in-her-boots-2019-steinbacher-recensione

IN HER BOOTS

      Nessun commento su IN HER BOOTS

This post is also available in: Deutsch (Tedesco)

di Kathrin Steinbacher

voto: 7.5

In her Boots è un tenero e variopinto viaggio nella mente di una signora affetta da demenza senile. Una signora che vive insieme a sua nipote e che, magicamente, riesce a trovarsi ora a scalare le montagne, ora a fluttuare libera nell’aria, ora a danzare nuda in salotto. Le sue scarpe sono ormai vecchie. Eppure non hanno perso i loro poteri magici. La donna non riesce assolutamente a separarsene.

Viaggiare, ballare

Quando Dorothy Gale – indimenticabile protagonista de Il Mago di Oz – voleva tornare a casa, le bastava far sbattere tra di loro i tacchi delle sue scarpette rosse. In questo modo la bambina poteva trovarsi in tutt’altro luogo alla velocità della luce. E proprio come lei, anche l’anziana signora protagonista del cortometraggio d’animazione In her Boots – diretto dalla giovane regista e illustratrice Kathrin Steinbacher nel 2019 – riesce a trovarsi improvvisamente in una realtà talmente diversa, nel momento in cui indossa i suoi magici scarponcini rossi.

In her Boots, dunque, è un tenero e variopinto viaggio nella mente di una signora affetta da demenza senile. Una signora che vive insieme a sua nipote e che, magicamente, riesce a trovarsi ora a scalare le montagne, ora a fluttuare libera nell’aria, ora a danzare nuda in salotto. Le sue scarpe sono ormai vecchie. Eppure non hanno perso i loro poteri magici. La donna non riesce assolutamente a separarsene.

Kathrin Steinbacher, dal canto suo, si è dedicata ancora una volta a temi a lei particolarmente cari. Ancora una volta vengono messe in primo piano la complessa psiche umana, insieme a storie di donne estremamente fragili, ma anche incredibilmente resilienti, che rifugiandosi semplicemente nella loro fantasia sono in grado di vivere esperienze del tutto fuori dal comune, di sentirsi finalmente libere, si essere a loro modo felici. Anche se, di fatto, tutto ciò è causato dalla loro personale condizione clinica. Questo è il caso, ad esempio, del cortometraggio The Woman who turned into a Castle – realizzato nel 2018 e in cui venivano messe in scena le vicende di una paziente di Oliver Sacks curata dalla sua Encephalitis Lethargica in modo sperimentale – così come del presente In her Boots.

L’anziana protagonista va in soggiorno da sua nipote. Poi, improvvisamente, si ritrova in montagna, sempre con i suoi magici scarponcini ai piedi. È come se fosse tornata bambina. Poi, di nuovo, è a casa sua e insieme alla nipote stessa si accinge a fare colazione. Le uova, tuttavia, assumono un aspetto strano, alquanto bizzarro e divertente. Già, perché, di fatto, tutto l’intero andamento narrativo di In her Boots è leggero e ottimista, malgrado il tema trattato. La regista, così, evita sapientemente ogni retorica, evita di mettere in scena situazioni già viste o pericolosamente banali, tratta il tema della malattia nel modo più naturale e sereno possibile.

I colori e gli ambienti diventano i grandi protagonisti sullo schermo. Le immagini ci confondono, ci fanno sentire disorientati, ma, allo stesso tempo, si rivelano affascinanti e magnetiche. Tutto ci viene mostrato rigorosamente da un unico punto di vista. Noi stessi viviamo e vediamo ciò che la protagonista vive e vede.

E poi, non per ultimo, c’è un tenero rapporto tra nonna e nipote. Un rapporto amichevole, sereno, che ricorda quello tra una mamma (in questo caso la nipote) e la sua figlioletta. Un rapporto che segue semplicemente il susseguirsi degli eventi, che non si lascia scalfire dalle difficoltà, ma che, al contrario, diviene ogni giorno più forte. Ogni occasione è buona per scatenarsi e ballare libere e spensierate. E così, questo piccolo e tenero In her Boots si rivela subito come un intimo e profondo inno alla vita che lo sguardo maturo e attento di Kathrin Steinbacher ha saputo mettere in scena così bene.

Titolo originale: In her Boots
Regia: Kathrin Steinbacher
Paese/anno: Austria, Gran Bretagna / 2019
Durata: 6’
Genere: animazione
Sceneggiatura: Kathrin Steinbacher
Fotografia: Kathrin Steinbacher
Produzione: Kathrin Steinbacher, Royal College of Art London

Info: la scheda di In her Boots sul sito ufficiale di Kathrin Steinbacher; la scheda di In her Boots su iMDb