brucken-uber-brucken-2018-kilic-recensione

BRÜCKEN ÜBER BRÜCKEN

      Nessun commento su BRÜCKEN ÜBER BRÜCKEN

di Kenan Kiliç

voto: 7

Brücken über Brücken è un documentario vivo e pulsante, preziosa testimonianza e vibrante affresco di una città – quella di Vienna – quale centro nevralgico della Mitteleuropa dei giorni nostri, nonché – anche per la sua particolare collocazione geografica – da sempre crocevia di numerose storie e di numerose culture.

Tutti i colori di Vienna

Non è facile la vita degli artisti. Non è facile, per loro, trovare un proprio posto nel mondo, né tantomeno sottostare a severe discipline durante il lungo percorso di formazione. Eppure, se ciò vale per ogni artista che si rispetti, le cose si fanno ancor più complicate nel momento in cui si è costretti a lasciare il proprio paese di origine, ad ambientarsi in un luogo del tutto nuovo, a imparare una nuova lingua e a rapportarsi a una nuova cultura. Ne sa qualcosa il regista Kenan Kiliç, il quale, nel suo documentario Brücken über Brücken (tradotto letteralmente: “ponti su ponti”), realizzato nel 2018, ha osservato da vicino una serie di artisti provenienti da tutto il mondo, che in Austria – e, nello specifico, nella città di Vienna – sembrano aver trovato il proprio posto nel mondo. Con tutte le naturali difficoltà del caso.

La ballerina e performer sperimentale Aiko Kazuko Kurosaki viene dal Giappone e vanta un’importante carriera lunga decenni. Il pittore sudamericano Antonio Zapata si distingue per i suoi dipinti dai colori accesi e pieni di riferimenti alla storia, alla letteratura e persino alla Bibbia. La giovane violoncellista Mela Marie Spaemann è di madre tedesca e di padre africano. Con il genitore – avvocato di rilievo che attualmente lavora negli Stati Uniti – non ha più alcun rapporto e si chiede continuamente come lo stesso possa trascorrere il proprio tempo. E ancora, la scrittrice e attivista Ishraga Mustafa Hamid continua a battersi per i diritti delle donne nel proprio paese e contro pratiche crudeli come l’infibulazione, a cui la stessa, da bambina, è stata sottoposta. E mentre il musicista Slavko Ninic ha ormai avuto successo da diversi anni con i suo gruppo e si ritiene a tutti gli effetti cittadino austriaco, l’attore Azrael Erdinç Akpinar continua a divertire turisti e passanti lavorando come mimo per le strade del centro storico e all’interno del parco dei divertimenti del Prater.

Ognuno di questi artisti ha qualcosa di interessante da raccontare. Ognuno di loro ha una storia diversa, per un unico, variopinto coro di voci che fa del presente Brücken über Brücken un documentario vivo e pulsante, preziosa testimonianza e vibrante affresco di una città – quella di Vienna – quale centro nevralgico della Mitteleuropa dei giorni nostri, nonché – anche per la sua particolare collocazione geografica – da sempre crocevia di numerose storie e di numerose culture.

Il regista Kenan Kiliç, dunque, intervista in questo suo lavoro uno per uno ogni singolo protagonista, passando con disinvoltura da una storia all’altra, mostrandoci, di volta in volta, gli artisti all’opera, cercando di apparire, sullo schermo, il più neutrale e invisibile possibile e peccando, di quando in quando e soprattutto man mano che ci si avvicina al finale, di un andamento che risente leggermente della mancanza di un necessario crescendo.

Ma sta bene. Malgrado piccole imperfezioni perdonabili, il presente Brücken über Brücken funziona. E, cosa assolutamente non da poco, riesce perfettamente a trasmettere l’essenza di ciò che il regista ha voluto mettere in scena. Il tutto per un importante e variopinto mosaico dove culture da tutto il mondo si incontrano e si uniscono fino a diventare un tutt’uno. Pregnante immagine dell’Europa dei giorni nostri, sempre più viva e ricca di spunti interessanti., in cui anche soltanto durante una tranquilla passeggiata al Prater ci si può imbattere in personaggi straordinari. Bisogna soltanto avere voglia di ascoltarli per sentire quante entusiasmanti storie hanno da raccontare.

Titolo originale: Brücken über Brücken
Regia: Kenan Kiliç
Paese/anno: Austria / 2018
Durata: 87’
Genere: documentario
Sceneggiatura: Kenan Kiliç
Fotografia: Kenan Kiliç, Fesih Alpagu
Produzione: Kilic Filmproduktion

Info: il sito ufficiale di Brücken über Brücken; la scheda di Brücken über Brücken sul sito del Filmarchiv Austria; la scheda di Brücken über Brücken sul sito della Austrian Film Commission