fever-2014-fieber-mikesch-recensione

FEVER

      Nessun commento su FEVER

This post is also available in: Deutsch (Tedesco)

di Elfi Mikesch

voto: 7

Realtà e immaginazione. Passato e presente. Guerra e pace. Dolore e serenità. In Fever tutti questi elementi fanno da protagonisti assoluti, spesso si confondono, ci confondono, ma, tutti insieme, puntano il dito direttamente contro ogni guerra, responsabile di aver rovinato la vita di milioni di persone.

Ricordi

Immagini di un tempo passato. Una dolorosa, ma anche tenera storia famigliare da scoprire. Un passato difficile e un presente dove la speranza sembra finalmente fare da protagonista. La celebre fotografa, direttrice della fotografia e regista Elfi Mikesch si è ispirata alla sua stessa infanzia nel mettere in scena Fever (2014) e, allo stesso tempo, ha cercato di indagare circa il suo passato e di comprendere meglio la figura di suo padre. Un compito indubbiamente complicato, che, tuttavia, attraverso ricordi e immagini può trovare una propria soluzione.

La storia messa in scena, dunque, è quella di Franziska (impersonata da Eva Mattes), rinomata fotografa che, un giorno, decide di recarsi a Novi Sad, una città di cui suo padre (Martin Wuttke) le ha sempre raccontato. L’uomo, che per anni ha stazionato come legionario in Africa del nord, è tornato a casa dalla guerra profondamente cambiato. Questo, ovviamente, ha avuto una forte influenza sulla vita della giovane Franziska e di suo fratello minore. Potrà mai un viaggio sulle tracce del passato fare luce su alcuni segreti di famiglia e far sì che la protagonista faccia finalmente pace con il suo passato?

Fever, dunque, è un delicato e commovente viaggio nella vita di Franziska (e, ovviamente, di Elfi Mikesch). Passato e presente si incontrano in continuazione, la penombra delle stanze della casa in cui abitava la protagonista da bambina si contrappone alla luce calda e viva che entra attraverso il finestrino del treno nello scompartimento in cui è seduta Franziska da adulta. Il passato è spesso doloroso, ma anche ricco di momenti piacevoli, in cui la bambina giocava con suo fratello, chiacchierava con un’affascinante vicina di casa e scherzava con i suoi genitori. Eppure, ciò che ella percepiva – e ciò che suo padre le raccontava – si discostava molto dalla verità. Una verità che verrà piano piano svelata non solo da vecchie fotografie, ma anche dalle persone che hanno fatto parte della vita di suo padre, le quali andranno a trovare la giovane Franziska nei sogni, nella sua stanza da letto, all’interno di un bosco.

Realtà e immaginazione. Passato e presente. Guerra e pace. Dolore e serenità. In Fever tutti questi elementi fanno da protagonisti assoluti, spesso si confondono, ci confondono, ma, tutti insieme, puntano il dito direttamente contro le guerre, contro ogni guerra, responsabile di aver rovinato la vita di milioni di persone. Elfi Mikesch espone le sue teorie in modo chiaro ad esplicito, ma, allo stesso tempo, evita sapientemente ogni retorica e ogni cliché. La sua macchina da presa si muove delicatamente intorno ai personaggi di Franziska bambina e di Franziska da adulta e si affida alla bravura dell’intero cast. Immagini del passato tornano alla memoria attraverso vecchie fotografie. E, allo stesso modo, cinema e fotografia si incontrano, perseguono uno stesso scopo, rendono il presente migliore attraverso una delicata indagine sul passato.

La lunga esperienza di Elfi Mikesch come fotografa, la sua infanzia, il difficile rapporto con suo padre fanno di Fever, dunque, il suo film più intimo e personale. Una storia famigliare tenera e delicata e un difficile percorso interiore. Segreti del passato che, forse, soltanto una nuova luce sarà in grado di svelare.

Titolo originale: Fieber
Regia: Elfi Mikesch
Paese/anno: Austria, Lussemburgo / 2014
Durata: 80’
Genere: drammatico
Cast: Carolina Cardoso, Eva Mattes, Martin Wuttke, Nicole Max, Louis Wagner, Luc Lamesch, Sascha Ley, Suzana Vukovic, Astrid Weiss, Oleg Zhukov, Luc Feit, André Jung, Nilton Martins, Marie Jung, Konstantin Rommelfangen, Igor Orovac, Iren Abraham, Rade Kojadinovic, Aleksandra Pleskonjic
Sceneggiatura: Elfi Mikesch, Kathrin Resetarits
Fotografia: Jerzy Palacz
Produzione: Amour Fou Luxembourg, Amour Fou Vienna, Albolina Film

Info: la scheda di Fever su iMDb; la scheda di Fever sul sito della Amur Fou Film