berlinale-2018-presentazione-cinema-austriaco

BERLINALE 2018

      Nessun commento su BERLINALE 2018

L’Austria in Germania

In qualità di festival internazionale, la Berlinale ha sempre dedicato molta attenzione alla cinematografia austriaca, inserendo ogni anno più di un lungometraggio appartenente a tale categoria. E così è stato, infatti, anche per questa Berlinale 2018 – che ha avuto luogo dal 15 al 25 febbraio 2018 – dove, all’interno di un programma tanto vasto quanto particolarmente interessante, è quasi sempre presente almeno un film austriaco in concorso. Per non parlare, ovviamente, delle numerose e variegate sezioni collaterali.

E così, all’interno di questa 68° Berlinale – sotto la direzione artistica di Dieter Kosslick – vediamo concorrere per il tanto ambito Orso d’Oro – di fianco a lungometraggi come Dovlatov di Aleksej German Jr., L’Isola dei Cani di Wes Anderson, Utoya, 22. Juli di Erik Poppe, La Donna dello Scrittore di Christian Petzold e molti altri ancora – 3 Days in Quiberon, per la regia di Emily Atef, nonché frutto di una coproduzione tra Austria e Germania.

Ma non finisce qui. Numerose sono, infatti, le sezioni collaterali presenti all’interno della storica manifestazione cinematografica. E quest’anno, all’interno di una di esse – Panorama – sono presenti ben due lungometraggi provenienti direttamente dall’Austria: L’Animale, opera seconda di Katharina Mückstein, e Styx, per la regia del tedesco Wolfgang Fischer, nonché seconda coproduzione tra Austria e Germania all’interno della presente edizione.

Dal tema non particolarmente nuovo, ma indubbiamente ricco di spunti è, invece, il lungometraggio The Interpreter, diretto da Martin Sulik, prodotto contemporaneamente da Austria, Slovacchia e Repubblica Ceca e presente all’interno della sezione Berlinale Special.

Infine, a concludere questa breve carrellata di lungometraggi austriaci di questa 68° Berlinale, v’è il lungometraggio Departure, diretto e interpretato da Ludwig Wüst e presentato all’interno della sezione Forum, la sezione più sperimentale dell’intero festival.

E così, anche in questa edizione, l’offerta si è rivelata tanto interessante quanto variegata, con tanto di gradite contaminazioni da diverse nazioni. Il tutto all’interno di un festival cinematografico che, su tutti, si è sempre contraddistinto per l’ottima organizzazione, oltre che per la capacità di far sentire ogni volta a casa i propri accreditati, all’interno dell’intima, piccola e accogliente Marlene Dietrich Platz, storica sede della tanto amata Berlinale.

Di seguito, i lungometraggi austriaci presentati in occasione della 68° Berlinale.

Info: il programma della Berlinale 2018 sul sito della Berlinale