Genere: horror

masking-threshold-2021-granzfurthner-recensione

MASKING THRESHOLD

Masking Threshold è il film che non ci si aspetta. Un film dalla forma ibrida, che in seguito a un iniziale approccio documentaristico assume pian piano le connotazioni di un horror in un crescendo di tensione e comicità. Johannes Grenzfurthner ha attinto a piene mani dai moderni linguaggi dei social media e, nello specifico, da Youtube. Il suo Masking Threshold diviene, così, al contempo, una profonda, semiseria riflessione sul mondo in cui viviamo e sulla società. Alla Diagonale’22.

luzifer-2021-brunner-recensione

LUZIFER

Luzifer si distingue non soltanto per l’ottima gestione degli spazi e delle immagini, ma anche per un profondo simbolismo e per una sottile ambiguità da noi percepita fin dai primi minuti. Alla Diagonale’22.

hagazussa-la-strega-2017-hagazussa-feigelfeld-recensione

HAGAZUSSA – LA STREGA

Diviso in quattro capitoli – Ombre, Corno, Sangue e Fuoco – Hagazussa – La Strega presenta al proprio interno un vero e proprio crescendo, per una serie di suggestioni visive, a cui il costante bordone musicale – a opera del gruppo MMMD – fa da indubbio valore aggiunto.

il-cinema-horror-in-austria-cinema-austriaco

IL CINEMA HORROR IN AUSTRIA

Malgrado diverse pellicole – molte delle quali particolarmente degne di nota – realizzate dalle origini del cinema, fino ai giorni nostri il cinema horror in Austria non ha mai ancora visto un gruppo di cineasti prendere una comune direzione per dar vita a una vera e propria corrente. Almeno fino a oggi.

the-creepy-house-2020-das-schaurige-haus-prochaska-recensione

THE CREEPY HOUSE

Intenzionato – almeno per quanto riguarda questo suo esordio – a seguire (almeno in parte) le orme del padre, dedicandosi al genere horror, Daniel Prochaska si è divertito, in questo suo The creepy House, ad attingere a piene mani da cult del passato, al fine di dare vita a una sorta di coming-of-age dai toni leggeri e dai risvolti inquietanti, dedicato soprattutto a un pubblico di giovanissimi.

attack-of-the-lederhosen-zombies-2016-angriff-der-lederhosenzombies-hartl-recensione

ATTACK OF THE LEDERHOSEN ZOMBIES

Attack of the Lederhosen Zombies ci fa entrare quasi immediatamente nel vivo della vicenda, creando riusciti momenti di tensione, alternati a scene volutamente demenziali. Un demenziale, il presente, di quelli che fanno bene allo spirito, che non si rivela mai eccessivo o gratuito e che, al suo interno, cela anche un grande amore per la settima arte.

hotel-2004-hausner-recensione

HOTEL

Hotel vede il suo massimo punto di forza in una regia fatta di composizioni del quadro rigide e simmetriche, con tanto di colori che virano principalmente al verde o al rosso. Una potenza delle immagini ottenuta grazie al contributo del direttore della fotografia Martin Gschlacht, storico collaboratore della Hausner, nonché co-fondatore della società di produzione Coop99.

the-sinful-women-of-hollfall-2017-die-trud-franz-fiala-recensione

THE SINFUL WOMEN OF HÖLLFALL

Perfettamente in linea con la poetica di Veronika Franz e Severin Fiala, The Sinful Women of Höllfall gioca prevalentemente con sensazioni, timori e suggestioni vissute dai personaggi stessi. A essere messa in scena è, di fatto, la paura stessa del Trud e il profondo senso di colpa che una simile leggenda è riuscita a creare in passato.