sargnagel-2021-hiebl-ertl-recensione

SARGNAGEL

      Nessun commento su SARGNAGEL

This post is also available in: Deutsch (Tedesco)

di Sabine Hiebler e Gerhard Ertl

voto: 6

Nel film Sargnagel – diretto da Sabine Hiebler e Gerhard Ertl – non si sa mai dove finisca la finzione e dove inizi la realtà. Si tratta di un semplice lungometraggio? Di un documentario? Probabilmente entrambe le cose. O forse nessuna delle due? Alla Diagonale 2021.

Una nuova Bridget Jones?

La scrittrice e fumettista Stefanie Sargnagel è diventata ormai da molto tempo una figura di grande rilievo anche al di fuori dei confini nazionali. Da sempre interessata a temi come la società e la politica – con uno sguardo fortemente satirico – Stefanie Sargnagel potrebbe essere la protagonista perfetta per un film. E se il progetto fosse realmente realizzato? Detto fatto. Il libro Fitness di Stefanie Sargnagel sta per essere finalmente filmato. Ma quali saranno le principali difficoltà produttive? Nel film Sargnagel – diretto da Sabine Hiebler e Gerhard Ertl e presentato in anteprima alla Diagonale 2021 – non si sa mai dove finisca la finzione e dove inizi la realtà. Si tratta di un semplice lungometraggio? Di un documentario? Probabilmente entrambe le cose. O forse nessuna delle due?

Stefanie Sargnagel è una ragazza semplice. Ha un fidanzato, casa sua è piena di bottiglie di birra vuote, non ama i viaggi di lavoro e preferisce trascorrere le serate in un pub con la sua migliore amica (impersonata da una straordinaria Hilde Dalik). Eppure c’è chi cerca di trasformarla, durante la lavorazione del film, in una sorta di Bridget Jones austriaca. E così, tra il desiderio di rimanere sé stessa e attrici affermate che cercano di “rubarle l’identità”, la giovane donna riuscirà (forse) a trovare una giusta soluzione per trasformare il suo libro in immagini sul grande schermo.

Sargnagel è come un giro sulle montagne russe. Un viaggio esilarante nel mondo della giovane scrittrice con il berretto rosso che, in questo caso, di trova in una situazione del tutto inaspettata. Sabine Hiebler e Gerhard Ertl hanno voluto mettere in scena, dunque, non solo la vita della protagonista, ma anche i meccanismi del mondo dello spettacolo, portando all’estremo alcuni personaggi – tra cui particolarmente degni di nota sono il regista Michael Ostrowski e l’attrice Hilde Dalik, qui in un doppio ruolo – al fine di farli sembrare quasi delle caricature.

Un’operazione, la presente, indubbiamente interessante: il pubblico si affeziona subito a questa insolita immagine di Stefanie Sargnagel, ride, si diverte, guarda volentieri dietro le quinte per scoprire come funzionano determinate realtà. I due registi, dal canto oro, fanno volentieri capolino davanti alla macchina da presa, ci mostrano i meccanismi del cinema nella loro vera natura, si divertono a realizzare una sorta di Effetto Notte postmoderno. Eppure, qualcosa non convince. Talvolta, il film ci risulta eccessivamente artefatto, malgrado abbia quasi la forma di un documentario: alcune gag sono state più e più volte viste e sembrano ricordare troppo alcune sit com americane. Il risultato finale è un film gradevole, indubbiamente divertente, che, tuttavia, non sfrutta al massimo la sua forma ibrida finendo per perdere di personalità. E malgrado l’idea interessante, malgrado la bravura del cast, la resa finale è soprattutto merito del carisma di Stefanie Sargnagel. A lei il compito di far sì che il film funzioni. Un compito che ha svolto alla perfezione.

Titolo originale: Sargnagel
Regia: Sabine Hiebler, Gerhard Ertl
Paese/anno: Austria / 2021
Durata: 98’
Genere: commedia, biografico
Cast: Stefanie Sargnagel, Michael Ostrowski, Hilde Dalik, Thomas Gratzer, David Scheid, Alexander Jagsch, Voodoo Jürgens, Margarethe Tiesel, Christoph Krutzler
Sceneggiatura: Sabine Hiebler, Gerhard Ertl
Fotografia: Anna Hawliczek, Carolina Steinbrecher
Produzione: Golden Girls Filmproduktion, Hiebler-Ertl-Film

Info: la scheda di Sargnagel sul sito della Diagonale; la scheda di Sargnagel sul sito della Austrian Film Commission