fast-film-2003-widrich-recensione

FAST FILM

      Nessun commento su FAST FILM

This post is also available in: Deutsch (Tedesco)

di Virgil Widrich

voto: 8

Fast Film. “Quasi un film”. Così Virgil Widrich ha voluto chiamare questa sua piccola e preziosa opera. E più che una vera e propria dichiarazione d’amore alla storia del cinema e, più in generale, al mondo della settima arte stessa, questo breve cortometraggio sta a rappresentare una delle tante declinazioni che il cinema può assumere, forte di un ricercato lavoro che vede stop motion e computer grafica coesistere in armonia.

Classici rivisitati

Tra i cineasti più coraggiosi, poliedrici e visionari del cinema austriaco contemporaneo, v’è sicuramente Virgil Widrich. Regista, produttore cinematografico, videoinstallatore, attivo nel campo ormai da molti anni, Widrich si è distinto, in passato, per alcuni cortometraggi a carattere sperimentale, in cui, tramite riuscite animazioni in stop motion, collage e tecniche miste venivano creati piccoli e preziosi lavori visivamente magnetici. E se, tra tutti, il più famoso è probabilmente Copy Shop (realizzato nel 2001), nel 2003 Fast Film ha catturato l’attenzione di pubblico e stampa, aggiudicandosi anche numerosi premi internazionali.

Da buon cineasta che si rispetti, Virgil Widrich è anche un appassionato cinefilo. Quale idea migliore, dunque, di rendere omaggio al grande cinema del passato, dando vita a qualcosa di completamente nuovo e personale? Presto detto. Un uomo e una donna si baciano appassionatamente. Improvvisamente, però, la donna viene rapita e l’uomo fa di tutto per salvarla. Al via, dunque, una serie di inseguimenti al cardiopalma, con tanto di vecchie locomotive che corrono veloci sui binari, sparatorie ed esplosioni. Fino, ovviamente, a un gradito lieto fine.

Una storia semplice, la presente, che, tuttavia, ha richiesto una lavorazione tutt’altro che facile e veloce: attingendo a piene mani da un nutrito materiale d’archivio comprendente all’incirca trecento film, Virgil Widrich ha creato delle riuscite animazioni in stop motion, dando vita a delle specie di origami debitamente piegati e fotografati dalla macchina da presa, su cui vediamo, appunto, brevi estratti da classici del passato. I protagonisti, di volta in volta, cambiano fattezze e assumono le sembianze ora di Humphrey Bogart e Lauren Bacall, ora di Cary Grant, Buster Keaton, Grace Kelly e chi più ne ha più ne metta. In poche parole, un breve film corale, che nella sua linearità narrativa e nel suo visionario approccio visivo vede le sue più grandi peculiarità.

Fast Film. “Quasi un film”. Così Virgil Widrich ha voluto chiamare questa sua piccola e preziosa opera. E più che una vera e propria dichiarazione d’amore alla storia del cinema e, più in generale, al mondo della settima arte stessa, questo breve cortometraggio sta a rappresentare una delle tante declinazioni che il cinema può assumere, forte di un ricercato lavoro che vede stop motion e computer grafica coesistere in armonia. Un lavoro dove non v’è bisogno di dialoghi, fatta eccezione, ovviamente, per i brevi estratti dei lungometraggi citati, ma dove i suoni svolgono un ruolo altrettanto importante. Un lavoro all’insegna dell’adrenalina, dove minuziose operazioni di montaggio non lasciano nulla al caso e dove sgargianti colori fanno da sfondo perfetto agli origami precedentemente realizzati.

Se, dunque, Copy Shop aveva a suo tempo rivelato il grande talento di Virgil Widrich, Fast Film ne è un’ulteriore conferma. E sta a rappresentare una vera e propria chicca all’interno della produzione cinematografica austriaca, che del cinema d’avanguardia ha da sempre fatto uno dei suoi cavalli di battaglia.

Titolo originale: Fast Film
Regia: Virgil Widrich
Paese/anno: Austria, Lussemburgo / 2003
Durata: 14’
Genere: animazione, sperimentale, avventura, thriller
Sceneggiatura: Virgil Widrich
Fotografia: Martin Putz
Produzione: Amour Fou Luxembourg, Amour Fou Vienna, Coproduction Office

Info: la scheda di Fast Film sul sito della Sixpackfilm; la scheda di Fast Film sul sito della Austrian Film Commission; la scheda di Fast Film su iMDb