die-kluge-marianne-1943-thimig-recensione

DIE KLUGE MARIANNE

      Nessun commento su DIE KLUGE MARIANNE

This post is also available in: Deutsch (Tedesco)

di Hans Thimig

voto: 7.5

Die kluge Marianne una commedia degli equivoci elegante e divertente, una storia che oggi potrebbe sembrare anacronistica, ma, al contempo, una vera e propria dichiarazione d’amore alle donne. Un film che, anche a distanza di molti anni dalla sua realizzazione, è perfettamente in grado di riempire i cuori degli spettatori di gioia e ottimismo.

Alla conquista di un nuovo mondo

“Quanto mi piacerebbe avere una donna così!” affermava il grande Attila Hörbiger parlando dell’attrice Paula Wessely. Ma lui una donna così l’aveva già, dal momento che i due sono stati sposati per oltre cinquant’anni e che quando egli ha pronunciato la fatidica frase erano già sposati da otto anni. Eppure, in quella particolare occasione, la Wessely era, in realtà, la moglie di un suo amico. Come è possibile ciò? Semplice: ella era la protagonista del lungometraggio Die kluge Marianne, diretto nel 1943 da Hans Thimig, nonché trasposizione cinematografica della commedia Gefällt Euch meine Frau? di Guglielmo Zorzi.

In questa occasione, dunque, Paula Wessely ha impersonato la giovane Marianne, da poco sposata con Peter (impersonato da Hermann Thimig), un uomo molto più anziano di lei che per tutta la vita non ha mai voluto sposarsi, preferendo divertirsi nel tempo libero con i suoi tre migliori amici: Karli (Attila Hörbiger, appunto), Stani (Hans Holt) e Baldi (Axel von Ambessen). Quando Peter presenta sua moglie agli amici, i tre sono sorpresi del fatto che si sia improvvisamente sposato e, al contempo, sembrano considerare la giovane Marianne una donna troppo ingenua e sempliciotta per vivere in città. Decisa a far sì che suo marito le dedichi finalmente le attenzioni dovute, Marianne deciderà di cambiare look e pettinatura, comportandosi come una donna aristocratica e seducente. Gli amici del marito se ne innamoreranno immediatamente, al punto di trovare ogni scusa per frequentare casa loro.

Die kluge Marianne è stato realizzato nel 1943. Un’epoca particolarmente difficile per quanto riguarda la produzione cinematografica austriaca. In questo periodo, infatti, a causa della dittatura nazionalsocialista, c’era ben poca libertà d’espressione e molti registi, artisti e scrittori decisero di emigrare alla volta degli Stati Uniti. Chi restò in patria doveva attenersi a determinate regole. Numerosi furono, infatti, in questo periodo, i film di propaganda, in cui tormentate figure femminili badavano alla casa e ai bambini, mentre aspettavano che i loro uomini tornassero dalla guerra. Al contempo, venivano realizzati anche numerosi drammi sentimentali o commedie romantiche (come, appunto, il presente Die kluge Marianne) ambientate in un contesto altoborghese, in cui ricche scenografie ed eleganti costumi facevano da sfondo perfetto per le storie di volta in volta messe in scena. Ovviamente, il più delle volte, non veniva fatto alcun accenno alla guerra, dal momento che molte delle storie erano ambientate nei primi anni del Novecento.

Questo è il caso, dunque, anche di Die kluge Marianne, in cui, di fianco a una sceneggiatura lineare e semplice, v’è anche un ottimo cast, che comprende i maggiori interpreti cinematografici e teatrali dell’epoca, che molti successi hanno riscosso anche negli anni a venire. Questo allegro e frizzante lungometraggio di Hans Thimig si distingue, dunque, per l’accurata e raffinata messa in scena, ma anche per il modo in cui la stessa Paula Wessely (che dopo una già importante carriera teatrale aveva esordito al cinema soltanto nove anni prima in Mascherata di Willi Forst) viene valorizzata con tutto il suo talento e il suo caratteristico viso sbarazzino. Un viso non convenzionale, che, inizialmente, non veniva considerato particolarmente adatto per il cinema, ma che, già a partire dal lungometraggio di Forst, è entrato nel cuore degli spettatori di tutte le età.

Tutti ciò ha reso Die kluge Marianne una commedia degli equivoci elegante e divertente, una storia che oggi potrebbe sembrare anacronistica, ma, al contempo, una vera e propria dichiarazione d’amore alle donne. E anche a distanza di molti anni dalla sua realizzazione, è perfettamente in grado di riempire i cuori degli spettatori di gioia e ottimismo.

Titolo originale: Die kluge Marianne
Regia: Hans Thimig
Paese/anno: Germania, Austria / 1943
Durata: 93’
Genere: commediasentimentale
Cast: Hermann Thimig, Paula Wessely, Attila Hörbiger, Hans Holt, Axel von Ambesser, Alfred Neugebauer, Dagny Servaes, Jane Tilden, Rosl Dorena, Willi Dohm, Richard Eybner, Karl Skraup, Karl Bachmann, Theodor Danegger, Helli Servi
Sceneggiatura: Hans Thimig, Guglielmo Zorzi
Fotografia: Hans Schneeberger
Produzione: Wien-Film

Info: la scheda di Die kluge Marianne su iMDb; la scheda di Die kluge Marianne sul sito del Filmarchiv Austria