ghost-of-a-chance-2019-duerr-recensione

GHOST OF A CHANCE

      Nessun commento su GHOST OF A CHANCE

di Manes Duerr

voto: 7.5

In Ghost of a Chance, la macchina da presa – maneggiata con cura da Michael Schindegger, qui anche autore della sceneggiatura – ci mostra suggestive immagini di ampi spazi aperti al tramonto, così come intensi primi piani dei protagonisti, dettagli di mani intrecciate e macchine che sfrecciano su strade pressoché deserte.

Su due binari paralleli

Quanto può regalarci una passione vissuta intensamente? E, allo stesso modo, quanto può toglierci la stessa? Non sempre ciò che da molti anni sogniamo, può rappresentare la strada giusta da intraprendere nella nostra vita. Su questo e su molte altre relative questioni si basa il cortometraggio Ghost of a Chance, diretto da Manes Duerr nel 2019 e che avrebbe dovuto essere parte della Diagonale 2020, ma che, in seguito alla cancellazione del festival, è stato inserito all’interno del programma Diagonale 2020 – Die Unvollendete.

Ghost of a Chance, dunque, altro non è che la storia di un ragazzo e una ragazza che si trovano a un bivio. Se, infatti, per molto tempo, le uniche aspirazioni dei due giovani erano quelle di poter vedere realizzato il sogno del ragazzo di diventare un pilota automobilistico di successo, le cose cambiano improvvisamente nel momento in cui i due scoprono di aspettare un bambino. E se l’automobilismo non diventerà davvero una professione a tutti gli effetti, i due rischieranno di trovarsi in serie difficoltà economiche.

Che fare, dunque? Seguire una passione sognando in grande o affrontare il tutto in modo più realistico e concreto? In questo suo Ghost of a Chance, Manes Duerr si concentra principalmente sull’interiorità dei due protagonisti, sui loro conflitti e sulle loro emozioni. Il tutto per un approccio registico tipico dell’indie-movie statunitense. E così, la macchina da presa – maneggiata con cura da Michael Schindegger, qui anche autore della sceneggiatura – ci mostra suggestive immagini di ampi spazi aperti al tramonto, così come intensi primi piani dei protagonisti, dettagli di mani intrecciate e macchine che sfrecciano su strade pressoché deserte.

Sembra quasi un luogo isolato dal resto del mondo, questo mostratoci in Ghost of a Chance. La casa dei due giovani protagonisti, così come il circuito automobilistico in cui il ragazzo si allena, sono, di fatto, piccole realtà a sé stanti all’interno degli ampi spazi aperti tipici delle periferie statunitensi. E così, la solitudine di ogni singolo personaggio è ancor più accentuata, per un lavoro in cui ognuno sembra seguire il proprio percorso esistenziale. E le strade dei due ragazzi sembrano apparentemente viaggiare su due binari paralleli destinati a non incontrarsi mai. O forse no?

Questo piccolo ma intenso lavoro di Manes Duerr presenta una messa in scena estremamente studiata e raffinata, con colori e immagini suggestivi e con bilanciate composizioni del quadro. E se, su tutto, la cosa che maggiormente colpisce sono le espressioni dei personaggi – grazie ad attenti primi e primissimi piani – è proprio la particolare location scelta a svolgere, qui, un ruolo centrale nel sottolineare la solitudine dei due ragazzi e a essere trattata alla stregua di un vero e proprio personaggio.

Un lavoro, questo Ghost of a Chance, più che mai attuale, se pensiamo alla vita frenetica che tutti conduciamo ogni giorno, e che – seppur non del tutto originale – si rivela, al termine della visione, mai scontato e carico di significato, per una serie di immagini somiglianti a veri e propri quadri, in grado di riempirci gli occhi fin dai primi minuti.

Titolo originale: Ghost of a Chance
Regia: Manes Duerr
Paese/anno: USA, Austria / 2019
Durata: 11’
Genere: drammatico
Cast: Emily Labowe, Nathan Varnson, Harry Zinn, Anthony Kantor, James Levine
Sceneggiatura: Jakob Pietsch, Michael Schindegger, Manes Duerr
Fotografia: Michael Schindegger
Produzione: Slim Pictures

Info: la scheda di Ghost of a Chance sul sito della Diagonale; la scheda di Ghost of a Chance su iMDb; la scheda di Ghost of a Chance sul sito di Manes Duerr; Gost of a Chance su Vimeo