oskar-gierke-cinema-erranti-annenhof-kino-graz-copyright-hermann-schischegg-cinema-austriaco

OSKAR GIERKE – DAI CINEMA ITINERANTI ALL’ANNENHOF KINO DI GRAZ

This post is also available in: Deutsch (Tedesco)

La famiglia Gierke è a tutti gli effetti la famiglia che maggiormente ha contribuito alla diffusione del cinema in Stiria. Con grande curiosità e passione, Oskar Gierke è riuscito a creare un vero e proprio impero, facendo sì che la gente del posto potesse beneficiare appieno di questa nuova, magica invenzione.

Entusiasmanti novità a Graz

Una delle più importanti pioniere del cinema austriaco è indubbiamente la regista, sceneggiatrice e produttrice cinematografica Louise Kolm-Fleck. Eppure, fin dalle origini del cinema, numerose sono state le figure di rilievo all’interno del panorama cinematografico austriaco. Una di queste è indubbiamente Oskar Gierke, che fin dalla nascita del cinematografo – e anche molti anni prima – ha fatto di tutto affinché la gente potesse godere di questa nuova, rivoluzionaria invenzione. Ma chi era, di fatto, Oskar Gierke?

Nato a Dresda nel 1863, Oskar era figlio di Friedrich Gierke, il quale possedeva un piccolo teatro meccanico all’interno del quale numerose marionette alte circa un metro andavano a comporre – insieme a un meccanismo simile a un orologio che permetteva la realizzazione di particolari effetti speciali e cambi di scenografie – piccoli spettacoli sempre più raffinati ed elaborati. Tali spettacoli avevano luogo principalmente all’interno di tendoni e di locali di volta in volta affittati. Fu così che Friedrich Gierke giunse anche a Graz, una città che per la sua famiglia avrà molta importanza negli anni a venire.

Diventato ormai adulto, Oskar Gierke iniziò dapprima a mostrare in giro per il paese le sue celebri “fotografie viventi” tramite una macchina chiamata bioscopio. Tali rappresentazioni ebbero immediatamente molto successo e anche chi abitava lontano dalla città poté assistere a tali avvenimenti, dal momento che Gierke era solito portare in giro questo suo macchinario su di una carrozza trainata da cavalli, per poi mostrare queste piccole “rappresentazioni della realtà” nell’ambito di fiere o eventi. La vera rivoluzione, però, doveva ancora arrivare.

Qualche anno dopo l’invenzione del cinematografo da parte dei fratelli Lumière (e, nello specifico, nel 1897), infatti, Oskar Gierke decise di acquistare uno di questi nuovi macchinari pensati per la proiezione di brevi film (come, d’altronde, erano tutti i film realizzati all’epoca) al prezzo di tremila franchi. Nacquero, così, i primi cinema itineranti dell’Austria, all’interno dei quali venivano proiettati i più celebri film realizzati principalmente in Francia o anche brevi film a carattere erotico (in cui, tuttavia, non mancava anche un gradito tocco d’ironia), per una serie di spettacoli esclusivamente per adulti.

Dal momento che, a partire dai primi anni del Novecento, i cinema itineranti venero pian piano sostituiti da teatri stabili, anche Gierke decise di trovare una sede fissa per le sue ormai celebri proiezioni cinematografiche. Fu così che scelse di stabilirsi, nel 1905, proprio a Graz, dove inizialmente organizzò le prime proiezioni cinematografiche all’interno di un cantiere nella Annenstraße, costruendo, l’anno successivo, nella Jakominigasse (l’odierna Conrad-von-Hölzendorf-Straße), il primo cinema di Graz, che ancora si chiamava “Bioskop”, con una capienza di circa 300 posti. La gestione di tale cinema fu affidata alla figlia di Gierke, Wilhelmine, la quale lo terrà in gestione fino all’anno della sua morte, nel 1977, ossia per circa sessantaquattro anni.

Nel 1909, tuttavia, sarebbe accaduto qualcos’altro di molto importante per quanto riguarda la storia della città di Graz. In questo anno, infatti, Oskar Gierke, dopo varie traversie burocratiche, aprì finalmente il celebre Annenhof Kino, ancora oggi il cinema più grande di Graz. Tale cinema inizialmente poteva ospitare circa mille spettatori e malgrado inizialmente le poltrone non fossero molto comode, esso poteva vantare eleganti interni e una grande sala. Oskar Gierke gestì il cinema fino alla sua morte, avvenuta nel 1925, e in seguito la gestione fu affidata a suo figlio Rudolf e alla moglie di lui Martha. Il resto è storia. A partire dai primi anni Ottanta l’Annanhof Kino venne ingrandito e già nel 1981 era l’unico cinema di Graz che poteva vantare ben due sale. Il suo successo fu costantemente in ascesa e, a oggi, l’Annanhof Kino, con ben otto sale, è ancora uno dei cinema più amati della città.

La famiglia Gierke, dunque, è a tutti gli effetti la famiglia che maggiormente ha contribuito alla diffusione del cinema in Stiria. Con grande curiosità e passione, Oskar Gierke è riuscito a creare un vero e proprio impero, facendo sì che la gente del posto potesse beneficiare appieno di questa nuova, magica invenzione. Ancora oggi, dunque, numerosi spettatori trascorrono ogni giorno piacevoli momenti all’interno delle comode sale dell’Annenhof Kino. Ancora oggi, tale cinema è un vero e proprio punto di riferimento della splendida città di Graz.

Bibliografia: Aufgezeichnet und © Mag. Verena Florian, QUELLEN: Privatarchiv Annenhofkino – Geiger; www.museum-joanneum.at
Info: la scheda dell’Annenhof Kino su cineplexx.at