Mese: Giugno 2022

die-weltmaschine-1981-patzak-recensione

DIE WELTMASCHINE

Die Weltmaschine è un vero e proprio inno alla vita, alla libertà e all’arte in tutte le sue forme. Erni Mangold si è rivelata la protagonista perfetta, si potrebbe addirittura affermare che il ruolo della protagonista sia stato scritto proprio pensando a lei. Uno dei primi film a cui ha preso parte Christoph Waltz.

freunde-1945-e-w-emo-recensione

FREUNDE

Perfettamente in linea con la produzione cinematografica austriaca di quegli anni, Freunde mette in scena un dramma sentimentale, in cui, tuttavia, non viene fatto alcun riferimento alla guerra appena conclusasi. La storia dei tre protagonisti è ambientata negli anni Quaranta, ma potrebbe svolgersi in qualsiasi periodo storico.

michael-haneke-trilogia-della-glaciazione-cinema-austriaco

MICHAEL HANEKE – LA TRILOGIA DELLA GLACIAZIONE

Violenza, freddezza, vacuità. Queste potrebbero essere le tre parole chiave atte a caratterizzare la Trilogia della Glaciazione di Michael Haneke. I personaggi sono carnefici e vittime allo stesso tempo. Carnefici nei confronti di altri esseri umani (ma anche di sé stessi), vittime di un mondo in cui non v’è più considerazione alcuna per l’essere umano in quanto tale.

super-8-girl-games-1985-purrer-scheirl-recensione

SUPER-8-GIRL GAMES

Vivace, ironico, variopinto e incredibilmente vivo, Super-8-Girl Games rappresenta perfettamente tutta la freschezza di due sguardi limpidi e desiderosi di trovare e sperimentare nuovi linguaggi cinematografici. Seppur amatoriali, i filmati girati in super 8 hanno sempre esercitato un grande, grandissimo fascino sia su spettatori che su cineasti. Ursula Pürrer e Hans Scheirl lo hanno dimostrato ancora una volta.

notes-from-the-basement-2000-aufzeichnungen-aus-dem-tiefparterre-frimmel-recensione

NOTES FROM THE BASEMENT

In Notes from the Basement Rainer Frimmel ha selezionato e montato una serie di filmati girati dal barelliere Peter Haindl tra il 1993 e il 1999. Filmati in cui il protagonista ci mostra dapprima la casa in cui vive, poi, finalmente, compare davanti alla telecamera, si racconta e ci racconta la sua quotidianità e la sua attitudine nei confronti della vita e del mondo che lo circonda. Proprio come a suo tempo ha fatto il protagonista del celebre monologo Der Herr Karl, scritto da Helmut Qualtinger e Carl Merz nel 1961.

diana-bathing-1907-diana-im-bade-schwarzer-recensione

DIANA BATHING

Anche se incompleto, Diana bathing – diretto dal fotografo e chimico Johann Schwarzer e prodotto dalla controversa Saturn-Film – è un importante tassello della storia del cinema austriaco, che ci diverte e sa regalarci appena due minuti di piacevole leggerezza.