diagonale21-il-programma-cinema-austriaco

DIAGONALE’21 – IL PROGRAMMA

      Nessun commento su DIAGONALE’21 – IL PROGRAMMA

This post is also available in: Deutsch (Tedesco)

Dopo più di due anni, il festival del cinema austriaco ritorna a Graz dall’8 al 13 giugno e si distribuisce più di prima nella capitale stiriana lungo le norme di sicurezza legali. In nuovi luoghi e sedi aggiuntive, i sei giorni della Diagonale’21 celebrano il cinema austriaco. Di seguito, come da comunicato stampa.

Tante nuove storie sul grande schermo

Il programma della 24° edizione del festival di Graz, che si svolge in circostanze straordinarie, è stato presentato dai due direttori artistici Sebastian Höglinger e Peter Schernhuber a Graz e a Vienna.

Nel concorso cinematografico, il cuore del festival, la Diagonale’21 presenta 108 film austriaci attuali, documentari, cortometraggi, film d’animazione e film sperimentali e assegna i più importanti premi cinematografici austriaci, primo fra tutti il Gran Premio Diagonale della Provincia della Stiria per il Miglior Film e il Miglior Documentario e il Premio Diagonale Cinema Innovativo della Città di Graz. Le opere in concorso di quest’anno sono eccezionali se non altro perché ampliano il panorama dopo un anno quasi “monotematico”:

“Autori beat e anarchici, clown, enfants terribles e un uomo nero. Dall’underground musicale, passando per le bettole degli artisti berlinesi, fino all’underground viennese e da lì alle strade di Motorcity Detroit. Il concorso della Diagonale’21 è un invito a un viaggio transfrontaliero sullo schermo attraverso paesi e biografie. Per guardarsi intorno, per guardare sé stessi, per guardare”. — Sebastian Höglinger e Peter Schernhuber, direttori del festival

Inaugurazione e anteprime nella Helmut List Halle

Per la prima volta, il più grande cinema temporaneo del paese – la Helmut List Halle – sarà utilizzato per due giorni della Diagonale’21. Dopo la prima austriaca di Fuchs im Bau (AT 2020) di Arman T. Riahi il giorno dell’inaugurazione l’8 giugno, i lungometraggi Me, We (regia di David Clay Diaz, AT 2020) e SARGNAGEL (regia di Sabine Hiebler, Gerhard Ertl, AT 2021) saranno presentati in anteprima mondiale il 9 giugno nella Helmut List Halle, che sarà aperta a quasi 600 persone.

Christine Ostermayer riceverà anche il Großer Diagonale-Schauspielpreis 2021 durante l’inaugurazione festival l’8 giugno (ore 18.30). A causa del coprifuoco legale e delle norme sulla distanza, il Festival del Cinema Austriaco si apre con due proiezioni consecutive. Dopo la cancellazione della Diagonale’20, anche Ursula Strauss riceverà il Großer Diagonale-Schauspielpreis di persona l’8 giugno. La cerimonia di premiazione avrà luogo durante la prima proiezione alle 13.30.

Diagonale im Dialog

Verena Altenberger, Alexandra Augustin, Ute Baumhackl, Katrina Daschner, David Clay Diaz, Stefan Grissemann, Jessica Hausner, Voodoo Jürgens (David Öllerer), Dominik Kamalzadeh, Martina Kudláček, Leopold Lummerstorfers, Lukas Miko, Michael Omasta, Ulrike Ottinger, Valerie Pachner, Claudia Slanar e Barbara Zeman – gli incontri con personaggi centrali del cinema nazionale sono stati organizzati nella sezione Diagonale im Dialog dal 2017. Da allora, lo spazio del cinema si è aperto a discussioni stimolanti con dibattiti sui film proiettati.

Canale Diagonale – Il cinema a casa, il festival in tutta l’Austria!

Sotto l’etichetta Canale Diagonale, il Festival del Cinema Austriaco quest’anno integrerà le proiezioni al cinema a Graz con un’ampia offerta digitale che comprende collezioni curate (Flimmit, KINO VOD CLUB e DAFilms), anteprime online una tantum (FM4 e Ö1) e trasmissioni selettive in diretta di dibattiti (Diagonale Film Meeting e Let’s talk about scripts!). Per la prima volta, la cerimonia di premiazione della Diagonale sarà trasmessa in diretta: La Große Diagonale Preisrevue (diretta da Sebastian Brauneis) può essere vista il 13 giugno alle 20:15 nel livestream del Kleine Zeitung, sul sito web di FM4, nel TVthek (ORF III) così come in onda alle 12:10.

Retrospettiva: Sehnsucht 20/21 – Eine kleine Stadterzählung

I 21 lungometraggi, documentari e film sperimentali della retrospettiva già programmata per la Diagonale’20 ci portano in luoghi che rendono comprensibile l’interazione tra la città costruita e quella vissuta – dal palazzo municipale della Vienna rossa alla spiaggia del custode sull’alto Adriatico, dalla provincia idilliaca alla periferia urbana e fino alle megalopoli di questo mondo, dalla promettente Manhattan allo squallido underground di Francoforte o agli angoli più colorati del milieu dell’opera queer. Una speciale retrospettiva organizzata dalla Diagonale, dal Filmarchiv Austria, dall’Austrian Film Museum e dall’ORF Archive.

Displaced Persons: nessuna casa, nessun posto!

Parallelamente allo speciale storico e in vista dell’attualità, il programma presentato da SYNEMA – Society for Film and Media intende ricordare i movimenti migratori storici, con film che si concentrano sulla vita delle cosiddette “Displaced Persons” e che sono stati realizzati da registi emigrati.

Elfriede Jelinek: Zum Geburtstag

Un mini-speciale in due parti celebra il 75° compleanno del premio Nobel per la Letteratura Elfriede Jelinek. Un film TV che ha scatenato proteste, un contributo della rivista giovanile TV “Kontakt”, una collaborazione con VALIE EXPORT e numerosi archivi online ricercati casualmente attraverso i decenni formano i pezzi di un puzzle che dovrebbe permettere di esplorare alcuni dei temi più importanti della Jelinek.

Zur Person: Jessica Hausner

Con la sezione Zur Person, la Diagonale’21 si concentra sulla stimata regista Jessica Hausner e presenta la prima retrospettiva completa della sua opera in Austria, compresa la riscoperta di un primo lavoro studentesco. Dopo la cancellazione della Diagonale’20, il programma, completato dal video musicale Attwenger – erso&sieso (AT 2021) e dalla presentazione di un libro, può finalmente essere visto al cinema.

In Referenz

La sezione In Referenz è considerata come cemento nell’architettura del festival. I film sono messi in relazione tra loro e tra le diverse tracce del programma, opere internazionali incontrano film di provenienza austriaca. A Zur Person collegano gli speciali storici e il programma attuale, fino alle presentazioni di libri e viceversa. Jessica Hausner incontra Martina Kudláček e Marie Menken attraverso Maya Deren e Teiji Ito. Kirill Mikhanovsky incontra Wolff von Amerongen, Alexander Horwath e Gerhard Friedl tramite Franz Grabner. L’Austria incontra gli USA, la storia si intreccia con il contemporaneo.

Premiere Tour: Ulrike Ottinger

Nell’ambito di un tour congiunto con l’Austrian Film Museum e il Crossing Europe Film Festival Linz, la Diagonale’21 presenta in anteprima a Graz Paris Calligrammes (DE/FR 2019) di Ulrike Ottinger. La Ottinger, che ha ricevuto un premio alla carriera alla Berlinale 2020, sarà presente di persona alle proiezioni di Linz, Vienna e Graz. La Diagonale, il Festival del Cinema Austriaco, proietterà il “calligramma” cinematografico, che ha debuttato a Berlino l’anno scorso, come completamento della retrospettiva Sehnsucht 20/21 – Eine kleine Stadterzählung nella sezione In Referenz. Dopo la proiezione a Graz, ci sarà un dibattito con Ulrike Ottinger moderato dall’autrice Barbara Zeman (Diagonale im Dialog).

GIVE ME LIBERTY! Due film, un dibattito e un seminario online

L’invito ad Alexander Horwath a parlare alla cerimonia del Premio Franz Grabner è divenuto un “discorso” in tre parti, che, oltre al discorso della cerimonia stessa, comprende anche due proiezioni di film eccezionali: Give Me Liberty (US 2019) di Kirill Mikhanovsky e Hat Wolff von Amerongen Konkursdelikte begangen? (AT/DE 2004) di Gerhard Friedl. Dopo l’esclusiva anteprima austriaca di Give Me Liberty, è disponibile sulla piattaforma KINO VOD CLUB un workshop virtuale di discussione tra i due registi Kirill Mikhanovsky (sceneggiatore e regista) e Alice Austen (sceneggiatrice e produttrice) con Alexander Horwath e Marius Hrdy.

Nuove sale, nuove stanze: cinema, club e centro del festival

Quest’anno, il Diagonale Festival Centre si trova in Herrengasse 26 e sarà trasferito in collaborazione con Designmonat Graz. La novità del festival sono tre sale cinematografiche aggiuntive nel KIZ RoyalKino (sala 2) e nell’Annenhof Kino (sale 2 e 7). Per due giorni, la Diagonale sarà anche ospite all’Orpheum di Graz. Con una performance live di The fortune you seek is in another cookie (AT 2014) di Johannes Gierlinger e una performance AV live di DORIAN CONCEPT e PRCLS.

La Diagonale’21 avrà luogo dall’8 al 13 giugno a Graz e costituisce quindi anche la conclusione di una serie di festival cinematografici in tutta l’Austria, tra cui il Vienna Shorts Film Festival (27 maggio – 1 giugno) e il Crossing Europe Film Festival Linz (1-6 giugno). Insieme a numerosi partner come il DRAMA|TIK|ER|INNEN|FESTIVAL, che si svolge in parallelo, e il Mountainfilm Graz, la Diagonale fornisce stimoli per il rilancio della vita culturale locale.

La vendita dei biglietti inizia il 2 giugno al centro del festival in Herrengasse 26, alla Kunsthaus Graz e su diagonale.at/tickets. Dal 9 giugno anche nei cinema del festival.

Il 10 giugno, il Premio Franz Grabner sarà assegnato per la quarta volta nelle categorie dei documentari di cinema e televisione alla Diagonale. La presentazione dei premi alla sceneggiatura Carl-Mayer e Thomas Pluch, l’11 giugno, e la Große Diagonale Preisrevue, il 13 giugno, segnano altri momenti salienti della settimana del festival. Durante la Diagonale’21, giurie di esperti assegneranno i premi cinematografici più importanti dell’Austria, in primo luogo il Gran Premio Diagonale della Provincia della Stiria e il Premio Diagonale per il Cinema Innovativo della Città di Graz.

Info: il sito ufficiale della Diagonale