolaus Geyrhalter Filmproduktion