i-premi-carl-mayer-e-thomas-pluch-alla-miglior-sceneggiatura-2020-cinema-austriaco

I PREMI CARL MAYER E THOMAS PLUCH ALLA MIGLIOR SCENEGGIATURA 2020

I Premi Carl Mayer e Thomas Pluch alla Miglior Sceneggiatura 2020 avrebbero dovuto essere assegnati venerdì 27 marzo all’Hotel Wiesler. La Diagonale ’20, dopo l’annullamento del festival dovuto al Covid-19, ne ha appena annunciato i vincitori.

Tante storie da raccontare

I Premi Carl Mayer e Thomas Pluch alla Miglior Sceneggiatura 2020 avrebbero dovuto essere assegnati venerdì 27 marzo all’Hotel Wiesler, Salon Frühling, in una cerimonia in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura della città di Graz e la DrehbuchVERBAND Austria. La Diagonale ’20, dopo l’annullamento del festival dovuto al Covid-19, ne ha appena annunciato i vincitori.

Premio Carl-Mayer Al Miglior Trattamento 2020

Per un trattamento di finzione o documentaristico per il cinema, gestito e donato dal Dipartimento Culturale della città di Graz nell’ambito della Diagonale per un valore complessivo di 22.500 euro.

Primo premio di € 15.000:
Die Verkündung – Trattamento di Josef Kleindienst

“Christine, un’insegnante in un villaggio di montagna, sposata, con due figli, si sta preparando al disastro. Accumula il cibo in cantina e conduce l’addestramento di sopravvivenza con i suoi studenti. Nel suo ambiente, il suo comportamento provoca insicurezza e la sua famiglia rischia di disintegrarsi. L’autore ritiene che i suoi personaggi siano capaci di tutto e li lascia attraversare superare i limiti. Anche l’uso potente dei motivi e lo stile narrativo chiaro e sobrio sono impressionanti”.

Premio di consolazione di € 7.500:
Flat Mates – Trattamento di Jan Prazak

“Finora Ingo, alla fine dei suoi vent’anni, ha condotto una vita spensierata di svago. Poi le cose cambiano: alla madre vitale viene diagnosticata la demenza senile e Jana, una senzatetto alcolizzata, si trasferisce nel suo appartamento. Soffia un vento impetuoso e i personaggi sono costretti ad affrontare la vita. L’autore dà loro spazio per percepirsi l’un l’altro e svilupparsi”.

Giurati del Premio Carl Mayer alla Miglior Sceneggiatura: Reinhard Jud (regista, autore, AT), Wolfgang Lehner (cameraman, USA), Jessica Lind (sceneggiatrice, regista, vincitrice del premio dell’anno scorso, AT), Cornelia Seitler (regista, autore, CH), Susanne Spellitz (montatrice ORF, AT)

“Un festival del cinema senza cinema è piuttosto inconsueto. Sono quindi molto contento che ora siamo in grado di consegnare il Premio Carl Mayer alla Miglior Sceneggiatura con un ritardo dopo l’annullamento del festival a causa della pandemia, e mi congratulo vivamente con i vincitori”, ha affermato il consigliere comunale Günter Riegler.

Premio Thomas Pluch per la Miglior Sceneggiatura 2020

Donato dal drehbuchVERBAND Austria in collaborazione con la Diagonale, con il Patrocinio del Ministero Federale per i Beni e le Attività Culturali, il Servizio Civile e lo Sport, per un valore complessivo di € 22.000.

Primo premio di € 12.000 per la migliore sceneggiatura di un lungometraggio cinematografico o di un lungometraggio televisivo:
Waren einmal Revoluzzer – Sceneggiatura di Johanna Moder

Waren einmal Revoluzzer di Johanna Moder esamina l’impegno politico di due coppie di amici di sinistra che accolgono una famiglia russa politicamente perseguitata. La storia accompagna i “salvatori” nel loro atto di impotente disponibilità, in cui vengono messe in discussione le certezze della loro vita borghese. Cosa rimane dei sogni e degli ideali della propria gioventù quando la realtà li mette improvvisamente alla prova? La crisi porta alla luce i problemi privati e professionali dei personaggi in modo spietato e umoristico. Johanna Moder li accompagna con una simpatia critica mai denunciante. Così, quando ridiamo dei dialoghi incalzanti di questo forte insieme, ridiamo della nostra stessa flemma, della nostra vita e della nostra impotenza. La sceneggiatura convince con arguzia, leggerezza e intelligenza e ci mostra che non è facile rimanere giovani rivoluzionari man mano che si invecchia”.

Premio speciale della giuria € 7.000 per la sceneggiatura di un lungometraggio cinematografico o di un lungometraggio televisivo con aspetti particolarmente rilevanti:
The Trouble with Being Born – Sceneggiatura di Sandra Wollner e Roderick Warich

The Trouble With Being Born racconta di un futuro opprimente in cui le persone individualizzeranno e ‘useranno’ gli androidi secondo le proprie idee nel senso più ripugnante del termine: come giocattoli sessuali, contatti sociali, cerotti di consolazione, sacchetti di sabbia … Ida, dieci anni, è uno di questi androidi. Più i suoi “padroni” plasmano e rimodellano questa bambola perfetta secondo i loro desideri, più i suoi abissi umani si aprono davanti ai nostri occhi. Ida è un agente terapeutico? Una droga che crea dipendenza? Una protesi per le cose che non sono vissute? In ogni caso, sono le persone ad essere irrimediabilmente difettose, non la macchina. Con la loro storia, Sandra Wollner e Roderick Warich si avventurano in un regno irritante e opprimente tra l’orrore e la fantascienza. Pongono domande scomode su ciò che rende gli esseri umani umani umani, e sono così coraggiosi e coerenti che devono molte risposte. The Trouble With Being Born è uno sguardo radicale, idiosincratico e rischioso sul nostro futuro”.

Premio per cortometraggi o mediometraggi di € 3.000 per la migliore sceneggiatura di un prodotto cinematografico della durata minima di 15-70 minuti al massimo:
Fabiu – Sceneggiatura di Stefan Langthaler

Due uomini di epoche diverse, ma più simili di quanto non si veda a prima vista. Partendo da un forte punto di partenza, seguiamo con suspense l’imprevedibile malinconia narrativa, che nonostante la sua brevità è rotonda e autosufficiente. Una storia profondamente umana di aneliti non vissuti, la presunta ultima possibilità e il vero amore. Questo è Fabiu di Stefan Langthaler, che racconta abilmente la storia di Arthur e Fabiu con immagini cinematografiche e la massima responsabilità nei confronti dei suoi personaggi in modo estremamente sensibile”.

Giuria per il Premio Thomas Pluch alla Miglior Sceneggiatura: Wolfgang Kohlhaase (Sceneggiatore, Regista, Sceneggiatore, DE), Dorothee Schön (Sceneggiatore, DE), Jacqueline Surchat (Sceneggiatore, CH)

Giuria per il Premio Thomas Pluch ai cortometraggi o mediometraggi: Marie Kreutzer (sceneggiatrice, regista, AT), Nina Kusturica, (sceneggiatrice, regista, produttrice, AT), Gregor Schmidinger (sceneggiatore, regista, AT)

La giuria nazionale nomina cinque sceneggiature tra tutti i lavori, da cui la giuria internazionale assegna il premio principale e il premio speciale. Il premio al Miglior Cortometraggio viene selezionato dalla giuria nazionale.

Complimenti a tutti i vincitori!

Info: il sito ufficiale della Diagonale; la scheda del Premio Carl Mayer 2020 sul sito della Diagonale; la scheda del Premio Thomas Pluch 2020 sul sito della Diagonale