i-soliti-ignoti-colpiscono-ancora-1976-ab-morgen-sind-wir-reich-und-ehrlich-antel-recensione

I SOLITI IGNOTI COLPISCONO ANCORA

This post is also available in: Deutsch (Tedesco)

di Franz Antel

voto: 5.5

In I soliti Ignoti colpiscono ancora – E una Banca rapinammo per fatal Combinazion una regia a volte maldestra e risvolti di sceneggiatura spesso prevedibili ci fanno provare nostalgia non solo per il celebre I soliti Ignoti di Mario Monicelli, ma anche per le commedie dirette dallo stesso Franz Antel in Austria tra gli anni Quaranta e gli anni Cinquanta.

Rapinatori per caso

Il capolavoro di Mario Monicelli I soliti Ignoti (realizzato nel 1958) è considerato una delle più importanti pellicole realizzate in Italia dalla fine del Neorealismo. Non stupisce, dunque, che di tale lungometraggio siano stati realizzati diversi sequel e remake (sia in Italia che negli Stati Uniti). Se pensiamo, tuttavia, alla commedia I soliti Ignoti colpiscono ancora – E una banca rapinammo per fatal Combinazion (titolo alternativo: Ab morgen sind wir reich und ehrlich), diretto da Franz Antel (qui accreditato come François Legrand) nel 1976 e frutto di una cooperazione tra Italia e Austria, notiamo come tale titolo si sia solo lontanamente ispirato alla pellicola di Monicelli, ma che, di fatto, nulla ha a che vedere con il suddetto lungometraggio.

Tutto ha inizio, dunque, a Roma. Il giovane Nino (impersonato da Angelo Infanti) lavora come meccanico, ma sogna di diventare stuntman. L’uomo, un giorno incontra a lavoro un sedicente barone (Vittorio Caprioli), che lavora nel cinema, e gli chiede un impiego. I due vengono ingaggiati in una produzione ispirata alle memorie di un noto gangster che vive in un paesino dell’Abruzzo. In seguito a una serie di equivoci e peripezie, i due si ritroveranno a svaligiare realmente una banca, convinti di trovarsi sul set cinematografico.

I soliti ignoti colpiscono ancora, dunque, punta tutto su una serie di gag ed equivoci che si susseguono a ritmi frenetici e che si ispirano più allo stile delle numerose commedie italiane anni Settanta che alla commedia all’italiana vera e propria. Inseguimenti in macchina, finte ambulanze, attori vestiti da poliziotti e veri poliziotti che tentano di catturare altri attori, uno stimato senatore (impersonato dal grande Curd Jürgens) che deve assolutamente recuperare una valigetta con dei nastri registrati per non rischiare che certe informazioni che lo riguardano possano rovinargli la carriera.

Ci si diverte indubbiamente con questa bizzarra commedia di Franz Antel. Eppure, spesso, una regia a volte maldestra e risvolti di sceneggiatura spesso prevedibili ci fanno provare nostalgia non solo per il lungometraggio di Monicelli, ma anche per le commedie dirette dallo stesso Antel in Austria tra gli anni Quaranta e gli anni Cinquanta. Qui il regista ci è sembrato meno a proprio agio nel gestire inseguimenti, risse e sparatorie. Allo stesso modo, un montaggio a volte troppo netto ci dà quasi l’impressione di trovarci di fronte a un lungometraggio “tronco”, in cui nemmeno l’inquadratura finale dedicata proprio a Jürgens, che dovrebbe essere un omaggio a lui (“con quella faccia avrà sicuramente successo al cinema”), riesce a “rendergli giustizia” e a fare da degno coronamento a un lavoro sì imperfetto, ma che, di quando in quando, strappa una risata allo spettatore grazie soprattutto a numerose gag di impostazione slapstick.

I soliti ignoti colpiscono ancora, dunque, resta un film fortemente imperfetto, in cui nemmeno la componente metacinematografica riesce a “salvare la situazione”. I tempi in cui due maldestri fattorini trasportavano a fatica un pesante baule suscitando l’ilarità nel pubblico (in Hallo Dienstmann, 1952) sembrano ormai lontani anni luce.

Titolo originale: I soliti Ignoti colpiscono ancora – E una Banca rapinammo per fatal Combinazion
Regia: Franz Antel
Paese/anno: Austria, Germania, Italia / 1976
Durata: 82’
Genere: commedia
Cast: Carroll Baker, Curd Jürgens, Arthur Kennedy, Vittorio Caprioli, Angelo Infanti, Silvia Dionisio, Christine Kaufmann, Elisabeth Fallenberg, Werner Pochath, Gabriele Tinti, Maurice Kaufmann
Sceneggiatura: Willy Pribil, Sauro Scavolini
Fotografia: Guglielmo Mancori
Produzione: Cinema 77, Jadran Film, Neue Delta Filmproduktion, Rewind Film, San Nicola Produzione Cinematografica, TV13 Filmproduktion

Info: la scheda di I soliti Ignoti colpiscono ancora su iMDb