Categoria: Altro Cinema

louise-kolm-fleck-instancabile-pioniera-cinema-austriaco

LOUISE KOLM-FLECK – INSTANCABILE PIONIERA

Dopo la francese Alice Guy-Blanché, la seconda regista donna nella storia della settima arte – anch’ella figura assai di rilievo – è stata proprio un’austriaca. Stiamo parlando di Louise Kolm-Fleck, la quale, a suo tempo, ha contribuito a far sì che l’Austria stessa iniziasse ad avere una propria identità anche all’interno del panorama cinematografico di tutto il mondo.

arnold-schwarzenegger-hasta-la-vista-schwarzy-biografia-cinema-austriaco

ARNOLD SCHWARZENEGGER – HASTA LA VISTA, SCHWARZY!

Se una personalità del calibro di Arnold Schwarzenegger – il quale ha da poco compiuto settantadue anni – è riuscita a entrare nel cuore della gente, non è soltanto per il suo fisico straordinariamente scolpito, non è soltanto per la sua importante carriera in ambito cinematografico né tantomeno per i suoi successi in politica e per il suo impegno a favore della salvaguardia dell’ambiente, bensì per essere rimasta una persona umile, vicina alla gente, che sembra non aver mai dimenticato le sue origini.

hedy-lamarr-da-algida-attrice-a-geniale-inventrice-cinema-austriaco

HEDY LAMARR – DA ALGIDA ATTRICE A GENIALE INVENTRICE

In occasione della pre-apertura della 76° Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia, verrà proiettato il lungometraggio Estasi, coproduzione del 1933 tra Cecoslovacchi e Austria per la regia di Gustav Machaty, che a suo tempo fece a dir poco scandalo. Merito del suo successo, (anche) una giovanissima Hedy Lamarr. Ma chi era, di fatto, questa Hedy Lamarr? Non fu soltanto la sua carriera di attrice a far sì che la stessa passasse alla storia, infatti è anche grazie a questa straordinaria personalità che tutti noi, al giorno d’oggi, possiamo usufruire di quella comoda invenzione chiamata wi-fi.

intervista-a-markus-aschleinzer-cinema-austriaco

INTERVISTA A MARKUS SCHLEINZER

In Occasione della rassegna Sotto le Stelle dell’Austria 2019, l’attore e regista Markus Schleinzer presenterà, in apertura, il lungometraggio Angelo, sua opera seconda. Cinema Austriaco ha avuto modo di fare quattro chiacchiere con lui e di farsi raccontare qualcosa in più circa questo suo importante lavoro e la sua prolifica carriera.

oskar-werner-indimenticabile-ribelle-cinema-austriaco

OSKAR WERNER – INDIMENTICABILE RIBELLE

Vera e propria icona del cinema austriaco e internazionale, Oskar Werner, oltre che per il suo grandissimo talento, era noto anche per il suo carattere deciso e a volte irascibile. Malgrado la sua prematura scomparsa, egli, ancora oggi, viene ricordato come una delle personalità più interessanti degli scorsi decenni, nell’ambito della settima arte.

IL CINEMA D’ANIMAZIONE AUSTRIACO – L’ARTE INVISIBILE

Se pensiamo al cinema d’animazione austriaco, particolarmente significativa è la dichiarazione dell’artista Stefan Stratil “ L’Austria è una nazione di film d’animazione senza film d’animazione”. In poche parole: tra tutti i possibili generi cinematografici, quello d’animazione risulta, al giorno d’oggi, in Austria, il meno trattato. Almeno all’apparenza.

heinz-hanus-le-origini-di-una-cinematografia-per-un-grande-mistero

HEINZ HANUS – LE ORIGINI DI UNA CINEMATOGRAFIA PER UN GRANDE MISTERO

Con una durata di circa trentacinque minuti, Von Stufe zu Stufe, primo film austriaco della storia del cinema, per la regia di Heinz Hanus, è stato proiettato per la prima volta nel 1908. Eppure, il tutto resta ancora oggi avvolto nel mistero. Che, infatti, tale film sia andato purtroppo perduto, è una cosa che si può facilmente immaginare. Eppure, malgrado quanto raccontato dallo stesso Heinz Hanus e da altri personaggi, non vi sono, al giorno d’oggi, alcune testimonianze sulle riviste dell’epoca riguardanti le suddette proiezioni.

rush-2013-howard-recensione.jpg

NIKI LAUDA IN RUSH – RITRATTO DI UN AUSTRIACO

Il Niki Lauda messo in scena da Ron Howard in Rush – è un Niki Lauda talmente forte e determinato nel perseguire le sue passioni da soprassedere su ogni qualsivoglia difficoltà: dal quelle prettamente fisiche (straordinario il suo recupero, malgrado le gravi ustioni riportate in seguito all’incidente, dopo soli trentatré giorni di degenza in ospedale), fino a quelle a carattere personale.