paradise-threatened-2015-das-bedrohte-paradies-heltschl-recensione

PARADISE THREATENED

      Nessun commento su PARADISE THREATENED

di Markus Heltschl

voto: 8

Il contemplativo Paradise Threatened si presenta fin da subito come un prodotto del tutto singolare, quasi come una visita virtuale a un museo contenente le preziose opere del fotografo Heinrich Kühn, tra i più importanti precursori del modernismo.

Immagini di un mondo lontano

Scene familiari e ritratti di bambini intenti a giocare nei campi. Donne bellissime – sovente mostrateci di spalle – e suggestivi paesaggi che sembrebbero tanto ricordare un quadro di Pierre-Auguste Renoir. E ancora, nature morte, donne discinte e vecchi giocattoli. Sono questa alcune immagini fotografate da Heinrich Kühn (1866 – 1944), considerato uno dei primi grandi fotografi della storia, quando ancora la fotografia non era a tutti gli effetti considerata una forma di espressione artistica. Eppure il mondo ben presto si accorgerà del grande valore delle sue opere, le quali, a loro volta, hanno contribuito a renderlo immortale. E in Paradise Threatened (titolo originale: Das bedrohte Paradies) il regista Markus Heltschl si è concentrato proprio sulla figura di Kühn, per un vero e proprio viaggio attraverso la vita e le opere dell’artista originario di Dresda – ma austriaco di adozione – oltre a una vera e propria esperienza visiva nell’affascinante mondo della fotografia qui alle sue origini. Il presente documentario, realizzato nel 2015, è stato inserito, in seguito alla cancellazione della Diagonale 2020, all’interno del programma Diagonale 2020 – Die Unvollendete.

Paradise Threatened si presenta fin da subito come un prodotto del tutto singolare, quasi come una visita virtuale a un museo contenente le preziose opere di Kühn. Sono numerosi gli studiosi, i fotografi e i curatori che, qui, ci raccontano la vita e l’approccio del maestro al nuovo mezzo fotografico. E di fianco a momenti del tutto entusiasmanti in cui ci è dato da vedere, nel dettaglio, come venivano sviluppate all’epoca le fotografie tramite un paziente lavoro di esposizione dei negativi, vi sono anche divertenti aneddoti riguardanti gli estenuanti lavori di preparazione attuati da Kühn prima di scattare una fotografia, con tanto di lunghe attese al fine di ottenere la giusta esposizione o di lunghi momenti in cui i suoi bambini dovevano aspettare immobili prima che le foto fossero finalmente realizzate.

Scrupolosissimo nella messa a punto dei suoi lavori, sagace inventore, solito disegnare, prima di scattare una foto, anche dei veri e propri schizzi preparatori, Heinrich Kühn è stato tra i primi – insieme agli amici e colleghi Alfred Stieglitz e Edward Steichen – a sperimentare l’utilizzo di nuovi mezzi al fine di ottenere una qualità sempre maggiore dei suoi lavori. E se, grazie soprattutto alla lastre autocromatiche inventate dai fratelli Lumière, fu possibile realizzare le prime fotografie a colori, ecco che, dai primi anni del Novecento, i suoi lavori stanno ancora di più a ricordare i dipinti impressionisti e post impressionisti, da quelli dello stesso Renoir, senza dimenticare le opere di Georges Seurat o anche di Caspar David Friedrich, con i loro colori tenui e leggermente sfocati e immagini contemplative di una tranquilla vita borghese. L’immagine di un mondo ideale esistito soltanto nei primi del Novecento, ma che, già con lo scoppio della Prima Guerra Mondiale, è, purtroppo, andato distrutto per sempre.

E Markus Heltschl, in questo suo prezioso Paradise Threatened ha tentato il più possibile di riprodurre il mondo fotografato da Heinrich Kühn, optando per una messa in scena essenziale e contemplativa, all’interno della quale le interviste si alternano con lunghi momenti in cui, una dopo l’altra, ci vengono mostrate le fotografie di Kühn, per una serie di immagini magnetiche la cui potenza viene ancor più arricchita da un pacato accompagnamento al pianoforte. E così, al termine della visione, abbiamo come l’impressione di esserci quasi risvegliati da un sogno o di essere appena usciti da un museo, arricchiti grazie alla conoscenza di un mondo nuovo, per uno dei più importanti precursori del modernismo in fotografia, nonché uno dei più importanti fotografi della storia dell’arte.

Titolo originale: Das bedrohte Paradies
Regia: Markus Heltschl
Paese/anno: Austria / 2015
Durata: 90’
Genere: documentario
Sceneggiatura: Markus Heltschl
Fotografia: Jan Betke, Bernd Neuburger
Produzione: Markus Heltschl

Info: la scheda di Paradise Threatened sul sito della Austrian Film Commission