mariazell-1957-aavv-recensione

MARIAZELL

      Nessun commento su MARIAZELL

This post is also available in: Deutsch (Tedesco)

di AAVV

voto: 7

A metà strada tra il prodotto pubblicitario vero e proprio e il documentario, Mariazell ci mostra per intero, in soli due minuti, la piccola cittadina tanto amata dagli austriaci, con tanto di focus sugli scorci più caratteristici del posto.

A pochi passi da Vienna

La meta turistica di Mariazell ha da sempre attirato un cospicuo numero di visitatori provenienti principalmente da Vienna e desiderosi di staccare la spina anche soltanto per una breve gita di un giorno. E se uno dei primi documentari atto a mostrarci le bellezze del luogo – oltre a essere considerato, al giorno d’oggi, una vera e propria pietra miliare della cinematografia austriaca – è Österreichische Alpenbahnen – Eine Fahrt nach Mariazell (realizzato nel 1910 e prodotto dalla Österreichisch-Ungarische Kino-Industrie), numerose sono state, nel corso degli anni, le produzioni pensate principalmente per valorizzare le bellezze del luogo, al fine di attirare un numero ancora maggiore di visitatori.

A tal proposito, il breve documentario Mariazell – realizzato nel 1957 – fa parte di una lunga serie di prodotti documentaristici pensati perlopiù per una proiezione antecedente gli spettacoli cinematografici, come sovente si era soliti fare soprattutto tra gli anni Cinquanta e gli anni Sessanta.

A metà strada tra il prodotto pubblicitario vero e proprio e il documentario, Mariazell, appunto, ci mostra per intero, in soli due minuti, la piccola cittadina tanto amata dagli austriaci, con tanto di focus sugli scorci più caratteristici del posto.

E così, numerosi turisti che affollano le piazze, persone atte a chiacchierare amabilmente sedute al tavolino di un bar, suggestive panoramiche e totali si fanno immediatamente protagonisti assoluti di questo piccolo e prezioso documentario. Ad accrescere ancora di più il valore del presente lavoro, una curata fotografia dai colori pastello, segno distintivo dei numerosi prodotti del genere che venivano realizzati copiosi ancora parecchi anni dopo il secondo dopoguerra e che, a tratti, sta quasi a ricordare addirittura alcuni tra i più recenti Wiener Film.

Malgrado, dunque, il fatto che lavori del genere siano considerati quasi dei prodotti minori all’interno della vasta e variegata produzione cinematografica austriaca di quegli anni, non si può non riconoscere sia a Mariazell che a numerosi altri documentari del genere un indubbio valore storico.

Ciò che, infatti, lavori come il presente stanno, oggi come oggi, a testimoniare è, soprattutto, la voglia di risollevarsi, di ripartire ancora più forti di prima, in un momento storico in cui, nonostante fossero trascorsi ormai diversi anni, le conseguenze della Seconda Guerra Mondiale si facevano sentire ancora forti e dolorose. Mai come in questo momento, infatti, era tanta la voglia di benessere e di puntare tutto sulle bellezze del luoghi, con altrettanta voglia di riscoprire il nuovo, di percorrere nuove strade, di trovare nuove forme di espressione artistica. E a conferma di ciò, particolarmente significative sono le numerose correnti artistiche e cinematografiche nate in Austria proprio in questi anni. Segno di un’Austria più che mai viva e pulsante che di cose da dire e da condividere ne aveva davvero tante e tante.

Titolo originale: Mariazell
Regia: AAVV
Paese/anno: Austria / 1957
Durata: 2’
Genere: documentario
Sceneggiatura: AAVV
Fotografia: AAVV
Produzione: AAVV

Info: il sito ufficiale del Filmarchiv Austria