tutti-insieme-appassionatamente-1965-the-sound-of-music-wise-recensione

TUTTI INSIEME APPASSIONATAMENTE – L’AUSTRIA PRIMA DELL’ANSCHLUSS

di Robert Wise

Lo stesso amore provato da Georg von Trapp nei confronti della sua splendida terra viene ben reso in Tutti insieme appassionatamente dalla sapiente regia di Robert Wise, grazie a suggestive panoramiche e riusciti totali sulle montagne austriache, oltre a uno sguardo sulle pregevoli zone lacustri, con tanto di messa in scena di importanti tradizioni folkloristiche austriache, come le simmetriche coreografie del celebre ballo del Ländler o lo stesso Festival di Salisburgo, in cui ancora oggi – e dal 1887 – sono soliti esibirsi musicisti e cantanti da tutto il mondo.

Eterne melodie

Non stupisce il fatto che un lungometraggio del calibro di Tutti insieme appassionatamente sia diventato ben presto un vero e proprio cult del cinema mondiale, nonché uno dei più apprezzati musical degli anni passati. La cosa non stupisce, perché un cineasta come Robert Wise è riuscito, nel corso della sua lunga e prolifica carriera, a dar vita, ogni volta, a veri e propri capolavori, pur abbracciando, spesso e volentieri, generi cinematografici molto diversi tra loro.

Volendo, tuttavia, restare nel campo del musical, già nel 1962 il regista statunitense aveva realizzato – insieme al collega Jerome Robbins – l’indimenticabile West Side Story, anch’esso destinato a passare a suo modo alla storia. Sull’ondata, dunque, di un tale successo, ecco che nel 1965 – dopo che l’inusuale storia di una famiglia di cantanti originari del Salisburghese, i Trapp Family Singers, narrata nel romanzo autobiografico La Famiglia Trapp di Maria Augusta Trapp, aveva affascinato sia lui che, precedentemente, la KG Divina-Film al punto da volerne realizzare una trasposizione cinematografica – prese vita, appunto, Tutti insieme appassionatamente.

Remake del lungometraggio tedesco La Famiglia Trapp (diretto nel 1956 da Wolfgang Liebeneiner, a cui fece seguito, nel 1958, La Famiglia Trapp in America), tale importante prodotto cinematografico, pur avendo preso vita grazie a uno sguardo statunitense, colpisce, oltre che per l’avvincente storia messa in scena – quella di una giovane novizia (Maria, impersonata da Julie Andrews) chiamata a fare da governante ai sette figli di un capitano di Marina (Christopher Plummer) rimasto da poco vedovo – anche per l’interessante sguardo sull’Austria – e, nello specifico, sull’affascinante natura nei pressi della città di Salisburgo.

Ambientato nel periodo immediatamente precedente l’Anschluss – avvenuto nel 1938 – Tutti insieme appassionatamente vede come coprotagonista innanzitutto un grande, grandissimo amore nei confronti di una nazione da parte di chi per essa ha già combattuto sanguinose battaglie – il comandante Georg von Trapp, appunto – e che a causa di essa e delle sue funeste sorti si trova nella difficile condizione di dover scegliere tra gli obblighi militari – essendo stato chiamato ad arruolarsi nuovamente nell’esercito del Terzo Reich – e una scelta di vita maggiormente in linea con la propria morale e le proprie convinzioni personali.

Lo stesso amore provato da Georg von Trapp nei confronti della sua splendida terra viene ben reso dalla sapiente regia di Robert Wise, grazie a suggestive panoramiche e riusciti totali sulle montagne austriache, oltre a uno sguardo sulle pregevoli zone lacustri (non dimentichiamo che, ancora oggi, a Salisburgo, vengono continuamente organizzate visite turistiche guidate ai laghi circostanti le zone coinvolte dalle riprese cinematografiche), con tanto di messa in scena di importanti tradizioni folkloristiche austriache, come le simmetriche coreografie del celebre ballo del Ländler (indimenticabile la scena in cui la stessa Maria e Georg ballano insieme durante una festa) o lo stesso Festival di Salisburgo, in cui ancora oggi – e dal 1887 – sono soliti esibirsi musicisti e cantanti da tutto il mondo.

Un’Austria, questa messa in scena da Robert Wise, dunque, sempre piena di vita e ricca di interessanti stimoli, ma che, inevitabilmente, sta per andare incontro a uno dei periodi più bui della storia. Interessante notare come il regista sia riuscito, dunque, a fotografare al meglio ciò che nel romanzo di Maria Augusta Trapp era stato scritto e, soprattutto, ciò che chi ha avuto modo di vivere in prima persona tali vicende, ha potuto provare. Il suo Tutti insieme appassionatamente, tuttavia, pur toccando da vicino e abbracciando una cultura come quella austriaca, vanta, allo stesso tempo, un respiro universale, per una storia sempre attuale e che tutti, prima o poi, abbiamo, in un modo o nell’altro, fatto nostra.

Merito, indubbiamente, anche dei giovani coprotagonisti – i figli del comandante von Trapp – tutti apparentemente diversi l’uno dall’altro, ognuno con una propria, ben definita personalità e con cui tutti noi ci siamo in qualche modo identificati o – perché no? – per cui abbiamo anche a nostro tempo avuto una cotta, così come è merito delle orecchiabili musiche firmate Rodgers & Hammerstein.

Un film che, in poche parole, ha accompagnato un po’ tutti noi nella nostra infanzia e nella nostra adolescenza e che, grazie ai suoi momenti fortemente evocativi diventati ormai cult, rimarrà sempre impresso nella nostra memoria. Proprio come il titolo del romanzo autobiografico dell’attrice Charmian Carr (che nel film ha interpretato il ruolo di Liesl, la figlia maggiore) sta a indicare: Forever Liesl. E, analogamente, proprio come ciò che la traduzione in tedesco del titolo del presente lungometraggio riesce a rendere alla perfezione: Meine Lieder – Meine Träume (tradotto letteralmente: “Le mie canzoni – I miei sogni”).

Titolo originale: The Sound of Music
Regia: Robert Wise
Paese/anno: USA / 1965
Durata: 172’
Genere: musical, drammatico, commedia
Cast: Julie Andrews, Christopher Plummer, Charmian Carr, Nicholas Hammond, Heather Menzies, Duane Chase, Angela Cartwright, Debbie Turner, Kym Karath, Eleanor Parker, Richard Haydn
Sceneggiatura: Ernest Lehman
Fotografia: Ted D. McCord
Produzione: Robert Wise Productions, Argyle Enterprises
Distribuzione: 20th Century Fox Home Entertainment
Data di uscita: 30/12/1965

Info: la scheda di Tutti insieme appassionatamente su Imdb