osterreichischer-filmpreis-2022-nomination-nominierungen-cinema-austriaco

ÖSTERREICHISCHER FILMPREIS 2022 – TUTTE LE NOMINATION

This post is also available in: Deutsch (Tedesco)

Nella giornata di ieri, giovedì 5 maggio, sono state annunciate le nomination agli Österreichischer Filmpreis 2022. Ancora una volta, l’Akademie des Österreichischen Films, presieduta da quest’anno dall’attrice Verena Altenberger e dal regista Arash T. Riahi ha selezionato alcuni tra i migliori film realizzati in Austria durante lo scorso anno. La cerimonia di premiazione avrà luogo il 30 giugno a Grafenegg, nella Bassa Austria, sotto la direzione artistica della regista Clara Stern.

In attesa della premiazione…

Ormai manca poco. Nella giornata di ieri, giovedì 5 maggio, sono state annunciate le nomination agli Österreichischer Filmpreis 2022. Ancora una volta, dunque, l’Akademie des Österreichischen Films, fondata nel 2009 e presieduta da quest’anno dall’attrice Verena Altenberger e dal regista Arash T. Riahi ha selezionato alcuni tra i migliori film realizzati in Austria durante lo scorso anno. E anche quest’anno, come ogni anno, di sorprese e conferme ce ne sono state parecchie.

Tra tutti i lungometraggi presenti, particolari soddisfazioni hanno ricevuto Fox in a Hole, realizzato da Arman T. Riahi, nonché film d’apertura della Diagonale 2021, e Great Freedom di Sebastian Meise, già presente all’interno della selezione del Festival di Cannes 2021, prima di essere riproposto al pubblico in occasione della Viennale 2021. Entrambi i lungometraggi – il primo ambientato in un carcere minorile, il secondo, anch’esso ambientato in carcere, che parla delle condizioni di vita degli omosessuali dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale – si sono aggiudicati ben dieci nomination ciascuno, tra cui Miglior Film e Miglior Regia, oltre a importanti riconoscimenti per gli attori.

Grandi soddisfazioni hanno ottenuto anche The Royal Game di Philipp Stölzl – tratto da La Novella degli Scacchi di Stefan Zweig – e Hinterland, del Premio Oscar Stefan Ruzowitzky, che, ambientato dopo la fine della Prima Guerra Mondiale, si è immediatamente distinto per le sue raffinate scenografie e per il suo tocco fortemente espressionista. Entrambi i film si sono aggiudicati sei nomination a testa e si sono rivelati alcune tra le più interessanti rivelazioni. Allo stesso modo, Moneyboys, diretto dal giovane regista C. B. Yi e anch’esso presente prima al Festival di Cannes 2021, poi alla Viennale 2021, si è rivelato una piacevole sorpresa, al punto da aggiudicarsi per questi Österreichischer Filmpreis 2022 ben cinque nomination, tra cui Miglior Film, Miglior Regia e Miglior Sceneggiatura.

Per quanto riguarda i documentari, quest’anno ben quattro hanno ottenuto la prestigiosa nomination al Miglior Documentario. Se, infatti, grande successo hanno avuto già alla Berlinale 2020 Notes from the Underworld dei celebri Tizza Covi e Rainer Frimmel e Runnung on Empty della giovane Lisa Weber, altrettanto piacevole è la presenza in corsa di Auslegung der Wirklichkeit – Georg Stefan Troller di Ruth Rieser e di Space Dogs, diretto nel 2019 da Elsa Kremser e Levin Peter.

In poche parole, si preannuncia un’edizione degli Österreichischer Filmpreis 2022 ricca di sorprese e belle soddisfazioni. La cerimonia di premiazione avrà luogo il 30 giugno a Grafenegg, nella Bassa Austria, sotto la direzione artistica della regista Clara Stern. Non resta che aspettare ancora poco meno di due mesi, dunque, per sapere chi si aggiudicherà quest’anno questi importanti riconoscimenti. Nel frattempo, in bocca al lupo a tutti e che vinca il migliore!

Di seguito, tutte le nomination agli Österreichischer Filmpreis 2022.

MIGLIOR FILM

Fox in a Hole di Arman T. Riahi

Great Freedom di Sebastian Meise

Me, We di David Clay Diaz

Moneyboys di C. B. Yi

MIGLIOR DOCUMENTARIO

Notes from the Underworld di Tizza Covi e Rainer Frimmel

Auslegung der Wirklichkeit – Georg Stefan Troller di Ruth Rieser

Running on Empty di Lisa Weber

Space Dogs di Elsa Kremser e Levin Peter

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO

Genosse Tito, ich erbe di Olga Kosanovic

Liebe, Pflicht & Hoffnung di Maximilian Conway

Nackte Männer im Wald di Paul Ploberger

Neverinland di Fatih Gürsoy

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA

Birgit Minichmayr per The Royal Game

Julia Franz Richter per 1 Verabredung im Herbst

Maria Hofstätter per Fox in a Hole

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA

Georg Friedrich per Great Freedom

Aleksandar Petrović per Fox in a Hole

Franz Rogowski per Great Freedom

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

Michou Friesz per 1 Verabredung im Herbst

Luna Jordan per Fox in a Hole

Maresi Riegner per The Royal Game

Margarethe Tiesel per Hinterland

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

Andreas Lust per Fox in a Hole

Thomas Prenn per Great Freedom

Lukas Miko per The Royal Game

MIGLIOR REGIA

Arman T. Riahi per Fox in a Hole

Sebastian Meise per Great Freedom

C. B. Yi per Moneyboys

MIGLIOR SCENEGGIATURA

Sebastian Meise, Thomas Reider per Great Freedom

Arman T. Riahi per Fox in a Hole

C. B. Yi per Moneyboys

MIGLIOR FOTOGRAFIA

Thomas W. Kiennast per The Royal Game

Crystel Fournier per Great Freedom

Benedict Neuenfels per Hinterland

MIGLIOR MONTAGGIO

Gerd Berner per Chasing the Line

Britta Nahler per Madison

Karina Ressler, Johana Scrinzi per Fox in a Hole

Johana Scrinzi per Great Freedom

MIGLIORI COSTUMI

Theresa Ebner-Lazek per Chasing the Line

Tanja Hausner per The Royal Game

Uli Simon per Hinterland

MIGLIOR TRUCCO

Helene Lang, Roman Braunhofer per Hinterland

Heiko Schmidt, Roman Braunhofer, Kerstin Gaecklein per Great Freedom

Daniela Skala per The Royal Game

MIGLIOR SCENOGRAFIA

Huei-Li Liao per Moneyboys

Oleg Prodeus, Andreas Sobotka, Martin Reiter per Hinterland

Katharina Wöppermann, Nina Mader per Monte Verità

MIGLIOR COLONNA SONORA

Voodoo Jürgens, David Schweighart per Sargnagel

Peter Brötzmann, Nils Petter Molvær per Great Freedom

Karwan Marouf per Fox in a Hole

MIGLIOR SONORO

Atanas Tscholakov, Nils Kirchhoff, Manuel Meichsner per Fox in a Hole

Alain Goniva, Nils Kirchhoff, Michel Schillings per Hinterland

Yun Xie-Loussignian, Hjalti Bager-Jonathansson, Karim Weth, Thomas Gauder per Moneyboys

Info: il sito ufficiale dell’Akademie des Österreichischen Films