diagonale21-tutti-i-vincitori-cinema-austriaco

DIAGONALE’21 – TUTTI I VINCITORI

This post is also available in: Deutsch (Tedesco)

Ieri, domenica 13 giugno, sono stati annunciati i vincitori della Diagonale’21. La cerimonia di premiazione, la Große Diagonale-Preisrevue, è stata trasmessa online sul sito FM4 e su ORF III. Di seguito, come da comunicato stampa.

I migliori della Diagonale

Nel 2021, la Diagonale è lieta di presentare ancora una volta i premi cinematografici più prestigiosi dell’Austria – innanzitutto il Gran Premio Diagonale della Provincia della Stiria per il Miglior Lungometraggio e il Miglior Documentario del festival, ciascuno dotato di 19.000 euro, nonché il Premio Diagonale per il Cinema Innovativo della città di Graz.

Oltre ai premi principali, le giurie internazionali assegnano anche i premi donati da VdFS – Verwertungsgesellschaft der Filmschaffenden per risultati eccezionali nel campo della recitazione, della fotografia, del montaggio, della produzione, dei costumi e del suono. Anche il Kodak Analog Film Prize è stato assegnato per la seconda volta ieri sera. Il premio del pubblico del Kleine Zeitung è stato presentato alle 18.30 all’Annenhof Kino.

Per la prima volta quest’anno, i vincitori del premio saranno annunciati nel contesto di una trasmissione registrata in loco: La Große Diagonale-Preisrevue è stata trasmessa in onda alle 20.15 sul sito FM4 e alle 00.10 su ORF III.

Il premio per il miglior lungometraggio austriaco della Diagonale’21 va a Why not you di Evi Romen. Il debutto nel lungometraggio della montatrice e sceneggiatrice descrive gli alti e bassi dolorosi di un giovane in cerca di un senso: “Il vasto cosmo di un’affiatata comunità di villaggio si fonde nell’interazione con grandi immagini, una recitazione eccezionale e un’ottima capacità di osservazione per creare un ritratto multistrato della società”, ha osservato la giuria composta da Thorsten Schaumann (direttore artistico International Hofer Filmtage, DE), Alexandra Seibel (critica cinematografica, Kurier, autrice, AT) e Sandra Wollner (regista, AT), che hanno anche assegnato al “film anti-patria accuratamente composto” il premio per i migliori costumi (Cinzia Cioffi). Per Evi Romen, nata nel 1967, è già il secondo premio al Festival del cinema austriaco – il primo come regista – dopo il premio Diagonale per il Miglior Montaggio nel 2011 per Mein bester Feind (regia: Wolfgang Murnberger, AT/LU 2010). Why not you è stato presentato in anteprima al Festival di Zurigo, dove ha vinto il Golden Eye.

Il Premio Diagonale per il Miglior Documentario va a Notes from the Underworld di Tizza Covi e Rainer Frimmel: “Un film che permette di vivere vite che forse non sono mai esistite. Un viaggio nel tempo in un mondo che presumibilmente non è mai esistito. La gente racconta ciò che ha dimenticato, mentre la mano nel posacenere completa il resto. Avere il permesso di ascoltare e sentire la vicinanza. Nel viennese, la nostalgia funziona senza romanticismo”. Con queste parole la giuria dei documentari con Rebecca De Pas (Programmatrice al festival Visions du Réel, CH/IT), Ansgar Frerich (Mixer, Producer Basis Berlin, DE) e Lisa Weber (Regista, AT) ha giustificato la sua decisione. Dopo il 2006 (Babooska, AT/IT 2005, Gran Premio Diagonale Documentario ex aequo con Exile Family Movie di Arash T. Riahi), il 2010 (La Pivellina, AT/IT 2009, Gran Premio Diagonale Lungometraggio) e il 2013 (Der Glanz des Tages, AT 2012, Gran Premio Diagonale Lungometraggio), è già il quarto riconoscimento per Tizza Covi e Rainer Frimmel in una categoria principale della Diagonale. Notes from the Underworld è stato presentato in anteprima alla Berlinale 2020 e ha ricevuto una menzione d’onore.

Notes from the Underworld di Tizza Covi e Rainer Frimmel, premiato alla Diagonale anche con il Kodak Analog Film Prize, ruota attorno a due vecchi amici dell’ambiente criminale viennese degli anni ’60. Lunghe conversazioni nei pub con Alois Schmutzer, il “re della malavita”, e la leggenda della canzone viennese Kurt Girk portano alla luce ricordi di tempi passati, di gioco d’azzardo, rivalità tra bande, violenza di stato e scandali giudiziari, che si condensano in un quadro morale della storia austriaca del dopoguerra. In mezzo, la telecamera e diversi rullini di pellicola in 16mm, sui quali i ricordi soggettivi dei carismatici signori sono registrati in inquadrature statiche e perfettamente inquadrate in bianco e nero ad alto contrasto. Storie personali, che sono giustapposte a narrazioni eterogenee attraverso materiali d’archivio e descrizioni di compagni sia amati che antipatici.

Con The Golden Pixel Cooperative (per Half of the Sky), il premio Diagonale per il Cinema Innovativo della Città di Graz viene assegnato quest’anno a un collettivo. La giuria così “riconosce contemporaneamente il fatto che i membri di questa associazione di donne artiste e attiviste sono anche apparsi in questo festival come registi individuali con opere forti”. Christoph Gurk (curatore, drammaturgo, autore, AT/DE), Séamus Kealy (direttore Salzburger Kunstverein, AT/IE) e Constanze Ruhm (artista, regista, autrice, AT) intendono Half of the Sky in questo senso “come un progetto programmatico, come un manifesto di un gruppo queer-femminista”, in cui i membri presentano “l’aspetto comune in modo complesso e multistrato, conciso e lucido”.

I premi di recitazione della Diagonale per un’interpretazione notevole in un film in concorso della Diagonale’21 in collaborazione con la VdFS vanno a Hilde Dalik in Sargnagel e a Lukas Miko in Me, We. “Una performance brillante, anzi no: due in un solo film”, la giuria di recitazione ha trovato l’interpretazione della Dalik, che ha anche mostrato “quanto deve essere sfumata la satira”. Con una “recitazione trattenuta e una profonda caratterizzazione dei personaggi” Lukas Miko impersona a sua volta un direttore di un centro d’accoglienza di “toccante umanità” in Me, We.

Il premio per il miglior cortometraggio del festival va a Maximilian Conway per Liebe, Pflicht & Hoffnung. Eva-Maria di Lukas Ladner viene premiato come miglior film esordiente dalla Giuria dei Giovani della Provincia della Stiria. Il Diagonale Award Short Documentary Film of the KULTUM va a Sophie Gmeiner per Frauenfragmente: Gini und Resi.

Il miglior cortometraggio di finzione è stato selezionato da Peter Fässlacher (redattore del programma e presentatore KulturHeute, ORF III, AT), Katharina Riedler (curatrice Crossing Europe e Festival Der neue Heimatfilm, AT), Raphaela Schmid (regista, AT) e Patrick Zwerger (redattore e presentatore KulturHeute, ORF III, AT). Nella sezione dei documentari brevi, Teresa Guggenberger (cineasta e redattrice Kleine Zeitung, AT), Robin Klengel (cineasta, antropologo culturale, leader del collettivo Forum Stadtpark, AT) e Markus Leniger (storico, presidente della Catholic Film Commission for Germany, DE) erano giurati.

In totale, più di 180.000 euro di premi saranno assegnati ai registi dalla Diagonale. Tutti i vincitori del premio riceveranno anche un’opera d’arte, disegnata e realizzata dall’artista Anna Paul.

Gran Premio Diagonale della Provincia della Stiria (€ 19.000)

Miglior Film

– Evi Romen per Why not you

Gran Premio Diagonale della Provincia della Stiria (€ 19.000)

Miglior Documentario

– Tizza Covi e Rainer Frimmel per Notes from the Underworld

Premio Diagonale Cinema Innovativo della città di Graz (€ 8.500)

Miglior film innovativo, sperimentale o d’animazione

– The Golden Pixel Cooperative per Half of a Sky

Premio Diagonale Cortometraggio di finzione (€ 5.500)

Miglior cortometraggio di finzione

– Maximilian Conway per Liebe, Pflicht & Hoffnung

Premio Diagonale Cortometraggio documentario del KULTUM (€ 4.000)

Miglior documentario breve

– Sophie Gmeiner per Frauenfragmente: Gini und Resi

Premio Diagonale della Giuria dei Giovani della Provincia della Stiria (€ 5.500)

Miglior Opera Prima

– Lukas Ladner per Eva-Maria

Premio Diagonale Montaggio dell’Associazione Montaggio Film aea

(€ 3.000 ciascuno, donato dalla VdFS – Verwertungsgesellschaft der Filmschaffenden)

Miglior montaggio artistico di un lungometraggio

– Karina Ressler e Joana Scrinzi per Fox in a Hole

Miglior montaggio artistico n un documentario

– Yves Deschamps e Hubert Sauper per Epicentro

Premio Diagonale per la Miglior Fotografia dell’Associazione dei direttori della fotografia austriaci aac

(€ 3.000 ciascuno, donato dalla VdFS – Verwertungsgesellschaft der Filmschaffenden)

Migliore Fotografia in un Lungometraggio

– Ludwig Wüst per 3.30PM

Miglior Fotografia in un Documentario

– Jordane Chouzenoux per Wenn es Liebe wäre

Premio Diagonale Miglior Sonoro dell’Associazione professionale dei produttori di suono austriaci – Filmton Austria

(€ 3.000 ciascuno, donato da VdFS – Verwertungsgesellschaft der Filmschaffenden)

Miglior Sonoro in un Lungometraggio

– Vinzenz Schwab per Another Coin for the Merry-Go-Round

Miglior Sonoro in un Documentario

– Benedikt Palier per Soldat Ahmet

Premio Diagonale Miglior Scenografia e Migliori Costumi dell’Associazione degli stilisti cinematografici austriaci VÖF

(€ 3.000 ciascuno, donato da VdFS – Verwertungsgesellschaft der Filmschaffenden)

Miglior Scenografia

– Renate Martin e Andreas Donhauser per Sargnagel

Migliori Costumi

– Cinzia Cioffi per Why not you

Diagonale-Acting Awards in collaborazione con la VdFS – Verwertungsgesellschaft der Filmschaffenden

(€ 3.000 ciascuno, donato dalla VdFS – Verwertungsgesellschaft der Filmschaffenden)

Per una notevole performance di un’attrice austriaca e di un attore austriaco in un film in concorso della Diagonale’21

– Hilde Dalik per Sargnagel

– Lukas Miko per Me, We

Premio “Realizzazione di una produzione innovativa” della VAM – Verwertungsgesellschaft für audiovisuelle Medien (€ 20.000)

Per i risultati eccezionali della produzione nel campo del cinema

Il premio è condiviso e va ex aequo a:

– Film AG per La Vita che volevamo

– PANAMA Film per The Trouble With Being Born

Premio Kodak Analog Film (€ 1.500)

conferito in occasione della Diagonale’21

– Tizza Covi e Rainer Frimmel per Notes from the Underworld

Premio del pubblico Diagonale del Kleine Zeitung (€ 3.000)

Il film più amato alla Diagonale’21

– Fabian Eder per Der schönste Tag

Cinema Austriaco si congratula vivamente con tutti i vincitori!

Info: il sito ufficiale della Diagonale